BRUXELLES DICHIARA GUERRA A MUSK – IL “FINANCIAL TIMES” SCRIVE CHE TWITTER È IN “ROTTA DI COLLISIONE” CON L'UE. IL SOCIAL NETWORK È FINITO SOTTO ESAME IN BASE ALLE NUOVE LEGGI COMUNITARIE PER LA SORVEGLIANZA DELLE BIG TECH – IL PROBLEMA SONO LE MIGLIAIA DI PROFILI FALSI CHE HANNO SUBITO APPROFITTATO DEL SERVIZIO DI ABBONAMENTO “SPUNTA BLU” E IL FATTO CHE MUSK HA LICENZIATO TUTTI I DIRIGENTI CHE FINORA AVEVANO TENUTO I RAPPORTI CON L'UNIONE EUROPEA – ORA LA PIATTAFORMA RISCHIA MULTE FINO AL 6% DEL SUO FATTURATO

-

Condividi questo articolo


ELON MUSK TWITTER ELON MUSK TWITTER

(ANSA) - "Twitter è in 'rotta di collisione' con Bruxelles" in quanto la piattaforma di social media "si trova ad affrontare un nuovo scrutinio" in base alle leggi Ue per la sorveglianza delle Big Tech entrate in vigore ieri. Lo scrive oggi il Financial Times in un articolo dedicato all'argomento. Secondo il quotidiano britannico "le autorità di regolamentazione europee si sono preoccupate" dopo che Elon Musk ha lanciato il servizio di abbonamento premium "Twitter blue", che ha visto la sua funzione di "spunta blu" abusata da profili falsi.

 

I funzionari europei sono preoccupati - spiega il quotidiano della City - "per il numero di dirigenti di Twitter che hanno lasciato l'azienda" e che "hanno avuto un ruolo nei rapporti con le autorità di regolamentazione e nell'attuazione nella piattaforma delle norme Ue volte a contenere la diffusione di contenuti illegali online". Il Digital services act stabilisce per la prima volta le regole su come le Big Tech devono mantenere gli utenti al sicuro online.

MEME SULLA SPUNTA BLU A PAGAMENTO SU TWITTER MEME SULLA SPUNTA BLU A PAGAMENTO SU TWITTER

 

"Il Dsa richiederà a Twitter, in quanto piattaforma online di grandi dimensioni, una massiccia conformità tecnica e legale", ha dichiarato al Financial Times una fonte informata dei fatti. "Molte di queste persone hanno lasciato o sono state licenziate" denuncia il FT. Le autorità di regolamentazione "sono sempre più preoccupate" per il numero di dirigenti di Twitter che hanno lasciato l'azienda e che ricoprivano posizioni chiave per la sicurezza, dopo che Musk ha tagliato metà dei 7.500 dipendenti.

 

Ieri l'Ue ha dato il via alla designazione delle piattaforme che soddisfano la soglia di almeno 45 milioni di utenti e che dovranno aderire alle regole più severe. Il processo durerà quattro mesi e Twitter dovrebbe rientrare in questa categoria. Christel Schaldemose, europarlamentare che presiede l'implementazione del Dsa ha dichiarato che "se l'Ue non si assicura che le regole Dsa si applichino a Twitter" la legge sulle Big Tech "sarà un fallimento".

 

margrethe vestager margrethe vestager

Il Financial Times riporta che "i rappresentanti di Twitter dovrebbero incontrare i funzionari dell'Ue alla fine del mese per discutere l'effetto delle nuove regole per la piattaforma". "Ma se Musk non affronterà le preoccupazioni per il crescente numero di profili falsi e di troll sulla piattaforma", ammonisce il quotidiano, "Twitter potrebbe rischiare di essere bandito da Bruxelles".

 

"La piattaforma rischia di incorrere in multe fino al 6% del suo fatturato se viene riconosciuta come recidivo e Bruxelles può ordinare a Twitter di cambiare il suo comportamento e multarlo periodicamente finché non smette di farlo", spiega il quotidiano.

 

La vicepresidente della Commissione Ue, Margrethe Vestager e il Commissario del mercato interno, Thierry Breton si starebbero "affrettando per impiegare personale sufficiente per far rispettare le regole". I funzionari di Bruxelles temono inoltre che "l'eliminazione di alcuni moderatori possa influire sulla capacità della piattaforma di controllare i contenuti online", conclude il Financial Times.

ELON MUSK NELLA SEDE DI TWITTER CON UN LAVANDINO ELON MUSK NELLA SEDE DI TWITTER CON UN LAVANDINO ELON MUSK NELLA SEDE DI TWITTER CON UN LAVANDINO ELON MUSK NELLA SEDE DI TWITTER CON UN LAVANDINO MEME SU ELON MUSK CHE LICENZIA I DIPENDENTI DI TWITTER MEME SU ELON MUSK CHE LICENZIA I DIPENDENTI DI TWITTER ELON MUSK NELLA SEDE DI TWITTER CON UN LAVANDINO ELON MUSK NELLA SEDE DI TWITTER CON UN LAVANDINO

 

Condividi questo articolo

media e tv

AAA: CINEMA ITALIANO VENDESI – VE LI RICORDATE GLI ANNI D’ORO DEL CINEMA ITALIANO? BENE, SONO FINITI. IN SALA NON CI VA PIÙ NESSUNO: DAL 2019 AD OGGI LE PRESENZE E IL FATTURATO DEI CINEMA SONO DIMEZZATI – VERDONE: “IN ITALIA NON SIAMO PIÙ PROPRIETARI DI NULLA. FIGURATI SE WOODY ALLEN RIESCE A CAPIRE UN’ITALIA CHE NON CAPIAMO NEANCHE NOI. I FILM ORAMAI SI SCRIVONO UNA SETTIMANA E I RISULTATI SI VEDONO..." – ORAMAI È TUTTO IN MANO AI PRODUTTORI ESTERI, PERFINO LA SERIE TV “MONTALBANO” È FRANCESE – LA COLPA? DEGLI SGRAVI FISCALI DEL MINISTERO DELLA CULTURA (SANGIULIANO FACCI LA GRAZIA)

politica

business

DAGOREPORT - CHE CI FACEVA ALESSANDRO MICHELE, FRESCO DI DIVORZIO GUCCI, NEI PRESSI DELLA SEDE ROMANA DI BULGARI, CELEBERRIMA MAISON DI ALTA GIOIELLERIA? – COSA C’ENTRA CON ANELLI E COLLIER LO STILISTA CHE HA IMPOSTO IL GENDER FLUID SULLA SCENA DEL TAGLIA E CUCI? INVECE, ESISTE UN GUCCI GIOIELLI - I RUMORS SPIFFERANO CHE L’OFFERTA DI BULGARI PER MICHELE SAREBBE CONCRETA MA, A QUANTO PARE, NON ANCORA CORRISPOSTA. IL NUOVO DIRETTORE ARTISTICO DI GUCCI DOVREBBE ARRIVARE PRIMA DI NATALE. E IL NOME CHE CIRCOLA È QUELLO DEL BRAVISSIMO JW ANDERSON…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute