CACCIA AL CADAVERE DI HITLER – LA FANTA-RICOSTRUZIONE DEL SETTIMANALE ‘ADESSO’ CHE ARRICCHISCE UN GENERE LETTERARIO FECONDO SULLA FINE DEL FUHRER – LA SALMA DEL DITATTORE TRAFUGATA E CREMATA DA AGENTI SEGRETI SOVIETICI IN UNA MISSIONE A MAGDEBURGO NEL 1970. L'OBIETTIVO DI MOSCA: PORRE FINE A UNA LEGGENDA INGOMBRANTE CHE ALEGGIAVA IN EUROPA DAL 1945. ERA STATO STALIN NEL GENNAIO DEL 1946 A...

-

Condividi questo articolo

Domenico Megali per Adesso

 

adesso hitler adesso hitler

Nella notte tra il 4 e il 5 aprile del 1970 a Magdeburgo (ex DDR) cinque uomini, tre russi e due tedeschi, sono in missioni per conto di Leonid Breznev. Il leader sovietico vuole mettere la parola fine a una leggenda che aleggia in Europa dal 1945.

 

I cinque uomini posteggiano una Wartburg 353 e un piccolo fuoristrada ARO nel cortile in ghiaia di una villa al numero 36 di Klausener Strasse. I tre russi sono agenti speciali del Kgb capitanati da Nicolaj Kovalenko, braccio destro del grande capo Jurij Antropov.

 

Gli altri due, tedeschi fedeli all’Urss, sono lì per fare il lavoro sporco: vangare. L’obiettivo della missione è top secret. Ne sono al corrente solo loro e i grandi capi di Mosca: riesumare il cadavere di Adolf Hitler e distruggerlo per sempre.

 

Ma come era nata questa missione? Lo abbiamo chiesto a Giovanni Mari, giornalista del Secolo XIX e studioso della propaganda politica che, sull’argomento, ha scritto il romanzo storico Klausener Strasse - 1970: caccia al cadavere di Hitler, il diario segreto del KGB.

 

Come nasce la missione Klausener Strasse?

hitler stalin hitler stalin

Nasce da Stalin che nel gennaio del 1946 decise di seppellire i corpi di Hitler e dei gerarchi che erano con lui nel bunker di Berlino, in un luogo sicuro e segreto. Stalin voleva mantenere la paura di un ritorno di Hitler per avere mani libere e poter compiere qualche missione sporca come quella denominata Nemo. Per questo cercò di occultare quei corpi al resto del mondo, facendoli sparire.

 

Cosa decise di fare?

Dopo aver svolto le autopsie nell’ospedale di Buch sul corpo di Hitler - grazie anche al confronto con la dentatura del cadavere e le radiografie fatte nel 1944, nel gennaio del 1946 Stalin decise di sotterrare segretamente i corpi in un terreno di competenza dell’Armata Rossa a Rathenow vicino a Magdeburgo.

 

E poi cos’è successo?

Non se ne seppe più nulla. Sulla vicenda cadde il silenzio mentre la leggenda sulla scomparsa del corpo di Hitler cresceva. Nel 1970 il KGB fa notare a Breznev che il luogo dove erano stati sepolti i corpi non era più sicuro. Bisognava disfarsene in maniera definitiva e così ordina la missione all’allora capo del KGB, Jurij Andropov.

 

foto originale di hitler foto originale di hitler

Come si svolsero i fatti?

Il giorno prima della missione i cinque avevano recintato il terreno con un telo per tenere lontani sguardi indiscreti. I due tedeschi spalano fino ad arrivare a cinque bare che secondo le precise indicazioni del KGB contenevano nell’ordine: Adolf Hitler ed Eva Braun, Goebbels e sua moglie Magda, Hans Krebs, capo di stato maggiore dell’esercito tedesco tumulato insieme a tre dei sei figli di Goebbels, le altre tre figlie del gerarca, e infine la bara con i due cani di Hitler, Wolf e Blondi.

 

Ma come avviene il riconoscimento, come fanno a esser certi che quei resti appartengono ai corpi seppelliti 25 anni prima? 

soldato sovietico nel bunker di hitler soldato sovietico nel bunker di hitler

I tre agenti russi sanno cosa cercare perché nei rapporti consegnati a Stalin nel 1946 vengono elencati minuziosamente cosa indossano nel momento della sepoltura. Cercano spille, pistole, porta sigarette, calzari, copricapi, la protesi della gamba destra di Goebbels, misurano le altezze dei bambini. Tutto tornava.

 

A quel punto cosa decidono?

Issano quel carico sulle due vetture e si dirigono in una radura isolata a Schönebeck dove bruciano tutto: poi di corsa al Schweinebrücke (Ponte dei Porci) di Biederitz sul fiume Elba dove disperdono quel carico così ingombrante.

 

 

adolf hitler bunker adolf hitler bunker adolf hitler adolf hitler il bunker di hitler il bunker di hitler Ribbentrop Stalin Ribbentrop Stalin STALIN MOLOTOV RIBBENTROP STALIN MOLOTOV RIBBENTROP equiparazione comunisti e nazisti stalin hitler equiparazione comunisti e nazisti stalin hitler il bunker di hitler 8 il bunker di hitler 8 il bunker di hitler 4 il bunker di hitler 4 il bunker di hitler 2 il bunker di hitler 2 il bunker di hitler 7 il bunker di hitler 7 adolf hitler 8 adolf hitler 8 adolf hitler 10 adolf hitler 10 adolf hitler 9 adolf hitler 9 il bunker di hitler 1 il bunker di hitler 1 il bunker di hitler 3 il bunker di hitler 3 rudolf hess 6 rudolf hess 6 il bunker di hitler 5 il bunker di hitler 5 adesso adesso

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

BRAGANTINI REPLICA, DAGO RISPONDE – ‘’OBIETTO AL FATTO DI ESSER DIPINTO COME UOMO LEGATO AD UBI. HO DOVUTO PERFINO FAR CAUSA AD UBI. SEMMAI HO DEI LEGAMI PROFESSIONALI CON INTESA" – DAGO: ''A GIUDICARE DAL SUO ARTICOLO NON SI DIREBBE CHE LEI SI SIA LASCIATO IN MALO MODO CON UBI, ANZI SEMBRA CHE NE SUBISCA ANCORA IL RICHIAMO. EVIDENTEMENTE, NON HA MESSO UN SOLO MOTIVO FAVOREVOLE ALL’OPS DI INTESA SU UBI PROPRIO PERCHÉ HA DEI LEGAMI PROFESSIONALI ATTUALI, TRAMITE UNA SOCIETÀ DA LEI PRESIEDUTA, CON INTESA. ALTRIMENTI, QUALCHE MOTIVO FAVOREVOLE NON AVREBBE CERTO FATICATO A TROVARLO"

cronache

sport

SPROFONDO GIALLOROSSO – DURISSIMO J’ACCUSE DI GIANCARLO DOTTO: "DOPO ROMA-UDINESE SIAMO OLTRE LA VERGOGNA. QUESTA SQUADRA, QUESTA SOCIETÀ SONO ORMAI PEGGIO DI UN FILM HORROR. SOLO OGGI CI RENDIAMO CONTO DEI MIRACOLI CHE FECE SABATINI. DA QUANDO LO HA SCARICATO, LA ROMA È UNA LUPA ZOPPA. PALLOTTA E BALDINI SEMPRE PIÙ AVVINTI DI QUA E LA ROMA CON I SUOI TIFOSI SEMPRE PIÙ SMARRITI DI LÀ: DUE MONDI ORMAI INCONCILIABILI PROTESI SOLO A LIBERARSI L’UNO DELL’ALTRO. CHE FACCIANO IN FRETTA. L’AGONIA NON PUÒ DURARE PIÙ A LUNGO"

cafonal

CAFONALINO DELLE “STELLE CADENTI” - MAI TITOLO FU PIÙ AZZECCATO! ANNALISA CHIRICO PRESENTA IL SUO LIBRO ALLA CASINA VALADIER E CHI PARLA? MATTEO SALVINI! - IL 'CAPITONE' NON SA PIÙ CHE DIRE E LA BUTTA LÀ: “NON SONO DI DESTRA", POI DÀ DEL CRETINO A ZINGARETTI E RITRATTA SUBITO: “RITIRO L’AGGETTIVO” – "LA MELONI MANGIA CONSENSI? SE RIMANE NEL CENTRODESTRA VA BENE COSÌ” - LA CHIRICO INVECE BACIA E ABBRACCIA TUTTI: DAL PRESIDENTE DI HUAWEI ITALIA DE VECCHIS ALL’AMBASCIATORE DI ISRAELE DROR EYDAR E MALAGÒ...

viaggi

salute