LA CANNES DEI GIUSTI - "NORAH" È IL PRIMO FILM DELL'ARABIA SAUDITA CHE SI SIA MAI VISTO A CANNES. UN CASO. E ANCHE UN FILM CORAGGIOSO SU UNA REALTÀ CHE NON CONOSCIAMO, CON UNA RAGAZZA CHIUSA NEL BURKA CHE SOGNA DI FARSI FARE UN RITRATTO DA UN BEL PROFESSORE ARRIVATO DALLA CITTÀ PER INSEGNARE A LEGGERE E A SCRIVERE AI BAMBINI IN UN LONTANISSIMO PAESINO SUL MAR ROSSO - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

norah norah

Si può fare un film con la protagonista chiusa nel burka che sogna di farsi fare un ritratto da un bel professore arrivato dalla città per insegnare a leggere e a scrivere ai bambini in un lontanissimo paesino sul Mar Rosso? "Norah", diretto da Tawfik Alzaidi con Yagoub Alfarhan, il bel professore di città, Maria Bahrawi, nel ruolo della giovane scalpitante Norah che sogna di evolversi dalla morte civile dentro al burka nel suo villaggio sperduto ai confini del mondo, si chiama Aiula, presentato oggi a Un certain regard, è il film in questione e è anche il primo film dell'Arabia Saudita che si sia mai visto a Cannes. Un caso. E anche un film coraggioso su una realtà che non  conosciamo.

 

norah norah

Ambientato negli anni 90, ma tragicamente attuale in vaste parti del Medio Oriente, è tutto centrato sulla figura di Norah, la ragazza che ha capito che non solo non riuscirà facilmente a togliersi il burka, ma soprattutto teme che non riuscirà scappare al suo futuro fra le pecore nel deserto. Unica consolazione sono le riviste che arrivano, censuratissime, al proprietario della drogheria del villaggio che vende di tutto, a che sigarette. E non si potrebbero vendere. Norah si fissa con la storia del ritratto e propone al nuovo maestro, che ha già i suoi problemi per essere finito lì nel nulla, di farle il ritratto proprio dal droghiere.

 

norah norah

Non solo non affatto male, ha già vinto il Festival del Mar Rosso (chissà come erano gli altri film) e rimane un oggetto ben strano e interessante anche in un festival come Cannes. Il protagonista del film Yaqoub Alfarhan, ha detto che lui è il regista  Tawfik Alzaidi, sognavano di poter un giorno portare il film a Cannes. Non si capiscono le somiglianze che abbia il film con "Mad Max 2" di George Miller che il regista ha dichiarato come sua grande fonte d'ispirazione. Certo. Se Miller vede i set del Mar Rosso dove vive Norah ci ambienta subito un nuovo Mad Max.

 

norah norah norah norah

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA