CANNES TRICOLORE! “I DANNATI" DI ROBERTO MINERVINI HA VINTO IL PREMIO PER LA MIGLIORE REGIA NELLA SEZIONE UN CERTAIN REGARD – IL REGISTA, FINORA NOTO E APPREZZATO COME DOCUMENTARISTA: “I GIURATI MI HANNO FATTO I COMPLIMENTI PER UN RACCONTO SULLA GUERRA  IN CUI NON C'È LO SPETTACOLO, L'EROISMO, LA BATTAGLIA, NEMMENO IL NEMICO. PROPRIO QUESTO LI HA STUPITI...” – QUESTA SERA I PREMI DELLA SEZIONE PRINCIPALE DEL FESTIVAL  – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

MINERVINI A CANNES VINCE MIGLIORE REGIA UN CERTAIN REGARD

i dannati di roberto minervini 4 i dannati di roberto minervini 4

(ANSA) - "I dannati", primo lungometraggio di finzione di Roberto Minervini vince il premio per la migliore regia nella sezione Un Certain Regard, di fatto il secondo concorso del festival. Noto per la sua straordinaria qualità come documentarista, questa volta Minervini costruisce una intensa riflessione sulla violenza all'interno di una storia della Guerra di Secessione americana. Il film è coprodotto da Rai cinema e attualmente nelle sale grazie a Lucky Red. 

 

MINERVINI, 'CON IL MIO RACCONTO HO SPIAZZATO LA GIURIA'

i dannati di roberto minervini 1 i dannati di roberto minervini 1

(ANSA) (di Giorgio Gosetti) - Sprizza soddisfazione ma in modo contenuto, con lo stile sommesso e appartato che lo contraddistingue Roberto Minervini, fresco vincitore del premio per la regia a Un Certain Regard con "I Dannati". Si stropiccia le mani guardando la pergamena che sancisce il suo felice debutto nel cinema di finzione dopo tanti premi come documentarista e ha quasi timore di sciogliere il fiocco di seta rossa.

 

"La cosa bella - dice - e' che i giurati mi hanno fatto i complimenti per un racconto sulla guerra (quella di secessione del 1861) in cui non c'è lo spettacolo, l'eroismo, la battaglia, nemmeno il nemico. Proprio questo li ha stupiti, forse spiazzati ma deve essere rimasto nella memoria se si sono ricordati de 'I dannati' dopo più di 10 giorni".

 

roberto minervini roberto minervini

Di fronte a un film che parla del passato ma guarda al presente e' naturale pensare all'America di oggi, divisa nel profondo come ai tempi che racconti. "L'America si è fatta - risponde Minervini - sul mito dell'Unione e della frontiera dove ciascuno si costruiva la sua legge. Ma quell'unione è nata dalla violenza e dal sangue. Per questo mi preoccupa il costante richiamo alla famiglia, al valore fondante della Bibbia, alla compattezza del popolo che inquina l'attesa per le elezioni di novembre. Sento crescere la rabbia, un'affermazione di verità che sono costruite sui messaggi e non sulla realta' dei fatti.

 

Di fronte a questa rappresentazione delle cose e con poteri contrari nella magistratura e nell'amministrazione, anche il governo fatica a comunicare con un paese impaurito e arrabbiato. Spero non prevalga la stanchezza". Perché un film di finzione questa volta? "Per non sentirmi prigioniero del punto di vista di altri, per fare da solo i miei sbagli, per misurarmi con un linguaggio che dovevo in qualche modo inventare".

 

i dannati di roberto minervini 2 i dannati di roberto minervini 2

"I dannati", primo lungometraggio di finzione di Minervini, ha vinto il premio per la migliore regia nella sezione Un Certain Regard, di fatto il secondo concorso del festival. Noto per la sua straordinaria qualità come documentarista, questa volta Minervini ha costruito una intensa riflessione sulla violenza all'interno di una storia della Guerra di Secessione americana. Il film è coprodotto da Rai cinema e attualmente nelle sale grazie a Lucky Red. (ANSA).

i dannati di roberto minervini 5 i dannati di roberto minervini 5 i dannati di roberto minervini 3 i dannati di roberto minervini 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE