salute

CANE ROBOT A NEW YORK

DOVREMO FARE RICHIAMI DI VACCINO ANTI COVID OGNI ANNO? È POSSIBILE ANCHE SE AL MOMENTO NON E’ CERTO - IN PRESENZA DI MUTAZIONI PERICOLOSE, SARA’ NECESSARIO STIMOLARE NUOVAMENTE L'IMMUNITÀ DI CUI OLTRETUTTO NON CONOSCIAMO LA DURATA - GLI SCENARI DELLA PANDEMIA: IL VIRUS DIVENTA ENDEMICO, TROVANDO UNA FORMA DI CONVIVENZA CON L'UOMO TALE DA NON METTERLO IN PERICOLO. IL SECONDO: IL VIRUS CAUSA RISTRETTI FOCOLAI, COME AVVIENE PER IL MORBILLO. IL TERZO È IL PIÙ RASSICURANTE: IL COVID SCOMPARE - MA CE N’E’ UN QUARTO…

DISASTRAZENECA! - LA GRANDE FUGA DAL SIERO DI OXFORD RISCHIA DI METTERE A REPENTAGLIO LA CAMPAGNA VACCINALE - IL SOTTOSEGRETARIO SILERI: “UN ITALIANO SU CINQUE LO STA RIFIUTANDO. IN ALCUNI REGIONI, COME IN SICILIA, LA PERCENTUALE DI DISDETTE E’ TRA IL 50 E L’80 PER CENTO” - L'OBIETTIVO DELLE 500MILA VACCINAZIONI AL GIORNO È ANCORA MOLTO LONTANO. SONO POCO PIÙ DI 9 MILIONI GLI ITALIANI CHE HANNO RICEVUTO ALMENO LA PRIMA DOSE, OVVERO IL 15 PER CENTO DELLA POPOLAZIONE TOTALE E SOLTANTO IL 6,5 È STATO VACCINATO CON DUE DOSI

E QUATTRO! - DOPO PFIZER, ASTRAZENECA E MODERNA, SBARCA IN ITALIA ANCHE IL VACCINO MONODOSE DELLA JOHNSON&JOHNSON: LE PRIME 184 MILA FIALE DOVREBBERO ARRIVARE ALL'AEROPORTO MILITARE DI PRATICA DI MARE - IL GRUPPO AMERICANO AVREBBE DECISO DI TAGLIARE IN MANIERA CONSISTENTE LA PRODUZIONE DEL VACCINO NELLE PROSSIME SETTIMANE, MA NON È CHIARO SE QUESTO IMPATTERÀ SULL'ITALIA - E NEGLI ULTIMI GIORNI GLI EFFETTI COLLATERALI SONO FINITI SOTTO NEL MIRINO DELLE AUTORITÀ SANITARIE USA PER 4 CASI DI TROMBOSI

“POSSIBILI CURE EFFICACI CONTRO IL COVID ENTRO L’ANNO” – L’IMMUNOLOGO ALBERTO MANTOVANI ACCENDE UNA SPERANZA SULLA POSSIBILITÀ DI AVERE UN’ARMA CONTRO IL VIRUS IN CORSIA: “IL SOGNO È DI DISPORRE DI UNA PILLOLA COME QUELLE PER IL VIRUS HIV, CHE RIESCA A TENERE SOTTO CONTROLLO L'INFEZIONE. CI SONO COMPOSTI IN FASE 2 DI SPERIMENTAZIONE CHE CI DANNO MOTIVI DI SPERANZA” – E SUL VACCINO ASTRAZENECA: “C’È UNA NUOVA IPOTESI CHE POTREBBE SPIEGARE I RARI CASI DI TROMBOSI…”

QUANTO DURA L'IMMUNITÀ NATURALE AL COVID? GLI ANTICORPI PERSISTONO ALMENO 9-10 MESI. NON SOLO. CHI TRA I GUARITI DELLA PRIMA ONDATA È STATO ESPOSTO IN MODO DIRETTO NEL CORSO DELLA SECONDA ONDATA A COVID-19 NON SI È RICONTAGIATO - LO STUDIO CONDOTTO DA CRISANTI A VO’ EUGANEO DIMOSTRA L’ESISTENZA DI UNA “BARRIERA PROTETTIVA” PIUTTOSTO DURATURA PER CHI HA INCONTRATO SARS-COV-2, ANCHE DA ASINTOMATICO - MA NON TUTTI QUELLI CHE CONTRAGGONO L'INFEZIONE SVILUPPANO ANTICORPI NEUTRALIZZANTI...