cafonal

CAFONAL: PARR E DISPARI A VILLA MEDICI - METTI UNA SERA MARTIN PARR TRA MAURIZIO CATTELAN E PIERPAOLO FERRARI, ED È SUBITO ‘’TOILET PAPER’’ PARTY – UN TRIANGOLO PERFETTO: COME PARR, CATTELLAN E FERRARI USANO LA MACCHINA FOTOGRAFICA COME UNO STRUMENTO AFFILATO PER RITRARRE LE DERIVE KITSCH DELLA MASSA. UNO SGUARDO IRONICO, DA PROSPETTIVE INUSUALI E SURREALI, CHE HA TRASFORMATO I “PARTY-GIANI” DEL VERNISSAGE IN ALTRETTANTI SOGGETTI KITSCH, NON PIÙ DISTINGUIBILI DAI PERSONAGGI DELLE FOTO - VIDEO

GUARDA COME DONDOLO (CON PUPO E MICHETTI) – AL PARTY PER I SUOI 83 ANNI, EDOARDO VIANELLO LANCIA IL CANDIDATO SINDACO DEL CAMPIDOGLIO DEL CENTRODESTRA ENRICO MICHETTI (CHE SI PRESENTA CON UN OCCHIO NERO): “ECCO L’UOMO CHE SPERIAMO SALVI ROMA” – CON MUGHINI E BERTINOTTI, ANCHE MAGALLI E PUPO CHE SI È SCATENATO A BALLARE SULLA SEDIA. DARIO SALVATORI HA PORTATO IN DONO A VIANELLO UNO DEI SUO PRIMI 45 GIRI, “UMILMENTE TI CHIEDO PERDONO (“MA VORREI SAPERE DI CHE COSA CHIEDEVI PERDONO!”) - IL VIDEO BY FULVIO ABBATE

ADDIO CLAUDIO COCCOLUTO, FAI BALLARE DIO COME HAI FATTO BALLARE TUTTO IL MONDO - LA VECCHIA GUARDIA DEI DJ E TANTI AMICI HANNO RESO L’ESTREMO SALUTO A UN ARTISTA CHE HA DEFINITO CON LA SUA MUSICA QUEL COMPLETO SPETTRO DI SOGNI E BISOGNI, BRUSIO DELL’ANIMA E FRASTUONO DEL MONDO, QUEL PARADISO PEDESTRE CHIAMATO DISCOTECA - DAGO MEMORIES: L’INCONTRO ALL’HIPE CLUB DI CASERTA NEL ’91 E L’INTERVISTA A COCCO SU DISCO, RAVE, IBIZA, GAY CLUBBING, DROGA E NOTTE SENZA FINE (PERCHÉ È LA NOTTE CHE RACCONTA AL MEGLIO QUELLO CHE STA SUCCEDENDO ALLA NOSTRA VITA…) - VIDEO

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

COSA ACCADDE QUELLA NOTTE – IL JAZZISTA MARCELLO ROSA SUONAVA AL RUGANTINO QUEL 5 NOVEMBRE DEL 1958, LA NOTTE CHE NACQUE LA DOLCE VITA - “ANITA EKBERG INIZIO' A BALLARE DA SOLA A PIEDI NUDI. MI SI AVVICINÒ UNA BRUNETTA BONAZZA E MI DISSE IN ROMANESCO: “‘SLACCIAME 'A GUEPIERE E ‘A SOTTANA, MO’ JE FACCIO VEDÈ IO A QUELLA’’-  IN PIENO PAROSSISMO, URLAVA: “DATEMI IL TAPPETO DI ALLAH!”, VOLEVA DIRE DATEMI GIACCHE E CAPPOTTI. E PARTI' LO SPOGLIARELLO. ERA LA BALLERINA TURCA AICHÈ NANÀ - TUTTI I MUSICISTI FURONO CONDANNATI A TRE ANNI CON LA CONDIZIONALE. CON I LORO STRUMENTI ECCITAVANO LA TURCA..."