business

"LA CRISI DEL MONTEPASCHI POTREBBE DARE IL VIA AI CAMBIAMENTI NECESSARI NELL'INDUSTRIA FINANZIARIA ITALIANA" - "BLOOMBERG" SULLO SPEZZATINO MPS E IL RUOLO DI UNICREDIT: "È IL MOMENTO IDEALE PER CAUTERIZZARE LA PIAGA DEL MONTEPASCHI. LA CRISI È COSTATA AI CONTRIBUENTI ITALIANI MILIARDI DI EURO DA QUANDO LA BANCA È STATA NAZIONALIZZATA NEL 2017, EPPURE LANGUE IN FONDO ALLE CLASSIFICHE DELLE BANCHE DELLA ZONA EURO. UN ACQUISTO SELETTIVO DI MPS FA TREMARE GLI ALTRI CAPI DELLE BANCHE DEL PAESE, SPECIALMENTE QUELLI CHE POTREBBERO FINIRE PER ESSERE PREDE. E SONO COSÌ TANTI…"

IL COLOSSO CINESE EVERGRANDE PAGHERÀ INTERESSI PER 35,9 MILIONI AI TITOLARI DELLA EMISSIONE OBBLIGAZIONARIA E ALLONTANA (PER ORA) LO SPETTRO DEL DEFAULT - IL GRUPPO, CON I SUOI 200 MILA DIPEDENTI E GLI ALTRI 3,8 MILIONI DI OCCUPATI LEGATI ALL'INDOTTO, HA UN DEBITO MONSTRE DI 305 MILIARDI DI DOLLARI - TRA GLI OBBLIGAZIONISTI PIÙ ESPOSTI C’È LA BRITANNICA ASHMORE, PER CIRCA 500 MILIONI DI DOLLARI - POI BLACKROCK (400 MILIONI), L'ELVETICA UBS, CON 300 MILIONI, E L'ANGLO-ASIATICA HSBC, CON 200 MILIONI…

MPS, UN OSTAGGIO DELLA POLITICA - LA CESSIONE DELLA BANCA E' BLOCCATA FINO ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE - MA UNICREDIT NON E' PIU' L'UNICA POSSIBILITA': C'E' ANCHE BPER - ORCEL HA ALZATO LA POSTA MENTRE PD E LEGA SONO CONTRARIE A "SPEZZATINI" PUNITIVI DELL'ISTITUTO (SALVINI È TORNATA PARLARE DI UNA GRANDE "BANCA NAZIONALE" CHE METTA INSIEME SOTTO IL CAPPELLO PUBBLICO POP BARI, CARIGE E MPS) - IL NODO SONO I 6-7 MILA ESUBERI PREVISTI - L'EFFICIENZA DEL "MONTE" RISPETTO AI SUOI CONCORRENTI È PEGGIORATA NEGLI ULTIMI ANNI DI CONTROLLO STATALE…

GENERALI, DIETRO LA COLLINA - NAGEL E PELLICIOLI (CHE SILURO’ MARIO GRECO) VOGLIONO LA CONFERMA IN GENERALI DELL’AD DONNET - CONTRO DI LORO, IL PATTO DI CONSULTAZIONE A TRE, FRA CALTAGIRONE, DEL VECCHIO E LA CRT, CHE CONTA AL MOMENTO CIRCA IL 12% - CHE FARA’ LA EDIZIONE HOLDING DEI BENETTON, CON IL SUO 4%? AL MOMENTO È NEUTRALE, MA MOLTI OSSERVATORI RICORDANO CHE ALESSANDRO BENETTON HA SEMPRE INDICATO COME PROPRIO ESEMPIO LEONARDO DEL VECCHIO E ANCHE CHE CRT È IL SECONDO SOCIO DI ATLANTIA…

LE MAPPE PORTANO UN TESORO. E INFATTI APPLE VUOLE RILANCIARE LE SUE “MAPS” – IN PASSATO GLI UTENTI AVEVANO NOTATO ERRORI (ANCHE PERICOLOSI) NELL’APP DI NAVIGAZIONE DELLA “MELA”, AL PUNTO DA FAR PERDERE IL POSTO AI VERTICI DEI SERVIZI SOFTWARE DELLA COMPAGNIA – ADESSO LA APPLE È PRONTA A LANCIARE UNA NUOVA VERSIONE DELL’APPLICAZIONE, CON VISUALIZZAZIONE 3D, SEGNALAZIONI DEGLI INCIDENTI, INFORMAZIONI SUL TRAFFICO E NUOVE GUIDE OTTIMIZZATE E MIGLIORATE – ECCO COME FUNZIONANO E QUANDO SARANNO DISPONIBILI…

I “NO CIABATTAX” DEVONO FARSENE UNA RAGIONE – LE ORRENDE SCARPE ANTI-SESSO PIACCIONO ALLA GENERAZIONE Z E FANNO GOLA AGLI INVESTITORI: NEL 2020 LE CROCS HANNO REGISTRATO ENTRATE PER QUASI 1,4 MILIARDI DI DOLLARI. STESSA FORTUNA PER LE BIRKENSTOCK ENTRATE NELL’OLIMPO DEI MARCHI DI LUSSO LVMH – LE SNEAKERS DI LIDL, VENDUTE A 12 EURO, SONO STATE RIMESSE SUL MERCATO A PREZZI ESORBITANTI. LE YEEZY SLIDES, I SANDALI DI PLASTICA DISEGNATI DA KANYE WEST PER ADIDAS E INDOSSATI DA CHIARA FERRARI COL CALZINO BIANCO, SONO ANDATI A RUBA E ORA…

BRUTTE NOTIZIE PER MACRON - VINCENT BOLLORÉ SI PAPPA IL GRUPPO FRANCESE LAGARDÈRE, ATTIVO NEI MEDIA E NEL RETAIL DEGLI AEROPORTI (NEGOZI RELAY), OLTRE CHE NELL'EDITORIA (NE FA PARTE HACHETTE, NUMERO TRE MONDIALE) - GIÀ IN POSSESSO DEL 27% DEL CAPITALE, VIVENDI (NELLE MANI DI BOLLORÉ) ACQUISTERÀ IL 18% DI LAGARDÈRE DETENUTO DA AMBER CAPITAL, ARRIVANDO COSÌ AL 45%, PER POI LANCIARE UN'OPA (CON I RISCHI DI UN INTERVENTO ANTITRUST) - ORA IL FINANZIERE BRETONE PUO' DEDICARSI AL DOSSIER TELECOM...

PALENZONA HA PORTATO AMAZON LONTANO DA CONFINDUSTRIA? - L'EX VICEPRESIDENTE DI UNICREDIT LAVORA PER AWS, LA DIVISIONE TECH E SERVER DI AMAZON (VERA E PROPRIA GALLINA DALLE UOVA D'ORO) E SEGUE L’ATTIVITÀ DI CONFCOMMERCIO CON ATTENZIONE AI TEMI DEL TRASPORTO - E AMAZON LOGISTICA HA SCELTO DI ADERIRE A CONFTRASPORTO DI CONFCOMMERCIO E NON A FEDERTRASPORTO (DI CONFINDUSTRIA) - AVVISO AI NAVIGATI: I RAPPORTI FRA PALENZONA E L’ATTUALE PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA, CARLO BONOMI, NON SONO MAI STATI ECCELSI…

GENERALI DELLE MIE BRAME – FALLITO IL TENTATIVO DI NAGEL DI TROVARE UN ACCORDO CON DEL VECCHIO E CALTAGIRONE, METTENDO A DISPOSIZIONE LA TESTA COTONATA DEL PRESIDENTE GABRIELE GALATERI, ORA LA LOTTA DI POTERE, FINO A IERI SOTTERRANEA, SARÀ ALLA LUCE DEL SOLE. A PARTIRE DA MEDIOBANCA: SE IL PAPERONE DI AGORDO, CHE HA IN TASCA IL 19%, NON PUÒ PERMETTERSI, COME DA ACCORDI CON LA BCE, DI FARE UNA LISTA ALTERNATIVA, PUÒ SEMPRE VOTARE UNA LISTA LANCIATA DA CALTARICCONE (3%), IL QUALE NON HA SUL GROPPONE NESSUNO IMPEGNO FIRMATO CON LA BCE. E PER NAGEL SARA’ DURA…

M’ALLUMINIO D’IMMENSO - NELL’ULTIMO ANNO IL PREZZO DELL’ALLUMINIO È QUASI RADDOPPIATO, PASSANDO DA 1.477 A 3.000 DOLLARI ALLA TONNELLATA – COLPA DELLA CINA: È IL PIÙ GRANDE PRODUTTORE AL MONDO DEL METALLO, CON 37 MILIONI DI TONNELLATE ALL’ANNO, E DAL 2020 È DIVENTATO ANCHE L’IMPORTATORE PRINCIPALE - IN ITALIA, L'ALLUMINIO RICICLATO COPRE IN ITALIA CIRCA IL 35% DEL FABBISOGNO, MA CON LA SVOLTA ECOLOGICA, LA QUANTITÀ DI MATERIALE RICICLATO È DESTINATO AD AUMENTARE…