politica

IL CONTE DEI RECORD (NEGATIVI) – SAPETE QUAL È STATO IL GOVERNO PIÙ SOVRANISTA DEGLI ULTIMI 5 ANNI IN ITALIA? IL GOVERNO CONTE! NON QUELLO GIALLOVERDE, MA IL CONTE2, FRUTTO DEL MATRIMONIO TRA IL M5S E GLI ULTRA-EUROPEISTI DEL PD! – LA RISPOSTA È INEQUIVOCABILE SE SI GUARDA AL NUMERO DI PROCEDURE DI INFRAZIONE APERTE DALL'UE - IN SEGUITO ALLA MANCATA APPLICAZIONE DELLE NORME EUROPEE. NEL 2020 L'ITALIA SI È INFATTI VISTA APRIRE BEN 36 PROCEDURE DALLA COMMISSIONE, RECORD ASSOLUTO DEL QUINQUENNIO…

“L’UNICO GESTO POLITICO DELLA DADONE È STATA LA FOTO CON LE SCARPE SUL TAVOLO” – MATTEO RENZI A VALANGA CONTRO I GRILLINI A “IN ONDA”: “SONO AMBIGUI. HANNO DETTO CHE AVREBBERO CAMBIATO LA RIFORMA CARTABIA TORNANDO A QUELLA DELLO SCIENZIATO-DJ BONAFEDE E RISCHIANO DI NON FARLO PERCHÉ C'È LA FIDUCIA" – "NON HANNO I NUMERI PER FAR CADERE IL GOVERNO. SONO IN SOFFERENZA MA 'GNA FANNO, PRIMA DI FAR CADERE IL GOVERNO SI TAGLIANO LA MANO. DI MAIO? NON SI DIMETTE NEMMENO CON LE CANNONATE…”  - VIDEO

CROSETTO RIENTRA IN PISTA – LA FEDERAZIONE DI AZIENDE ITALIANE PER L’AEROSPAZIO E LA DIFESA, AIAD, PRESIEDUTA DA GUIDO CROSETTO, È STATA RIAMMESSA NEL COMITATO TECNICO CHE SI OCCUPERÀ DEI FONDI EUROPEI PER LA DIFESA. CROSETTO HA MOSSO MARI E MONTI PER CHIEDERE IL POSTO SPETTANTE ALL’ITALIA, ED È INTERVENUTO ANCHE L’AMBASCIATORE A BRUXELLES BENASSI – RESTANO I DUBBI DEL COMMISSARIO UE THIERRY BRETON SUL POTENZIALE CONFLITTO DI INTERESSI DEL FONDATORE E IDEOLOGO DI “FRATELLI D’ITALIA”…

TORNA A CASA-LINO! – “LA VERITÀ” METTE IN FILA TUTTO QUELLO CHE NON QUADRA DELL’INVESTIMENTO IMMOBILIARE DI TA-ROCCO A ROMA: “NELLA CASA C'È UNA SOCIETÀ IN AFFITTO, CHE DA CONTRATTO DOVREBBE RIMANERE LÌ FINO AL 2024, CHE SI OCCUPA DI PRODURRE SOFTWARE E FIRMWARE. IL PRESIDENTE DEL CDA È TALE GIANNI CUOZZO, CHE SI PRESENTA COME HACKER” – “I RISK MANAGER A MAGGIO SCORSO HANNO SEGNALATO ANCHE DUE BONIFICI DI IMPORTO RILEVANTE. IL PRIMO ‘IN AVERE’ PER 349.973 EURO. SUCCESSIVAMENTE UNO IN USCITA, CON CAUSALE GIROCONTO, DI…

TARGATO SAVONA – IL PRESIDENTE DELLA CONSOB A DANIELE FRANCO: “RENZI MI ACCUSA CHE, ESSENDO STATO NOMINATO DA UN GOVERNO POPULISTA, FACCIO DELLE PREFERENZE. MINISTRO, SE SOLO HAI IL DUBBIO CHE POSSA FARE QUESTO, TI PREGO, INVITAMI A FARE FAGOTTO E ANDARMENE”. PECCATO CHE LA NOMINA DELL’AUTHORITY NON SIA DI COMPETENZA DEL TESORO! – COME MAI, SE IL LIBRO DI MATTEUCCIO È USCITO IL 13 LUGLIO, TUTTI SI ACCORGONO DELLE FRASI SULL’INTRECCIO CAIRO-CONTE-SAVONA SOLTANTO ADESSO? FORSE PERCHÉ LE HANNO LETTE IERI SU DAGOSPIA?

OTTANTA VOGLIA DI MATTARELLA – UGO MAGRI: “GUAI A CONSIDERARE MATTARELLA UN PRESIDENTE ‘DIMEZZATO’ DAL SEMESTRE BIANCO” – “LA COINCIDENZA DEL DOPPIO ENERGICO INTERVENTO COL GIORNO DEL COMPLEANNO NON È CASUALE. PUÒ SIGNIFICARE CHE NON STIAMO VIVENDO TEMPI NORMALI E, DUNQUE, C'È POCO DA FESTEGGIARE. ALTRA POSSIBILE INTERPRETAZIONE: FINO ALL'ULTIMO ISTANTE DEL SUO MANDATO, L'ATTUALE INQUILINO DEL COLLE SI REGOLERÀ COME SE FOSSE IL PRIMO. CONTRO GLI IRRESPONSABILI, IL PRESIDENTE POTREBBE SFODERARE L'ARMA FINALE..."

“FIGURARSI SE PASSO TRA I BAMBINI CON UNA PISTOLA ADDOSSO. NON FACCIO LO SCERIFFO, SONO UN MEDICO” – IL CANDIDATO SINDACO DEL CENTRODESTRA A MILANO, LUCA BERNARDO, REPLICA PICCATO ALLE ACCUSE DEL CONSIGLIERE REGIONALE MICHELE USUELLI: “NON HO MAI GIRATO ARMATO IN OSPEDALE. DIECI ANNI FA HO OTTENUTO UN PORTO D’ARMI DA DIFESA, COME LA MAGGIOR PARTE DEI MEDICI…”. MA CHE DICE? FORSE HA CONFUSO IL CONCETTO DI "MEDICI IN PRIMA LINEA"? È FINITO PRIMA ANCORA DI COMINCIARE LA CAMPAGNA ELETTORALE...

“SONO RIMASTO STUPITO NEGATIVAMENTE” – SALVINI FA IL BAMBINO IMBRONCIATO DOPO LA BORDATA DI DRAGHI IN CONFERENZA STAMPA: “SE AVEVA QUALCHE OSSERVAZIONE POTEVA DIRMELO AL TELEFONO” – “UN GIORNO LETTA MI DÀ QUASI DELL'ASSASSINO PERCHÉ HO DETTO CHE UN CITTADINO DI VOGHERA HA DIRITTO DI DIFENDERSI SE VIENE AGGREDITO. IL GIORNO DOPO, PUR NON ESSENDO UN NO VAX, MI VEDO ATTRIBUITE COLPE CHE NON HO. ANCHE BASTA, DIREI”. È UNA MINACCIA? – “A CHI SI LAMENTA DICO DI AVERE FIDUCIA, NOI NON CAMBIEREMO IDEA” (GIÀ FATTO…)

CONTE, ORA CHE FAI? – LA MOSSA DI DRAGHI SULLA FIDUCIA ALLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA HA SBATTUTO L’AVVOCATO DI PADRE PIO CONTRO UN MURO: I PARLAMENTARI DEL MOVIMENTO 5 STELLE PRONTI A NON VOTARE LA FIDUCIA SAREBBERO NON PIÙ DI 30 – L’USCITA DELLA DADONE SULLE DIMISSIONI ERA CONCORDATA CON IL LEADER ETERNAMENTE IN PECTORE DEL MOVIMENTO? LA MINISTRA POCHE ORE PRIMA AVEVA VOTATO SÌ ALLA RICHIESTA DI FIDUCIA, APPROVATA ALL’UNANIMITÀ DAL CDM INSIEME AI COLLEGHI DEL M5S: "NESSUNO DI LORO HA FIATATO..."

DRAGHI SBATTE CONTE AL MURO: CHIEDENDO LA FIDUCIA L'HA SCHIACCIATO IN UN CUL DE SAC: SE LA POCHETTE DICE NO ALLA RIFORMA CARTABIA, IL M5S DOVRÀ USCIRE DAL GOVERNO, ANDARE ALL'OPPOSIZIONE E ASSISTERE ALLA SCISSIONE DEI ''GOVERNISTI'', ALMENO IL 40% DEI PARLAMENTARI CAPEGGIATI DA DI MAIO, CHE NON VOGLIONO ABBANDONARE LA MAGGIORANZA - SE CONTE DICESSE SÌ ALLA RIFORMA, OLTRE A PERDERE LA FACCIA, POTREBBE RITROVARSI UNA SPACCATURA UGUALE E CONTRARIA NEL M5S: L'ADDIO DEI GRILLINI DURI E GRULLI SEGUACI  DI PATUANELLI, BONAFEDE, TRAVAGLIO, DI BATTISTA ETC. - COME FA SBAGLIA, ANZI SPACCA… E DIRE CHE A LUI E GUIDO ALPA DELLA RIFORMA FREGA POCHISSIMO: GLI INTERESSA RESTARE AL POTERE...

“DA DRAGHI PAROLE DI TERRORE” - MENTRE SALVINI CORRE A FARSI VACCINARE E SI FA FOTOGRAFARE CON IL GREEN PASS SUL TAVOLO ("MA NON È UNA RISPOSTA A DRAGHI"), GIORGIA MELONI RINTIGNA SU FACEBOOK: “È UN ANNO E MEZZO CHE A PAGARE SONO SEMPRE GLI STESSI: BAR, RISTORANTI, IL SETTORE DELLO SPORT E DELLA CULTURA”. CARA GIORGIA, PAGHEREBBERO ANCORA DI PIÙ SE FOSSERO COSTRETTI A RICHIUDERE. È PROPRIO A QUESTO CHE SERVE IL CERTIFICATO VERDE - POI IN SERATA ANNUNCIA: "MI VACCINO, NON SONO NO-VAX..."

"IO HO FATTO DUE DOSI, MA NON MI SENTIREI DI OBBLIGARE NESSUNO A FARLO, ANCHE IN CAMPIDOGLIO" - ECCONE UN ALTRO! ANCHE IL CANDIDATO DEL CENTRODESTRA A ROMA ENRICO MICHETTI FA IL PARACULO SUI VACCINI, IN PIAZZA CON LA MELONI - "LE NOMINE DELLA RAGGI AL TEATRO DELL'OPERA? A FINE MANDATO SI DOVREBBERO LASCIARE IN CAPO AL NUOVO SINDACO" - "L'EMERGENZA RIFIUTI È IL RISULTATO DI UNA BATTAGLIA POLITICA FRA CAMPIDOGLIO E REGIONE LAZIO CHE AVVIENE SULLA PELLE DEI CITTADINI DA TROPPO TEMPO" (E QUINDI LUI COSA HA INTENZIONE DI FARE?)

POSTA! - L’AVVOCATO DEGLI ESPULSI DAL M5S LORENZO BORRÈ: “LA PRASSI  DEI VERTICI PENTASTELLATI È SEMPRE STATA QUELLA DI INTERPRETARE COME VINCOLANTE L'OBBLIGO DI VOTARE LA FIDUCIA OGNI VOLTA CHE VENGA POSTA DA UN GOVERNO SOSTENUTO DAL PARTITO” - “PONENDO LA FIDUCIA SULLA RIFORMA CARTABIA, CHE STA ALLA POLARITÀ OPPOSTA DELLA RIFORMA BONAFEDE, DRAGHI METTE I PENTASTELLATI DI FRONTE A UN BIVIO. ANZI A UN TRIVIO: VOTARE LA FIDUCIA RINNEGANDO I PRINCIPI GIUSTIZIALISTI; NON VOTARLA (MAGARI ASTENENDOSI) E AUTOESPELLERSI IN MASSA DAL PARTITO OPPURE…”

ALT! FABIANA DADONE È COSTRETTA ALLA RETROMARCIA DOPO IL PRESSING DEI PARLAMENTARI GRILLINI E DEL PD: “C’È UNA CHIARA APERTURA DEL PRESIDENTE DRAGHI E DELLA MINSITRA CARTABIA. NON È NEL MIO STILE MINACCIARE MA È NEL NOSTRO STILE DIALOGARE” - SEMBRA CHE CI SIA STATA UNA CHIAMATA TRA ALTI DIRIGENTI GRILLO-DEMOCRATICI “SE NON CHIARITE OGGI FINISCE LA NOSTRA ALLEANZA” – ADESSO CONTE DOVRÀ FAR INGOIARE LA GIUSTIZIA A QUALCHE ORTODOSSO. METTETEVI COMODI, IL FILM È APPENA INIZIATO… - VIDEO

CONTE SULLA GIUSTIZIA VIENE SCARICATO ANCHE DA LETTA - ENRICHETTO SI SCHIERA SUBITO CON DRAGHI E PLAUDE ALLA FIDUCIA SULLA RIFORMA CARTABIA. IL QUADRO È CHIARO: SE L’AVVOCATO DI PADRE PIO VUOLE DAVVERO ROMPERE SULLA GIUSTIZIA, SALTERANNO ANCHE LE ALLEANZE - È STATO DIRETTAMENTE DRAGHI A CHIEDERE IN CDM L’AUTORIZZAZIONE, PER CARICARE IL GESTO DI VALENZA POLITICA E FAR CAPIRE A “GIUSEPPI” CHI COMANDA, TRA L’IMBARAZZO DEI MINISTRI GRILLINI (MA NON DI LUIGI DI MAIO, CHE GODE…)

“IL GIORNO DOPO L’IRRUZIONE ALLA DIAZ, DE GENNARO PRESENTÒ LE SUE DIMISSIONI. IO PERÒ LE RESPINSI” – A 20 ANNI DAL G8, L’ALLORA MINISTRO DELL’INTERNO CLAUDIO SCAJOLA RIVELA COSA ACCADDE DOPO LA MATTANZA DI GENOVA: “L'OPERAZIONE ERA STATA DECISA PERCHÉ CI AVEVANO DETTO CHE NELLA SCUOLA C’ERANO I BLACK BLOC PIÙ PERICOLOSI. NON ERA VERO. MA AVEVAMO ALLARMANTI RAPPORTI INFORMATIVI SUL TERRORISMO. SI FACEVA IL NOME DI BIN LADEN. DUE MESI DOPO CI SAREBBE STATO L’ATTENTATO ALLE TORRI GEMELLE”

“NON RIESCO A CAPIRE PERCHÉ ALCUNI LEADER DI CENTRODESTRA INSISTANO NEL DIRE CHE NON SERVE IL VACCINO” - ALESSANDRO SALLUSTI MOLLA LA "SUA" DESTRA SULL'ALTARE DEL DRAGHISMO SENZA LIMITISMO: “NON MI SPIEGO QUESTA POSIZIONE AMBIGUA DELLA MELONI E DI SALVINI. TUTTI I SONDAGGI DICONO CHE PIÙ O MENO IL 73-74 PER CENTO DEGLI ITALIANI È D'ACCORDO CON QUESTA TESI, ANCHE TRA GLI ELETTORI DI FRATELLI D'ITALIA E DELLA LEGA…” - È L'ENNESIMA RIPROVA DEL FATTO CHE GLI ANGELUCCI LO HANNO CHIAMATO A "LIBERO" PER SPOSTARE IL QUOTIDIANO SU POSIZIONI FILO-GOVERNATIVE... – VIDEO

I NO VAX COME FUNGHI: SPUNTANO DAPPERTUTTO - IACOBONI: "UNO PENSA CHE SIANO SOLO QUALCOSA DI DESTRA, PRONTI A VOTARE SALVINI E MELONI. VERO, MA SOLO IN PARTE. IERI SERA IN PIAZZA CASTELLO A TORINO, NELLA MANIFESTAZIONE GREMITA CONTRO IL GREEN PASS DEL GOVERNO DRAGHI, A INFIAMMARE LA FOLLA SUL PALCO AL GRIDO DI 'LI-BER-TÀ LI-BER-TÀ' C'ERA ANCHE UN PROFESSORE TORINESE DELLA GAUCHE BORGHESE IMPEGNATA, UGO MATTEI, GIÀ FONDATORE DELLA LISTA "FUTURA PER I BENI COMUNI", SINISTRA PARTECIPATA, APERTISSIMA AL MONDO GRILLINO…"

“SIAMO APERTI A MIGLIORAMENTI TECNICI” - MARIO DRAGHI E MARTA CARTABIA IN CONFERENZA STAMPA TENGONO IL PUNTO SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA E CON LA FIDUCIA METTONO ALL'ANGOLO CONTE: “C’È UN TESTO APPROVATO ALL’UNANIMITÀ DAL CDM E QUESTO È UN PUNTO DI PARTENZA, C’È LA BUONA VOLONTÀ AD ACCOGLIERE EMENDAMENTI DI CARATTERE TECNICO E NON STRAVOLGANO L’IMPIANTO” - LA GUARDASIGILLI: “IL TEMA È DIFFICILE MA INELUDIBILE, IL PROBLEMA DELLA DURATA DEI PROCESSI È GRAVE IN ITALIA" 

CHE FICO ESSERE CASTA - VI RICORDATE QUANDO IL PRESIDENTE DELLA CAMERA VIAGGIAVA IN AUTOBUS? ORA SI MUOVE  TUTTO TRANQUILLO CON NOVE AGENTI DI SCORTA - MATTIA FELTRI: “È PERFETTO. SEMBRA UN CASINI CHE NON SI RADE: VA ALLE PARATE MILITARI, OMAGGIA I GRANDI DELLA TERRA, NON SBAGLIA UN COLPO. IERI GLI HANNO CHIESTO SE IL GREEN PASS SIA APPLICABILE PURE IN PARLAMENTO. SAPETE CHE HA RISPOSTO? LA QUESTIONE NON ESISTE, HA RISPOSTO: NON SI PUÒ CHIEDERE A UN PARLAMENTARE SE SI È VACCINATO O NO. AL POPOLO SÌ, AI PARLAMENTARI NO. CARO FICO, SA COME SI DICE A TORINO? ESAGERUMA NEN….”