CARLA VANNI MEMORIES: IL FIGLIO GAY DI GIULIO ANDREOTTI – IL “DIARIO INCOMPLETO” DELLA GIORNALISTA CHE, PER 50 ANNI, È STATA UNO DEI MOTORI DELLA MODA E DELL’EDITORIA ITALIANA, RACCHIUDE UNA CHICCA FANTASTICA: ESTATE 2008, CARLA FENDI ATTOVAGLIA LAMBERTO ANDREOTTI CON I GENITORI GIULIO E LIVIA: “LAMBERTO AVEVA POSTO UNA CONDIZIONE IMPRESCINDIBILE: SAREBBE VENUTO COL SUO COMPAGNO, MA BISOGNAVA CHE SUA MADRE NON SOSPETTASSE NULLA DEL LEGAME CHE C’ERA FRA LORO'' - ''ALTRA DIFFICOLTÀ: ERA APPENA USCITO ‘’IL DIVO’’ DI PAOLO SORRENTINO…”

-

Condividi questo articolo


Carla Vanni Carla Vanni

“Diario Incompleto (di giornalismo e moda)”

L'autobiografia, dichiaratamente incompleta, di chi, per oltre cinquant'anni, è stata l'anima dello "Stile Grazia". Moda italiana ed editoria, un connubio che ha a che fare con un luogo, Milano, e con un periodo irripetibile di sperimentazione e di creatività. 

 

Giornalista per caso, entrata nel 1958 nella redazione di "Grazia", il settimanale di cui diventerà direttore e anima indiscussa per cinquant'anni, Carla Vanni racconta dall'interno il mondo dei giornali, la nascita del Made in Italy e l'ascesa dei grandi stilisti che sono diventati suoi amici: Armani, Krizia, Versace, Dolce & Gabbana, Ferré, i Missoni, le Fendi... 

 

Lo "stile Grazia", il clima culturale milanese, le sfilate e il mondo della carta stampata dagli anni Sessanta a oggi sono intrecciati a momenti più personali e privati. Nessun ordine cronologico, perché "noi siamo ciò che ricordiamo di essere stati". 

 

carla vanni eric clapton carla vanni eric clapton

Un racconto, un'autobiografia dichiaratamente "incompleta", in cui emergono le immagini del bosco dove si rifugiava con gli amici - da Camilla Cederna a Mariuccia Mandelli -, delle notti d'estate a Pantelleria a guardare le stelle con Giorgio Armani, delle tavolate colorate e ricche di idee e buon cibo con Rosita e Tai Missoni, delle serate all'ombra della maga Circe con Carla Fendi e il gruppo di Sabaudia. E poi i corridoi, amati e anche no, della Mondadori, e i ritratti di personaggi come Karl Lagerfeld, Antonio Tabucchi, Riccardo Muti, Marcello Mastroianni, Monica Vitti e molti altri.

 

lamberto andreotti carla fendi lamberto andreotti carla fendi

Capitolo estratto dal libro di Carla Vanni, “Diario Incompleto (di giornalismo e moda)” - Rizzoli

 

Tra cultura, politica e sfumature pastello. A Carla Fendi e alle estati con lei sono legati alcuni dei ricordi più intensi. Era la Sabaudia delle dune e di Alberto Moravia e Pier Paolo Pasolini, in vacanza nella loro casa deliziosa pieds dans l’eau che in seguito Carla avrebbe tentato inutil-mente di comprare, atmosfere che ho ritrovato in Caro Pier Paolo di Dacia Maraini.

 

Ma l’episodio più divertente riguarda un ospite molto speciale. Carla era amica di Lamberto Andreotti,  figlio di Giulio, grande manager farmaceutico a New York, e una sera – era l’estate del 2008 – le venne l’idea di invitare il padre a cena con sua moglie Livia e con la figlia Serena, che lavorava alla Treccani. Ma chi metti a tavola accanto ad Andreotti? E come conduci la conversazione?

giulio andreotti con i figli marilena e lamberto giulio andreotti con i figli marilena e lamberto

 

La vigilia ci fu una specie di consiglio di guerra, al quale io e mio marito partecipammo, con Carla e Candido, preoccupatissimo dall’aspetto formale e diplomatico della faccenda. Lamberto aveva posto una condizione imprescindibile: sarebbe venuto col suo compagno, ma bisognava che sua madre non sospettasse nulla del legame che c’era fra loro. 

GIULIO ANDREOTTI CON LA MOGLIE LIVIA DANESE E I FIGLI SERENA STEFANO LAMBERTO E MARILENA GIULIO ANDREOTTI CON LA MOGLIE LIVIA DANESE E I FIGLI SERENA STEFANO LAMBERTO E MARILENA

 

Altra difficoltà: era appena uscito Il divo di Paolo Sorrentino, ma era meglio dimenticarsene e non fare domande. Alla  ne decidemmo di non angosciarci troppo: dopotutto Andreotti era un uomo di mondo e ne aveva viste tante.

 

Quella sera c’erano, tra gli altri, Quirino Conti, Orlando Gentili, Piero Tosi, Franco Savorelli, una principessa romana e Gigi Giuliani che la mattina aveva comprato al mercato un pesce enorme, piatto forte del menu che comprendeva rolls alla menta per l’aperitivo e pesche al forno col gelato: il tutto servito su strabilianti ceramiche Perrochon rosa spento e acquamarina.

Lamberto Andreotti Lamberto Andreotti

 

 

 

 

Fu Andreotti, alla  fine – persona spiritosa, come si sapeva – a nominare il  film di Sorrentino. E si capì che l’aveva proprio detestato.

il divo il divo paolo sorrentino 6 paolo sorrentino 6

maria luisa agnese carla fendi carla vanni a marrakech maria luisa agnese carla fendi carla vanni a marrakech carla vanni leah rabin leonardo mondadori carla vanni leah rabin leonardo mondadori mapi, Fleur Jaeggy , lucia, anna vanner carla vanni mapi, Fleur Jaeggy , lucia, anna vanner carla vanni carla vanni franco ferraro a cuzco carla vanni franco ferraro a cuzco carla vanni a parigi carla vanni a parigi Carla Vanni Carla Vanni laura dubini rita airaghi riccardo muti gianfranco ferre beppe modenese carla vanni laura dubini rita airaghi riccardo muti gianfranco ferre beppe modenese carla vanni Carla Vanni Carla Vanni MARIA TERESA MASTROMARINO CARLA FENDI GIANNI LETTA MADDALENA LETTA CARLA VANNI CANDIDO SPERONI MARIA TERESA MASTROMARINO CARLA FENDI GIANNI LETTA MADDALENA LETTA CARLA VANNI CANDIDO SPERONI diana vreeland karl lagerfeld diana vreeland karl lagerfeld carla vanni giorgio armani in redazione carla vanni giorgio armani in redazione carla vanni karl lagerfeld carla vanni karl lagerfeld kicca menoni carla vanni kicca menoni carla vanni Carla Vanni Carla Vanni carla vanni in redazione carla vanni in redazione giorgio armani carla vanni foto di gruppo a pantelleria giorgio armani carla vanni foto di gruppo a pantelleria

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...