CIAK! C'E' UNA “TALPA” SUL SET BLINDATISSIMO DI PAOLO SORRENTINO – PARLA IL CHIRURGO ESTETICO GIUSEPPE SITO, CHE PER TRE GIORNI HA FATTO LA COMPARSA PER LA NUOVA PELLICOLA DEL REGISTA PREMIO OSCAR, “PARTHENOPE”: “MI AVEVANO DETTO CHE PAOLO È MANIACALE ANCHE CON LE COMPARSE. VERISSIMO. C’ERANO 24 MILA ABITI PRONTI PER ESSERE INDOSSATI” – I CIAK PER UNA SCENA CORALE DI BALLO “IN UNA BELLISSIMA VILLA SUL MARE A POSILLIPO, CHE ERA APPARTENUTA AD ACHILLE LAURO. C’ERANO 100 PERSONE AL LAVORO, OGNI SCENA POTEVA ESSERE RIPETUTA ANCHE 10-12 VOLTE. C'ERANO REGOLE SEVERISSIME: NIENTE FOTO E...

-

Condividi questo articolo


Anticipazione da “Oggi”

 

celeste dalla porta paolo sorrentino - photo hollywood authentic greg williams celeste dalla porta paolo sorrentino - photo hollywood authentic greg williams

C’è fitto mistero intorno al nuovo film di Paolo Sorrentino di cui si conosce solo il titolo provvisorio: Parthenope. A rivelarne in anteprima alcuni dettagli al settimanale OGGI, nel numero in edicola da giovedì 21 marzo, è il chirurgo estetico Giuseppe Sito, che sul blindatissimo set è rimasto tre giorni in qualità di comparsa.

 

«Cercavano dei volti da nobili decaduti napoletani… Mi avevano detto che Paolo è maniacale e preciso anche con le comparse. Verissimo. Pensate che c’erano circa 24 mila abiti pronti per essere indossati. Dovevo indossare lo smoking, ma mi sono portato il mio da casa».

 

IL CHIRURGO ESTETICO GIUSEPPE SITO IL CHIRURGO ESTETICO GIUSEPPE SITO

Sito già conosceva Sorrentino perché «la casa in montagna dei suoi genitori era porta a porta con quella di mio zio. Sì, proprio la casa della tragica disgrazia che uccise Sasà e Tina, papà e mamma di Paolo, quando lui aveva appena 15 anni (avvelenati dal monossido di carbonio di una stufa, ndr). Fu mio cugino a scoprire cos’era successo».

 

Il ciak è arrivato a luglio, a Posillipo «in una bellissima villa sul mare che era appartenuta ad Achille Lauro, l’armatore, non il cantante. A quel punto sembravo il Conte di Montecristo, perché mi avevano detto di non tagliarmi più la barba. Sul set c’erano 100 persone al lavoro, con regole severissime: niente foto e non interrompere per nessuna ragione la scena che si stava girando. Ogni scena poteva essere ripetuta anche 10-12 volte e l’ultimo giorno abbiamo lavorato dalle 17.30 alle 6 del mattino successivo. Era una scena corale, nel salone delle feste. Ci hanno detto: “Adesso sentirete una musica, mettetevi tutti a ballare“».

 

gary oldman - photo hollywood authentic greg williams gary oldman - photo hollywood authentic greg williams

Sito racconta che quando Sorrentino lo ha visto tra le comparse «mi ha riconosciuto, ci siamo abbracciati e baciati. Lui stava sempre col sigaro, in bermuda. Capirete, c’erano 34 gradi all’ombra».

 

Il medico ha fatto anche una scena da solo: «Dovevo salutare Peppe Lanzetta, che nel film è un uomo di chiesa. All’ultimo momento Sorrentino gli ha fatto pronunciare una frase molto particolare: “Ricordatevi che a Dio il mare non piace. Non gli piace”».

daniele rienzo celeste dalla porta dario aita - photo hollywood authentic greg williams daniele rienzo celeste dalla porta dario aita - photo hollywood authentic greg williams paolo sorrentino foto di bacco (2) paolo sorrentino foto di bacco (2) IL CHIRURGO ESTETICO GIUSEPPE SITO IL CHIRURGO ESTETICO GIUSEPPE SITO paolo mazzarelli and celeste dalla porta - photo hollywood authentic greg williams paolo mazzarelli and celeste dalla porta - photo hollywood authentic greg williams celeste dalla porta - photo hollywood authentic greg williams celeste dalla porta - photo hollywood authentic greg williams celesta dalla porta - photo hollywood authentic greg williams celesta dalla porta - photo hollywood authentic greg williams paolo sorrentino foto di bacco paolo sorrentino foto di bacco gary oldman - photo hollywood authentic greg williams gary oldman - photo hollywood authentic greg williams celeste dalla porta gary oldman - photo hollywood authentic greg williams celeste dalla porta gary oldman - photo hollywood authentic greg williams

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ