CIAK, MI GIRA - IL BIOPIC “BOB MARLEY: ONE LOVE” RIMANE SALDAMENTE AL COMANDO DELLA CLASSIFICA ITALIANA ANCHE IERI, CON 433 MILA EURO E  UN TOTALE DI 797 MILA EURO. LO SEGUE MOLTO DA VICINO IL NUOVO CAMPIONE DEL CINEMA D’ARTE, “LA ZONA D’INTERESSE” DI JONATHAN GLAZER - IL PRIMO FILM ITALIANO IN CLASSIFICA È “ROMEO È GIULIETTA” DI GIOVANNI VERONESI. “VOLARE” DI MARGHERITA BUY CHE HA PAURA DI VOLARE (MA SI PUÒ FARE UN FILM PARTENDO DA QUESTA IDEA?) È DECIMO CON 96 MILA EURO… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

Marco Giusti per Dagospia

bob marley: one love. 7 bob marley: one love. 7

 

Il biopic su Bob Marley re del reggae, “Bob Marley: One Love” rimane saldamente al comando della classifica italiana anche ieri, sabato 25 febbraio, con 433 mila euro, 55 mila spettatori in 402 sale per un totale di 797 mila euro. Non è un gran film, ma ha il suo pubblico.

 

the zone of interest 7 the zone of interest 7

Lo segue molto da vicino il nuovo campione del cinema d’arte, “La zona d’interesse” di Jonathan Glazer con Sandra Huller, il film che devi aver visto per parlarne a cena con gli amici a Prati e dintorni, 291 mila euro, 41 mila spettatori in 291 sale, cioè 100 in meno di Bob Marley, e un totale di 489 mila euro.

 

 

past lives past lives

Al terzo posto, un altro film d’arte che è molto piaciuto al pubblico di Prati e dintorni, “Past Lives” di Celine Song, 261 mila euro, 36 mila spettatori in 461 sale e un totale di 1 milione 803 mila euro.

 

Col pubblico dei ragazzini del sabato sale al quarto posto “Emma e il giaguaro nero” di Gilles De Maitres, 187 mila euro, 22 mila spettatori  in 353 sale e un totale di 290 mila euro. Sale anche l’horror con piscina assassina “Night Swim”, 187 mila euro, 22 mila spettatori in 248 sale e un totale di 312 mila euro.

 

sergio castellitto giovanni veronesi pilar fogliati romeo e' giulietta di giovanni veronesi sergio castellitto giovanni veronesi pilar fogliati romeo e' giulietta di giovanni veronesi

 

“Poor Things” di Yorgos Lanthimos con Emma Stone si ferma al sesto posto, 180 mila euro, 23 mila spettatori in 265 sale e un totalone di 7, 8 milioni di euro. Il primo film italiano in classifica è “Romeo è Giulietta” di Giovanni Veronesi con Pilar Fogliati che si finge uomo col naso alla De Rege, 150 mila euro, 21 mila spettatori in 444 sale, un’esagerazione, 990 mila euro.

 

volare margherita buy volare margherita buy

Scende all’ottavo posto l’anime “Demon Slayer – Kimetsu no yaiba” con 146 mila euro, 17 mila spettatori in 193 sale e un totale di 359 mila euro.

 

Ma in America ha esordito venerdì al primo posto con 5 milioni e mezzo di dollari e globalmente è già a 17.

 

 

 

 

 

madame web 5 madame web 5

 

Nono posto per il disastroso “Madame Web” con Dakota Johnson e Sydney Sweeney, 122 mila euro, 15 mila spettatori in 296 sale e un totale di 1,1 milioni, mentre “Volare” di Margherita Buy che ha paura di volare (ma si può fare un film partendo da questa idea?) è decimo con 96 mila euro, 14 mila spettatori e un totale di 156 mila euro. Nientedeché. Ma tanto il 28 arriva “Dune 2” e qualcosa per gli esercenti cambierà.

past lives past lives past lives past lives past lives past lives

volare di margherita buy 2 volare di margherita buy 2

the zone of interest 5 the zone of interest 5 the zone of interest 8 the zone of interest 8

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)