CIAK, MI GIRA! - CI SIAMO. ENTRATO DEFINITIVAMENTE IN SCENA DOPO L’ANTEPRIMA DI DOMENICA, KUNG FU PANDA 4” MOLLA QUATTRO SGANASSONI AI VERMONI-UBER DI “DUNE: PARTE DUE” E RIDEFINISCE LA CLASSIFICA. SALE INFATTI SUBITO AL PRIMO POSTO CON 361 MILA EURO E 50 MILA SPETTATORI E CONTRO I 63 MILA EURO, 8 MILA SPETTATORI DI “DUNE”. UN DIVARIO INCOLMABILE CHE AUMENTERÀ NEL WEEKEND. NIENTE DA FARE PER DUNE… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4

Marco Giusti per Dagospia

 

Ci siamo. Entrato definitivamente in scena dopo l’anteprima di domenica, “Kung Fu Panda 4” molla quattro sganassoni ai vermoni-Huber di “Dune: Parte due” e ridefinisce la classifica. Sale infatti subito al primo posto con 361 mila euro, 50 mila spettatori e un totale di 746 mila euro contro i 63 mila euro, gli 8 mila spettatori di “Dune parte due” arrivato da noi a 8, 6 milioni di euro. Un divario incolmabile che aumenterà nel weekend. Niente da fare per Dune.

riccardo scamarcio in race for glory audi vs. lancia 2 riccardo scamarcio in race for glory audi vs. lancia 2

 

 Terzo posto per il film di corse anglo-italo-tedesco “Race for Glory” di Stefano Mordini che vede Riccardo Scamarcio alla guida delle auto della Lancia contro le Audi di Daniel Bruhl, 34 mila euro, 5 mila spettatori e un totale di 774 mila euro. Al suo primo giorno in sala “May December” di Todd Haynes con la coppia di attrici rivali Natalie Portman – Julianne Moore è quarto con 31 mila euro e 5 mila spettatori. E’ un ottimo film di attori, anzi di attrici.

may december 3 may december 3

 Scende così al quinto posto con 29 mila euro e un totale di 3, 8 milioni il potente “La zona d’interesse” di Jonathan Glazer, ingiustamente accusato da molto critici di essere un film fighetto su un tema importante e, dopo il discorso di Glazer agli Oscar, accusato, lui, di essere antisemita da ben 100 uomini di cinema ebrei di Hollywood. Ma Glazer ha fatto un discorso che spiegava esattamente il film collocandolo nella giusta prospettiva storica

gael garcia bernal Another End gael garcia bernal Another End

 

 La new entry “Another End” di Piero Messina con Garcia Gael Bernal che ritrova grazie alla sorella medico, Berenice Bejo, la donna che ha perso in un incidente nel corpo di un’altra, Renate Reinsve, è sesto con 16 mila euro 2 mila spettatori. L’horror americano “Imaginary” settimo con 13 mila euro e un totale di 384 mila euro, seguito dal documentario “Food for Profit; con 12 mila euro e un totale di 138 mila euro. “Un altro ferragosto” finisce al nono posto, probabile fine corsa, con 11 mila euro, un totale di 1, 4 milioni di euro. E’ così.

Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 the zone of interest 8 the zone of interest 8 LA ZONA DI INTERESSE LA ZONA DI INTERESSE another end 8 another end 8 another end 3 another end 3 another end 6 another end 6 another end 7 another end 7 another end 5 another end 5 another end 4 another end 4 Another End Another End LA ZONA DI INTERESSE LA ZONA DI INTERESSE race for glory audi vs. lancia 2 race for glory audi vs. lancia 2 race for glory audi vs. lancia 3 race for glory audi vs. lancia 3 race for glory audi vs. lancia 4 race for glory audi vs. lancia 4 may december 6 may december 6 natalie portman in may december natalie portman in may december may december 7 may december 7 may december 4 may december 4 may december 5 may december 5 may december 1 may december 1 may december 2 may december 2 race for glory audi vs. lancia 5 race for glory audi vs. lancia 5 riccardo scamarcio in race for glory audi vs. lancia 1 riccardo scamarcio in race for glory audi vs. lancia 1 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 timothee chalamet in dune parte due 1 timothee chalamet in dune parte due 1 timothee chalamet in dune parte due timothee chalamet in dune parte due timothee chalamet in dune parte due 2 timothee chalamet in dune parte due 2 DUNE PARTE DUE DUNE PARTE DUE zendaya in dune parte due zendaya in dune parte due Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI  GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO