CIAK, MI GIRA! - INCURANTE DI OSCAR E DELLE ELEZIONI IN ABRUZZO, IL POTENTE “DUNE: PARTE DUE” PROCEDE NELLA SUA MARCIA A CAVALLO DEI VERMONI GIGANTI. IN ITALIA HA INCASSATO 2 MILIONI 111 MILA EURO NEL WEEKEND, E DOVREBBE ARRIVARE A 700 MILIONI DI DOLLARI GLOBALI. SECONDO POSTO PER IL FILM SULLA LOTTA DI CLASSE TRA RADICAL CHIC DE SINISTRA E FASCIOCOATTI ROMANI “UN ALTRO FERRAGOSTO”, 846MILA EURO E TERZO PER IL POTENTE “LA ZONA D’INTERESSE”, 693MILA EURO. CON L’OSCAR PER IL MIGLIOR FILM STRANIERO SALIRÀ ULTERIORMENTE…  - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

timothee chalamet in dune parte due timothee chalamet in dune parte due

Incurante di Oscar e delle elezioni in Abruzzo, il potente “Dune: Parte due” di Denis Villeneuve procede nella sua marcia a cavallo dei vermoni giganti da prendere in corsa più sul modello Uber che da tassinaro romano. Se in America nel weekend cede il primo posto in classifica a “Kung Fu Panda 4” della Dreamworks, 58 milioni di dollari contro 46 milioni, forte comunque di un totalone americano di 157 milioni e globale di 367, “Dune: Parte due” da noi seguita a vincere. 2 milioni 111 mila euro nel weekend, ieri primo con 754 mila euro e 90 mila spettatori per un totale di 6 milioni 743 mila euro.

 

un altro ferragosto 4 un altro ferragosto 4

In Cina ha esordito questo fine settimana con 19, 9 milioni di dollari, aprendo il mercato asiatico al cinema americano dopo un periodo piuttosto nero. Gli esperti dicono che dovrebbe arrivare a 700 milioni di dollari globali. Secondo in classifica in Italia il film per nostalgici della lotta di classe tra radical chic de sinistra e fasciocoatti romani “Un altro ferragosto”, sequel del celebre “Ferie d’agosto”, ancora diretto da Paolo Virzì con Silvio Orlando, Sabrina Ferilli, Laura Morante invecchiati più o meno bene in una Ventotene più da marzo che da ferragosto, 846 mila euro nel weekend, ieri 356 mila con 50 mila spettatori.

LA ZONA DI INTERESSE LA ZONA DI INTERESSE

Terzo posto per il potente “La zona d’interesse” di Jonathan Glazer con Sandra Huller con 693 mila euro, ieri 296 mila, per un totale di 2, 8 milioni. Con l’Oscar per il miglior film straniero salirà ulteriormente. Al quarto posto nel weekend troviamo il biopic “Bob Marley: One Live” con 327 mila euro, ieri 122 mila, per un totale di 2, 7 milioni. “La sala professori” sta finalmente funzionando, ha incassato nel weekend 317 mila euro, ieri 183 mila, per un totale di 624 mila. Sesto posto per “Emma e il giaguaro nero”, 315 mila euro, ieri 183 mila, per un totale di 1, 4 milioni.

 

emma stone mark ruffalo poor things povere creature 2 emma stone mark ruffalo poor things povere creature 2

Past Lives” di Celine Song, che pensavamo potesse vincere qualche Oscar, ricordo bene qualcuno che predisse addirittura l’Oscar per il miglior film, è settimo con 217 mila euro, ieri 86 mila, per un totale di 2, 9 milioni. “Poor Things” di Yorgos Lanthimos, fresco di 4 Oscar, è ottavo con 188 mila euro, ieri 71 mila, per un totale di 8,6 milioni. In America, dietro “Kung Fu Panda 4”, che da noi uscirà questa settimana, e “Dune: Parte due”, troviamo l’horror della Blumhouse con orsetto pupazzo che mette paura “Imaginary” di Jeff Wadlow, 10 milioni di dollari, ma non è per nulla amato dalla critica.

 

cabrini cabrini

Cabrini”, il biopic sulla missionaria cattolica di inizio 900 Francesca Cabrini in America, diretto da Alejandro Monteverde con Cristiana Dell’Anna, Romana Maggiora Vergano, Giancarlo Giannini, ha incassato 7,6 milioni di dollari. Mandiamoli anche qualche puntata di Don Matteo, magari funziona… Sembra che sia bellissimo, ma chissà quando lo vedremo, l’erotic crime thriller lesbo prodotto dalla A24 “Love Lies Bleeding”, scritto e diretto dalla Rose Glass di “Saint Maude”, con Kristen Stewart innamorata della bodybuilder Katy M. O’Brien. Ha esordito questo weekend in America con 167 mila dollari in cinque sale.

timothee chalamet e austin butler in dune parte due timothee chalamet e austin butler in dune parte due cabrini cabrini cabrini cabrini kingsley ben adir bob marley kingsley ben adir bob marley bob marley: one love. 1 bob marley: one love. 1 un altro ferragosto 3 un altro ferragosto 3 un altro ferragosto 5 un altro ferragosto 5 emma stone poor things emma stone poor things emma stone poor things povere creature emma stone poor things povere creature willem defoe poor things povere creature willem defoe poor things povere creature mark ruffalo poor things povere creature mark ruffalo poor things povere creature un altro ferragosto 6 un altro ferragosto 6 un altro ferragosto 7 un altro ferragosto 7 the zone of interest 6 the zone of interest 6 the zone of interest 7 the zone of interest 7 the zone of interest 8 the zone of interest 8 LA ZONA DI INTERESSE LA ZONA DI INTERESSE timothee chalamet in dune parte due 1 timothee chalamet in dune parte due 1 timothee chalamet e zendaya in dune parte due timothee chalamet e zendaya in dune parte due timothee chalamet e zendaya in dune parte due timothee chalamet e zendaya in dune parte due timothee chalamet in dune parte due 2 timothee chalamet in dune parte due 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI  GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO