CIAK, MI GIRA! - IN ITALIA NON VINCE, MA STRAVINCE IL WEEKEND, “KUNG FU PANDA 4”, CON LA BELLEZZA DI 3 MILIONI 474 MILA EURO E MANDA IN PENSIONE “DUNE: PARTE 2” GRAN BEL FILM, PER CARITÀ, MA IL NOSTRO PUBBLICO PIÙ POPOLARE LO HA ABBANDONATO - SALE AL TERZO POSTO LA NEW ENTRY PER IL PUBBLICO PIÙ SOFISTICATO “MAY DECEMBER” CON 305 MILA EURO - SEGNALIAMO CHE “C’È ANCORA DOMANI” È ANCORA QUINTO IN FRANCIA, MENTRE ESCE QUESTO WEEKEND IN AMERICA “LA CHIMERA... - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4

In Italia non vince, ma stravince il weekend, finalmente con la forza del pubblico di ragazzini, “Kung Fu Panda 4” della Dreamworks, con la bellezza di 3 milioni 474 mila euro, e pensate che sabato ne segnava 1, 3 e domenica 1, 2, Manda così in pensione il poro “Dune: Parte 2” di Denid Villenueve, gran bel film, per carità, però un po’ pesantone per il nostro pubblico più popolare, che infatti in questo primo weekend di primavera lo ha abbandonato, visto che ha un incasso di soli 528 mila euro, ieri 168 mila, ahi, per un totale però di 9 milioni 101 mila euro.

 

timothee chalamet in dune parte due 2 timothee chalamet in dune parte due 2

Sale al terzo posto la new entry per il pubblico più sofisticato per signore e cinefili “May December” di Todd Haynes con Natalie Portman e Julianne Moore, 305 mila euro, ieri 108 mila. Pochino, è vero, ma Kung Fu Panda non ha lasciato briciole a nessuno. Seguono “Race for Glory” di Stefano Mordini con Riccardo Scamarcio con la miseria di 304 mila euro e un totale di 1 milione, “La zona d’interesse” di Jonathan Glazer con 293 mila euro e un totale di 4, 1 milioni, l’ormai irrecuperabile “Un altro ferragosto” di Paolo Virzì con un 155 mila euro e un totale di 1, 6, e “Another End” di Piero Messina con 141 mila euro alla sua prima settimana.

 

may december 3 may december 3

Tutto diverso in America, dove la battaglia tra i campioni della Dreamworks e della Disney è sempre più dura e vince benissimo, con 45, 2 milioni di dollari, alla sua prima settimana, un giocattolone della Disney, neppure baciato dalla critica, come “Ghostbusters: Frozen Empire” diretto da Gil Kenan, che lo ha scritto con Jason Reitman, interpretato da Paul Rudd, Carrie Coon, Finn Wolfhard, McKenna Grace e vecchie conoscenze come Bill Murray, Dan Aykroyd, Ernie Hudson. Noi lo vedremo il 14 aprile. Sembra però che sia meglio del primo reboot, “Ghostbusters: Afterlife”, diretto da Reitman e. scritto da Kenan e Reitman.

Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4

Non solo. Torna al secondo posto “Dune: Parte 2” di Denis Villeneuve con 17, 6 e un totale americano di 233 milioni e globale di 574, mentre “Kung Fu Panda 4” scende al terzo posto con 16, 8 milioni di dollari, un totale americano di 133 milioni e globale di 268. Quarto posto americano per l’horror girato in Italia con molti attori italiani, “Immaculate” diretto da Michael Mohan con l’ormai potentissima Sydney Sweeney e le nostre Simona Tabasco e Benedetta Porcaroli. Chissà quando lo vedremo…

 

c'e ancora domani 6 c'e ancora domani 6

In Cina, invece, dove ci si aspettava molto dall’arrivo di “Kung Fu Panda 4”, il film vince alla sua prima settimana, ma non benissimo, visto che incassa solo 14, 7 milioni al primo weekend, che diventano 25, 9 con le preview. Pochissimo rispetto a quel che fece alla sua prima settimana “Kung Fu Panda 3”, cioè 57, 8 milioni di dollari arrivando a un totale di 154 milioni, più dei 143 che fece il film in America.

josh o connor in la chimera josh o connor in la chimera

 

Ma i tempi ora, dopo la pandemia e dopo la guerra in Ucraina, sono molto cambiati per i film americani, anche se aspettano con impazienza questa settimana un altro kolossal americano, “Godzilla x Kong: The New Empire”. Tra i pochi film italiani all’estero, segnaliamo che “C’è ancora domani” di Paola Cortellesi è ancora quinto negli incassi in Francia, mentre esce questo weekend in America “La chimera” di Alice Rohrwacher.

DUNE PARTE DUE DUNE PARTE DUE timothee chalamet in dune parte due timothee chalamet in dune parte due LA CHIMERA LA CHIMERA may december 2 may december 2 LA CHIMERA LA CHIMERA LA CHIMERA LA CHIMERA LA CHIMERA LA CHIMERA LA CHIMERA LA CHIMERA LA CHIMERA LA CHIMERA may december 1 may december 1 may december 6 may december 6 c'e ancora domani 3 c'e ancora domani 3 c'e ancora domani 2 c'e ancora domani 2 c'e ancora domani 4 c'e ancora domani 4 c'e ancora domani 5 c'e ancora domani 5 may december 4 may december 4 may december 5 may december 5 timothee chalamet e zendaya in dune parte due timothee chalamet e zendaya in dune parte due

Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI  GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO