CIAK, MI GIRA! - MANNAGGIA ALLA MAJELLA, MANNAGGIA… “UN MONDO A PARTE” LA COMMEDIA ABRUZZESE CHE AVEVA VINTO LA GIORNATA DI PASQUA IN SALA, A PASQUETTA, È STATA SUPERATA DI UN SOFFIO DAL POTENTE “KUNG FU PANDA 4” IN TERMINI DI INCASSO, 949 MILA EURO CONTRO 935 MILA, MA SEGNA PIÙ SPETTATORI, 124 MILA E 131 MILA - NON C’È QUINDI UNA FRENATA DEL FILM DI ALBANESE E RAFFAELE, CHE HA INCASSATO QUASI TRE MILIONI IN UN MOMENTO DOVE I FILM ITALIANI SEMBRA CHE VADANO BENE SE FANNO UN MILIONE E MEZZO… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

virginia raffaele antonio albanese un mondo a parte virginia raffaele antonio albanese un mondo a parte

 

Mannaggia alla Majella., mannaggia… “Un mondo a parte” la commedia abruzzese diretta da Riccardo Milani, prodotta da Gianani e Gangarossa, distribuita da Medusa, con Antonio Albanese e Virginia Raffaele, che aveva vinto la giornata di Pasqua in sala, ieri, a Pasquetta, è stata superata di un soffio dal potente “Kung Fu Panda 4” in termini di incasso, 949 mila euro contro 935 mila, ma segna più spettatori, 124 mila per il panda e 131 mila per gli abruzzesi. Quanto ai totali sono certo ben diversi, 8 milioni 335 mila per Kung Fu Panda, uscito una settimana prima, e 2 milioni 765 mila euro per “Un mondo a parte”.

 

Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4

Cioè quasi tre milioni in un momento dove i film italiani sembra che vadano bene se fanno un milione e mezzo… I due film distanziano di parecchio il pur potente film di mostroni con quelle “cocce de cazzo” di Godzilla e King Kong, cioè “Godzilla e Kong: Il nuovo impero”, poco adatto ai bambini più piccoli, fa paura, che si ferma ieri a 495 mila euro, con 60 mila spettatori e 2 milioni 344 mila euro. In realtà, quindi, non c’è una frenata del film di Albanese e Raffaele, anzi, anche se i conti si faranno alla fine di questa settimana, fuori di Pasqua.

godzilla e kong il nuovo impero 5 godzilla e kong il nuovo impero 5

Vedremo se il film riesce a superare le dimensioni di una commedia locale solo per abruzzesi, che da aspettavano un film in abruzzese dagli anni ’50, da quando cioè andavano tutti pazzi, da Alberto Savinio a mio padre, per la parlata in realtà finto-abruzzese di Virgilio Riento, e vedremo, soprattutto, se l’effetto Cortellesi riuscirà a trasmettersi alla Raffaele. Se cioè riuscirà a far scordare al pubblico l’effetto imitatrice, un veleno per il botteghino, come si sa dai tempi del poro Noschese. Intanto da Sky ci segnalano che “C’è ancora domani”, prodotto dallo stesso team, è arrivato a Pasqua a 714 mila spettatori, diventando così il miglior di Pasqua dal 2015 e il miglior debutto su Sky dal 2021.

 

priscilla 1 priscilla 1

Non so bene cosa voglia dire, ma è chiaro che trovandoselo lì su Sky è stato supervisto anche da quelli che non avevano nessuna voglia di vederlo al cinema. Quarto posto per “Priscilla” di Sofia Coppola con 109 mila euro, 14 mila spettatori e un totale di 497 mila euro. Pensavo andasse meglio. Seguono i vecchi film, “Dune: parte due” con 106 mila euro e 12 mila spettaori e un totale di 9, 6 milioni, “May december” di Todd Haynes con 55 mila euro e un totale di 583 mila euro, “La zona d’interesse” di Jonathan Glaser con 53 mila euro e un totale di 4, 4 milioni, “Race for Glory” con Riccardo Scamarcio e Daniel Bruhl con 35 mila euro e 1, 2 milioni totali.

 

la sala dei professori 9 la sala dei professori 9

 Al decimo posto occhio al bellissimo “La sala professori”, 21 mila euro e un totale di 1 milione 177 mila euro. Se vi è scappato, recuperatelo. Non capisco perché i distributori italiani non abbiano offerto al nostro pubblico qualche altro film. E’ vero che la classifica si ferma ai primi quattro titoli, però con tutti questi film italiani, qualcosa in più si poteva trovare. In America “La chimera” di Alice Rohrwacher è 30° con 44 mila dollari in tre sale. E domani diranno le cinquine finaliste ai David. Alla fine vedrete che vinceranno tutto pochi titoli “Io Capitano”, “C’è ancora domani”, “La Chimera”, “Rapito”, “Il sol dell’avvenire”. Più o meno…

virginia raffaele antonio albanese un mondo a parte virginia raffaele antonio albanese un mondo a parte la sala dei professori 6 la sala dei professori 6 la sala dei professori 7 la sala dei professori 7 la sala dei professori 8 la sala dei professori 8 il film priscilla 6 il film priscilla 6 il film priscilla 4 il film priscilla 4 timothee chalamet in dune parte due 2 timothee chalamet in dune parte due 2 il film priscilla 7 il film priscilla 7 priscilla 3 priscilla 3 timothee chalamet e austin butler in dune parte due timothee chalamet e austin butler in dune parte due priscilla 2 priscilla 2 zendaya in dune parte due zendaya in dune parte due timothee chalamet e zendaya in dune parte due timothee chalamet e zendaya in dune parte due DUNE PARTE DUE DUNE PARTE DUE un mondo a parte. un mondo a parte. timothee chalamet in dune parte due timothee chalamet in dune parte due timothee chalamet in dune parte due 1 timothee chalamet in dune parte due 1 antonio albanese virginia raffaele un mondo a parte antonio albanese virginia raffaele un mondo a parte godzilla nel colosseo 2 godzilla nel colosseo 2 godzilla e kong il nuovo impero 3 godzilla e kong il nuovo impero 3 godzilla e kong il nuovo impero 4 godzilla e kong il nuovo impero 4 godzilla nel colosseo 1 godzilla nel colosseo 1 antonio albanese virginia raffaele un mondo a parte antonio albanese virginia raffaele un mondo a parte Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 virginia raffaele antonio albanese un mondo a parte virginia raffaele antonio albanese un mondo a parte

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…