CIAK, MI GIRA!COME VANNO GLI INCASSI? NON BENISSIMO. PERFINO “DUNE: PARTE DUE” SCENDE IERI A 161 MILA EURO E 21 MILA SPETTATORI - “LA ZONA D’INTERESSE" SALE AL SECONDO POSTO CON 89 MILA EURO - QUELLO CHE IL CINEMA, IL PUBBLICO E GRAN PARTE DELLA CRITICA ITALIANA NON CAPISCE, È CHE NON È (SOLO) UN FILM SULL’OLOCAUSTO, MA SULL’INDIFFERENZA. UN FILM QUINDI SU DI NOI, CHE CI ILLUDIAMO DI VIVERE INNOCENTI, AL SICURO, OGGI IN MEZZO A DUE GUERRE NON RENDENDOCI CONTO DI QUANTO CI RIGUARDINO DA VICINO… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

timothee chalamet e zendaya in dune parte due timothee chalamet e zendaya in dune parte due

Come vanno gli incassi? Non benissimo. Perfino “Dune: Parte due” di Denis Villenueve scende ieri a 161 mila euro portando al cinema solo 21 mila spettatori, davvero pochino, con un totale però di 7 milioni precisi di euro. Ma stiamo parlando di “Dune”. Forte dell’Oscar, ma soprattutto della polemica tutta italiana, del tutto inutile e un filo razzista, tra film “ebrei” e “non ebrei”, che ben semplifica “Il Fatto”, “quando un film sull’Olocausto incontra un film sui migranti, il film sui migranti è un film morto”, “La zona d’interesse” di Jonathan Glazer sale al secondo posto con 89 mila euro, 14 mila spettatori e un totale di quasi 3 milioni di euro (2.980).

LA ZONA DI INTERESSE LA ZONA DI INTERESSE

 

 Quello che il cinema, il pubblico e gran parte della critica italiana non capisce, è che “La zona d’interesse” non è (solo) un film sull’Olocausto, è un film sull’indifferenza di chi vive in una sua zona di riferimento, si sente protetto da un muro, e guarda solo quella. Mentre c’è chi compie crimini. Ma il rumore dei forni crematori, si sente. Un film quindi su di noi, che ci illudiamo di vivere innocenti, al sicuro, oggi in mezzo a due guerre non rendendoci conto di quanto quelle guerre ci riguardino da vicino.

 

the zone of interest 5 the zone of interest 5

Questo rende il film decisamente attuale, al punto che il discorso di Glazer su Gaza quando ha preso il premio è stato oscurato dal canale Youtube degli Oscar. Ma c’è che di dice, e sono in molti a cominciare da Paolo Mereghetti, che il film di Glazer è furbo, è alla moda, è fighetto. Lo dissero anche a Cannes, dove infatti vinse la Palma d’Oro “Anatomia di una caduta”. Si dice sempre quando non si capisce e non si riconosce un grande regista. La verità, almeno per me, è che Glazer, che già non venne capito in Italia con “Under the Skin”, addirittura fischiato a Venezia, è un grande regista. E devo dire che il pubblico italiano, mai come quest’anno attento ai film di alta qualità, lo capisce.

un altro ferragosto 8 un altro ferragosto 8

Al terzo posto troviamo il documentario “Uomini e dei. Le meraviglie del Museo Egizio”, 63 mila euro, 7 mila spettatori al primo giorno di programmazione. Scende al quarto posto con un modesto incasso di 40 mila euro, 6 mila spettatori, un totale di 928 mila euro, “Un altro ferragosto” di Paolo Virzì, sequel non troppo riuscito di un film fortunato e amato dal pubblico che riprende la lotta di classe tra radical chic di sinistra e fascio-coatti romani in quel di Ventotene. Alla fine del film sono più simpatici i fasci. A Sangiuliano dovrebbe piacere. Quinto posto per “Povere cerature” di Yorgos Lanthimos con Emma Stone al suo secondo Oscar come migliore attrice, 35 mila euro, e un totale di 8, 6 milioni di euro.

 

la sala dei professori 9 la sala dei professori 9

Cresce l’ottimo dramma scolastico tedesco sull’Europa multietnica “La sala professori” del quarantenne Ilker Çatak, 25 mila euro, 4 mila spettatori e un totale di 667 mila euro. Il passaparola e la distribuzione della Lucky Red lo stanno molto aiutando. “Past Lives” di celine Song è all’ottavo posro  con 17 mila euro, 3 milioni di euro di incasso, il commovente “Estranei” di Andrew Haigh che sta facendo spettatori di ogni tipologia, è nono con 14 mila euro, 528 mila di totale. Risale al decimo posto, forte dei 7 Oscar vinti, con 14 mila euro di incasso, forte di un totalone italiano i 28, 1 milioni di euro “Oppenheimer” di Christopher Nolan. E’ tutto. O quasi.  

florence pughe dune parte 2 florence pughe dune parte 2 la sala dei professori 8 la sala dei professori 8 un altro ferragosto 5 un altro ferragosto 5 past lives past lives past lives past lives past lives past lives la sala dei professori 7 la sala dei professori 7 un altro ferragosto 6 un altro ferragosto 6 un altro ferragosto 7 un altro ferragosto 7 un altro ferragosto 9 un altro ferragosto 9 un altro ferragosto un altro ferragosto austin butler in dune parte due 1 austin butler in dune parte due 1 austin butler in dune parte due 2 austin butler in dune parte due 2 dune parte due dune parte due the zone of interest the zone of interest the zone of interest 1 the zone of interest 1 the zone of interest 2 the zone of interest 2 the zone of interest 3 the zone of interest 3 the zone of interest 4 the zone of interest 4 florence pugh in dune parte due florence pugh in dune parte due timothee chalamet e zendaya in dune parte due timothee chalamet e zendaya in dune parte due

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…