CIAK, MI GIRA – ANCHE IERI PIÙ CHE INCASSI CI SONO STATI INCASSUCCI. “AVATAR: LA VIA DELL’ACQUA” È SEMPRE PRIMO, SEGUITO DA “LE OTTO MONTAGNE” CON BORGHI&MARINELLI E DALLA COMMEDIA “GRAZIE, RAGAZZI” CON ANTONIO ALBANESE – DOMANI ARRIVANO NUOVI FILM, A COMINCIARE DAL KOLOSSAL “BABYLON” CON BRAD PITT E MARGOT ROBBIE. MA IL FILM CHE POTREBBE DAVVERO CAMBIARE GLI INCASSI E FAR STORCERE IL NASO AL NOSTRO CINEMA FIGHETTO È… – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Marco Giusti per Dagospia

 

antonio albanese grazie ragazzi 1 antonio albanese grazie ragazzi 1

Non vi meravigliate. Gli incassi di ieri sono incassucci fotocopia di quelli del giorno prima. “Avatar: La via dell’acqua” di James Cameron è sempre primo, ieri con 145 mila euro e un totale di 40,6 milioni. Al secondo posto troviamo “Le otto montagne” di Felix van Groeningen con Borghi&Marinelli con 53.896 euro e un totale di 4,6 milioni di euro che ne fanno un caso nel nostro paese.

 

Terzo posto per la commedia “Grazie, ragazzi” di Riccardo Milani con Antonio Albanese che insegna ai carcerati come mettere in scena “Aspettando Godot” di Beckett, 53.730 euro e un totale di 876 mila euro.  Quarto per l’horror “M3GAN” con 33 mila euro e un totale di 1, 7 milioni.

 

 

tre di troppo fabio de luigi e Virginia Raffaele tre di troppo fabio de luigi e Virginia Raffaele

Quinto per “Tre di troppo” con Fabio De Luigi e Virginia Raffaele con 28 mila euri e un totale di 3, 9, mentre sesto è “The Fabelmans” di Steven Spielberg con 25 mila euro e un totale di 2, 6 milioni. Bella sorpresa, anche oggi, il ritorno di “Lost Highway” di David Lynch, distribuito dalla Cineteca di Bologna, che ieri ha incassato, al settimo posto, 22 mila euro.

 

Domani arrivano nuovi film, a cominciare da “Babylon” di Damian Chazelle con Brad Pitt e Margot Robbie, kolossal di tre ore sulla Hollywood eccessiva tra la fine del muto e l’inizio del sonoro, megaflop in patria, ma per me imperdibile.

 

 

film babylon 8 film babylon 8

Arriva anche la nuova commedia di Louis Garrel, “L’innocente” con lo stesso Garrel, Anouk Grimberg e Roschdy Zen, accompagnato dai video con Nanni Moretti che stanno realizzando su Instagram per il lancio del film al Sacher. Poi vedo “La ligne” di Ursula Meier con Stephanie Blanchoud e Valeria Bruni Tedeschi, difficile rapporto madre-figlia. Esce pure “Io vivo altrove”, opera prima di Giuseppe Battiston.

 

Occhio a “Ladri di Natale” diretto da Francesco Cinquemani, prodotto dal mitico Andrea Iervolino assieme alla vedova Bacardi un paio di anni fa e solo adesso in sala. E’ una sorta di fotocopia di “Mamma ho perso l’aereo” con Tom Arnold e Michael Madsen che hanno visto tempi migliori. Stra-stra-stracultissimo.

 

 

Ma il film che potrebbe davvero cambiare gli incassi e far storcere il naso al nostro cinema fighetto, e non scherzo, è quello della popolarissima coppia di youtubber per ragazzini Sofi e Lui, “Me contre te – Missione giungla”, prodotto e distribuito dalla Warner. Il cinema è diventato una cosa diversa da quello che pensavamo che fosse.

locandina tre di troppo fabio de luigi locandina tre di troppo fabio de luigi film babylon 7 film babylon 7 film babylon 10 film babylon 10 film babylon 11 film babylon 11 film babylon 12 film babylon 12 film babylon 2 film babylon 2 film babylon 3 film babylon 3 film babylon 4 film babylon 4 film babylon 5 film babylon 5 film babylon 6 film babylon 6 antonio albanese grazie ragazzi 2 antonio albanese grazie ragazzi 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

PER ROMA È LA FINE DI UN’ERA: CHIUDE I BATTENTI “IL BOLOGNESE” (MA NON PER SEMPRE) – ALFREDO TOMASELLI E SUO FIGLIO ETTORE VENDONO LO STORICO RISTORANTE DI PIAZZA DEL POPOLO, DOVE IN OLTRE 60 ANNI SI SONO ATTOVAGLIATE CELEBRITÀ D'OGNI SORTA, CAPI DI STATO E STARLETTE, BOIARDI DELLA PRIMA REPUBBLICA E ASPIRANTI VIP ACCORSI SPERANZOSI DI FARSI VEDERE DALLA PIÙ REMOTA PROVINCIA – I TOMASELLI PASSANO LA MANO MA LA GLORIOSA INSEGNA RESTERÀ AI NUOVI PROPRIETARI: “RESISTERE AL DEGRADO DEL CENTRO DI ROMA ERA DIVENTATO TROPPO FATICOSO” – QUELLA VOLTA CHE GHEDDAFI TEMETTE DI ESSERE AVVELENATO…

FLASH! – CONFLITTO TOTALE: SALVINI ACCUSA GIORGETTI DI ESSERE LO ZERBINO DELLA DUCETTA E FIAMMA CANTANTE (ARIANNA, SCURTI, FAZZOLARI) - DAL SUPERBONUS RETROATTIVO AL PONTE SULLO STRETTO, DAL MES A DRAGHI A BRUXELLES, DALLA CANDIDATURA VANNACCI ALLE NOMINE IN CDP, I CONTRASTI NON SI CONTANO PIÙ - IL LEADER DELLA LEGA, SEMPRE PIU’ IN AFFANNO PER LA CRESCENTE DISAFFEZIONE DEGLI ELETTORI DEL CARROCCIO, COL SORPASSO DI FORZA ITALIA SUL COLLO, SI SPARA UN CONDONO AL GIORNO MANDANDO ALL’ARIA LE CORONARIE E LE CASSE VUOTE DEL MINISTRO DELL’ECONOMIA…

FLASH! – A BRUXELLES SI CHIEDONO BASITI: PERCHE’ LE BANCHE ITALIANE (DA INTESA A UNICREDIT) NON FANNO PRESSIONE SUL GOVERNO MELONI PER LA RATIFICA DELLA RIFORMA DEL MES? (L’ITALIA DELLA DUCETTA E’ L’UNICO PAESE SU 27 CHE L’HA RIFIUTATO) - IN FIN DEI CONTI, AGGIUNGONO I PARTNER EUROPEI, E’ UNA RIFORMA CHE TOCCA DA VICINO LE ISTITUZIONI CREDITIZIE PERCHE’, IN CASO DI UN EVENTUALE CRACK BANCARIO, DEVE SERVIRE AD EVITARE CHE I GOVERNI NAZIONALI SIANO COSTRETTI A METTERE LA MANO AL PORTAFOGLIO DEI CITTADINI…

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA FATTO IMBUFALIRE NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…