CIAK, MI GIRA! – “KUNG FU PANDA 4” È RIUSCITO A FARE IL VUOTO DIETRO DI SÉ NELLE SALE ITALIANE. IERI HA SEGNATO UN INCASSO DI 549 MILA EURO CON 74 MILA SPETTATORI IN 437 SALE, CON UN TOTALE DI 1,3 MILIONI IN DUE GIORNI DI PROGRAMMAZIONE (PIÙ L’ANTEPRIMA DI DOMENICA SCORSA). SI STACCA IN PRATICA DI QUASI MEZZO MILIONE DI EURO DAL SECONDO IN CLASSIFICA, L’ORMAI STANCO “DUNE: PARTE DUE”, 96 MILA EURO, 12 SPETTATORI, UN TOTALE DI 8,7, CHE INVECE IN AMERICA SI STA RIPRENDENDO… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4

Kung Fu Panda 4” è riuscito, anche facilmente, a fare il vuoto dietro di sé nelle sale italiane Superprimo, ieri ha segnato un incasso di 549 mila euro con 74 mila spettatori in 437 sale, con un totale di 1, 3 milioni in due giorni di programmazione (più l’anteprima di domenica scorsa). Si stacca in pratica di quasi mezzo milione di euro dal secondo in classifica, l’ormai stanco “Dune: Parte due”, 96 mila euro, 12 spettatori, un totale di 8, 7, che invece in America, dopo l’incredibile incasso delle prime due settimane di “Kung Fu Panda 4”, si sta riprendendo, forte anche di un totale globale di 514 milioni di dollari contro i 202 di “Kung Fu Panda 4”.

 

timothee chalamet e zendaya in dune parte due timothee chalamet e zendaya in dune parte due

Ma al suo esordio in Cina, dove il pandone è amatissimo, dovrebbe arrivare nella sua prima settimana a 30 milioni di dollari. Solo venerdì ne ha fatti 14, superando così il crime taiwanese “The Pig, The Snake and the Pigeon”, da qualche settimana primo in classifica e anche “Dune: Parte due”. Torniamo ai magri incassi italiani. Terzo posto per il film di corse ambientato nell’Italia del 1983 “Race for Glory” di Stefano Mordini con Riccardo Scamarcio, anche coproduttore e cosceneggiatore, con Daniel Bruhl, 60 mila euro, 8 mila spettatori un totale di 834 mila euro.

may december 2 may december 2

Comincia a muoversi, forte della distribuzione intelligente della Lucky Red, che quest’anno è davvero un marchio, il melo al femminile “May December” di Todd Haynes con Natalie Portman e Julianne Moore che si contendono il bonazzo Charles Melson e si studiano neanche fossero Joan Crawford e Bette Davis. Quinto posto per il discusso, ma molto amato in Italia, “La zona d’interesse” di Jonathan Glazerm 45 mila euro, 6 mila spettatori e un totale di quasi 4 milioni di euro (3,9).

 

gael garcia bernal Another End gael garcia bernal Another End

L’horror “Imaginary” è sesto con 30 mila euro, 4 mila spettatori e un totale di 414 mila euro. La new entry, non facile “Another End”, diretta da Piero Messina con Garcia Gael Bernal, Bereneice Bejo, Renate Reinsve, un film di medici-fiction complesso con i ricordi dei morti che possono essere ricuperati nella testa di qualcun altro, incassa 22 mila euro al settimo posto, 3.500 spettatori e un totale di 39 mila euro, Ottavo, ormai fuori dall’interesse del pubblico, lo stanco sequel “Un altro ferragosto” di Paolo Virzì con la sinistra e la destra in lotta a Ventotene. Erano più a sinistra i Vanzina.

Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 zendaya in dune parte due zendaya in dune parte due another end 5 another end 5 another end 4 another end 4 Another End Another End may december 4 may december 4 may december 5 may december 5 may december 1 may december 1 timothee chalamet in dune parte due 2 timothee chalamet in dune parte due 2 timothee chalamet in dune parte due 1 timothee chalamet in dune parte due 1 may december 3 may december 3 DUNE PARTE DUE DUNE PARTE DUE Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI  GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO