CIAK, MI GIRA – IL VECCHIO CLASSICO “FRANKENSTEIN JUNIOR” CONTINUA A CRESCERE: IERI ERA PRIMO CON 136 MILA EURO E 17.829 SPETTATORI. MA CRESCE ANCHE “THE WHALE”, SECONDO – OGGI ESCONO PARECCHI NUOVI FILM CHE MOVIMENTERANNO UNA TOP TEN MISERELLA: IL POTENTE “CREED III” DI E CON MICHAEL B. JORDAN, “MIXED BY ERRY” DI SYDNEY SIBILIA, SUL RE DELLE MUSICASSETTE CONTRAFFATTE DEGLI ANNI ’80, E IL CULTISSIMO “L’UOMO CHE DISEGNÒ DIO” DI FRANCO NERO, CON UN REDIVIVO KEVIN SPACEY – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Marco Giusti per Dagospia

 

teri garr con gene wilder e marty feldman in frankenstein junior teri garr con gene wilder e marty feldman in frankenstein junior

In una giornata un po’ più ricca del solito, con un incasso totale di 627 mila euro, il vecchio classico “Frankenstein Junior” di Mel Brooks continua a crescere come evento, ieri era primo con 136 mila euro, 17.829 spettatori e un totale di 347 mila euro, ma cresce anche “The Whale” di Darren Aranofsky con Brendan Fraser, ieri con 105 mila euro, ma con più spettatori, 18.215 , e un totale di 914 mila euro, dimostrando che il film è davvero piaciuto al nostro pubblico.

 

the whale brendan fraser 2 the whale brendan fraser 2

Al terzo posto troviamo l’ormai bollito “Ant-Man and The Wasp: Quantumania” di Peyton Reed, 73 mila euro, 11 mila spettatori e un totale di 5, 1 milioni, seguito da “Tramite amicizia” di Alessandro Siani, 45 mila euro, 7.889 spettatori e un totale di 2, 4 milioni. Quinto posto per l’unico cartone animato rimasto, “Mummie – A spasso nel tempo”, 31 mila euro, 5.727 spettatori e un totale di 897 mila euro.

 

“Laggiu qualcuno mi ama”, il documentario di Mario Martone su Massimo Troisi è sesto con 27.590 euro, un totale 360 mila euro, precedendo di poco la commedia con Tom Hanks “Non così vicino”, 27.347 euro e un totale di 1 milione, e “Romantiche” di Pilar Fogliati, fermo all’ottavo posto, con 27.241 euro, 4.716 spettatori e un totale di 333 mila euro.

 

 

creed III di e con Michael B. Jordan - locandina creed III di e con Michael B. Jordan - locandina

Ma oggi escono parecchi nuovi film che, se non vi riporteranno in massa al cinema, almeno movimenteranno un po’ la classifica della top ten alquanto miserella. Esce il potente “Creed III” di e con Michael B. Jordan, che sulle orme di Sylvester Stallone e del suo Rocky, si gira da solo il suo film e affronta un altro campione nero, Jonathan Majors, il cattivo di “Ant-Man3”. Ha ottime critiche e due star di peso. Con loro ci sono anche Tessa Thompson e Florian Munteanu come Victor Drago. Stallone produce.

 

Esce il nuovo film di Sam Mendes con Olivia Colman cassiera innamorata di un giovane ragazzo nero, “Empire of Light”, che non è stato il successo internazionale sperato. Esce il nuovo film di Sydney Sibilia, “Mixed by Erry”, con Luigi D’Oriano nei panni di Enrico Frattasio, detto Erry, re delle musicassette contraffatte che negli anni ’80 costruì un impero illegale. Devo dire che il film di Sibilia mi sembra particolarmente interessante.

 

 

il cast di l'uomo che disegno' dio il cast di l'uomo che disegno' dio

Esce “Bernadette” di Paul Verhoeven con Virginia Efira monaca scostumata, dopo un’attesa di due anni dalla sua apparizione a Cannes. Ma ha davvero poche sale. Vedo che escono anche “Tutto in un giorno”, social-thriller dello spagnolo Juan Diego Botto con Penelope Cruz che ha 24 ore per non perdere la casa dove vive divorata dalle banche, “Il patto del silenzio - Playground”, bella opera dardenniana prima della francese Lara Wandel con Maya Vanderberque dedicata agli abusi e al bullismo nella scuola elementare, e “L’uomo che disegnò Dio” diretto da Franco Nero con lo stesso Franco Nero, Faye Dunaway, Vanessa Redgrave, Massimo Ranieri e perfino un redivivo Kevin Spacey. Cultissimo. Imperdibile.

franco nero e kevin spacey foto di bacco franco nero e kevin spacey foto di bacco Empire of Light Empire of Light empire of light empire of light Empire of Light Empire of Light Empire of Light Empire of Light Empire of Light Empire of Light kevin spacey franco nero foto di bacco. kevin spacey franco nero foto di bacco.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GIORGETTI È DISPERATO: NON SA DOVE TROVARE I SOLDI PER LA PROSSIMA FINANZIARIA (SI PRESENTA A OTTOBRE MA ANDAVA CUCINATA IERI), MENTRE I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, IN PIENA SBORNIA DA EUROPEE, SPARANO PROMESSE IRREALIZZABILI. MA DOPO IL 9 GIUGNO SI CHIUDERA' IL CORDONE DELLA BORSA: E SARANNO BOTTI TRA GIORGETTI E IL PERICOLANTE SALVINI (LEGA VICINA ALL'IMPLOSIONE) – "MELONI, DETTA GIORGIA" SI ILLUDE DI POTER RIDISCUTERE L'INSOSTENIBILE PATTO DI STABILITÀ, BARATTANDOLO ALLA RATIFICA DEL MES - MA A BRUXELLES LA REGINA DI COATTONIA SARA' IRRILEVANTE (I VOTI DI ECR NON SERVIRANNO PER LA COMMISSIONE UE) E GLI EURO-POTERI PREPARANO GIA' UNA BELLA PROCEDURA D'INFRAZIONE PER L'ITALIA – LA PREOCCUPAZIONE DELL'UE PER LA DEBOLEZZA STRUTTURALE DELL’ECONOMIA ITALIANA: NEMMENO I MOLTI MILIARDI DEL PNRR STANNO FACENDO VOLARE IL PIL...

DAGOREPORT – ASPETTANDO IL VOTO, MACRON E SCHOLZ HANNO TROVATO UN ACCORDO DI MASSIMA: SILURATA URSULA ED ESCLUSA OGNI ALLEANZA CON LA MELONI, I DUE LASCERANNO AL PPE, GRUPPO DI MAGGIORANZA, L’ONERE DI TROVARE UN NOME ALTERNATIVO A VON DER LAYEN PER LA COMMISSIONE (NO A WEBER, UN PO' TROPPO DI DESTRA, IN POLE IL BAVARESE SÖDER) – I SOCIALISTI PUNTANO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO, DOVE SANCHEZ FA PRESSIONE SU SCHOLZ PER IL PORTOGHESE COSTA. MA SE LA SCELTA RICADESSE SUI LIBERALI, MACRON PROPORREBBE MARIO DRAGHI - MORALE DELLA FAVA: ALLA FACCIA DEL CAMALEONTISMO, LA DUCETTA IN EUROPA SARA' IRRILEVANTE...

DAGOREPORT – CHI SOGNA IL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA? DI CERTO NETANYAHU ED EMIRATI ARABI UNITI, MA TRA LE VEDOVELLE DI “THE DONALD” NON C’È PUTIN. “MAD VLAD” PREFERISCE IL PREVEDIBILE NEMICO BIDEN A QUEL MATTACCHIONE INAFFIDABILE DEL TYCOON (CHE GIUSTO IERI HA INVOCATO LE BOMBE AMERICANE SU MOSCA). UNA DIFFIDENZA POTENZIALMENTE UTILE A “SLEEPY JOE”: IL CREMLINO POTREBBE “CONCEDERGLI” LA PACE IN UCRAINA PER EVITARE IL RITORNO DI TRUMP – E LA MELONI? TIENE IL PIEDE IN DUE STAFFE: MANDA I SUOI ALLA CONVENTION CPAC, MA SI FA DARE I BACETTI DA BIDEN…

FLASH! - FIAMME GIALLE IN FIAMME: AVVISATE ANDREA DE GENNARO CHE IL GENERALE FRANCESCO GRECO NON GRADISCE PER NIENTE L'EVENTUALE INCARICO AL COMANDO AERO-NAVALE; SI ILLUDEVA DI ANDARE AL COMANDO INTERREGIONALE DI ROMA - AVVISATE MANTOVANO CHE L'EX DIRETTORE DELL'AISE LUCIANO CARTA, FINITO PRIMA A LEONARDO, POI BOCCIATO DA TIM COME UOMO DI VIVENDI, ORA ALL'AGENZIA DI STAMPA LA PRESSE, NON HA PERSO LA SPERANZA DI OCCUPARE LA PRESIDENZA DI UNA AZIENDA PUBBLICA. E HA RIPRESO A INCONTRARE I SUOI VECCHI AMICI (CARAVELLI & C.)