CIAK, MI GIRA! - DA NOI NON È USCITO “BULLET TRAIN” CON BRAD PITT, NON È ANCORA USCITO “NOPE” DI JORDAN PEEL, MA È USCITO “IL MAMMONE”, CON DIEGO ABATANTUONO E ANGELA FINOCCHIARO. IERI HA INCASSATO BEN 4.216 EURO. 6 SPETTATORI A SALA – C’È INTERESSE, NO? MA NON È QUESTO IL PROBLEMA. STARÀ IN SALA TRE GIORNI PER POTERE USUFRUIRE DEL TAX CREDIT STATALE, E POI USCIRE IMMACOLATO SU SKY. E’ UNA VERGOGNA? DICIAMO CHE È UNA STRATEGIA. MA COSÌ, IL CINEMA ITALIANO SPROFONDA SEMPRE DI PIÙ NELLE SABBIE MOBILI… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

bullet train bullet train

La notizia è che da noi non è uscito “Bullet Train” con Brad Pitt, non è ancora uscito “Nope” di Jordan Peel, ma ieri è uscito “Il mammone” di Giovanni Bognetti con Diego Abatantuono, Angela Finocchiaro e Andrea Pisani, che non è il remake del Gatto Mammone di Nando Cicero (magari!), ma quello della fortunata commedia francese “Tanguy”, roba di quindici anni fa, con il figlio trentacinquenne che non vuole lasciare la casa di mamma e papà. Tema ancora attualissimo (insomma…).

 

IL MAMMONE IL MAMMONE

Ha incassato, ieri, nell’indifferenza generale di un’Italietta che sta a contare stancamente i voti di Calenda+Gelmini-Brunetta-Carfagna e trema per l’arrivo della Meloni (finalmente Pino Insegno tornerà a avere un programma come si deve in prima serata), con le sue 101 sale, ben 4.216 euro di incasso, decimo posto in classifica. 6 spettatori a sala. Mica male.

ANGELA FINOCCHIARO DIEGO ABATANTUONO - IL MAMMONE ANGELA FINOCCHIARO DIEGO ABATANTUONO - IL MAMMONE

 

C’è interesse, no? Ma non è questo certo il problema. Visto che il film è misteriosamente uscito senza la minima copertura pubblicitaria, senza interviste e lanci di alcun tipo.

 

Starà in sala tre giorni, magari qualcosa in più, per potere usufruire della Tax Credit statale, e poi uscire immacolato subito su Sky, come film originale Sky. Molti film escono così.

nope 2 nope 2

 

E’ una vergogna? Diciamo che è una strategia. Certo, se non fosse neanche uscito in sala non avrebbe avuto i soldi della tax credit, giusto?

 

E Sky non se lo sarebbe accollato, come dicono a Roma. Come non si sarebbe accollato un film uscito in sala con troppa evidenza e così poco visto dal pubblico.

 

Ma così, scusatemi, il cinema italiano sprofonda sempre di più nelle sabbie mobili. Ammesso che veramente “Il mammone” interessi a qualcuno. E intanto ben 24 film italiani sono pronti per la trasferta a Venezia. Ma dopo chi li vedrà?

nope 2 nope 2 bullet train 9 bullet train 9 nope. nope. bullet train 1 bullet train 1 nope 3 nope 3 nope 5 nope 5 nope nope bullet train 8 bullet train 8 bullet train 2 bullet train 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! LA VENDETTA DEL CALTA – DOPO AVER RICEVUTO DUE PORTE IN FACCIA AL TENTATIVO DI CONQUISTARE PRIMA GENERALI E POI MEDIOBANCA, IL COLPO FATALE AI SOGNI DI GLORIA VENEZIANI DI CALTAGIRONE È STATO AFFONDATO DA “FURBIZIO” PALENZONA, CHE HA SPOSTATO CRT E BENETTON A SUPPORTO DI DONNET E NAGEL - CON MILLERI CHE SI SAREBBE RIAVVICINATO A NAGEL, CALTA “HA RIMASTO” SOLO CON FAZZOLARI A TRASTULLARSI COL DL CAPITALI – QUANDO LA MILIARDARIA VENDITA DELLA PRELIOS DI PALENZONA AL PIGNATARO RIMANE INCAGLIATA, PARTE LA VENDETTA DI CALTA. E SUL SUO “MESSAGGERO” DI IERI….

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…