IL CINEMA DEI GIUSTI - IN ATTESA DEGLI OSCAR, CI SCALDIAMO I MUSCOLI CON I SAG AWARDS, I PREMI DEGLI ATTORI. IN UNA SERATA PIENA DI STELLE, POCO DA FARE QUEST’ANNO PER LE GRANDI SERIE AMERICANE.  TRIONFA INVECE CON BEN TRE PREMI LA SUCOREANA “SQUID GAME”. MIGLIORI ATTORI DI UNA SERIE DRAMMATICA LUNGA SONO I DUE PROTAGONISTI, CIOÈ LEE JUNG-JAE E JUNG HO-YEON. “SQUID GAME” VINCE UN TERZO PREMIO PER LE MIGLIORI CONTROFIGURE TELEVISIVE, ANCHE SE MUOIONO TUTTE NEL GIOCO - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

il cast di squid game ai sag awards 2022 il cast di squid game ai sag awards 2022

Marco Giusti per Dagospia

 

In attesa degli Oscar, ci scaldiamo i muscoli con i SAG Awards, cioè gli Screen Actors Guild Awards, i premi degli attori, arrivati alla loro 28a edizione. In una serata piena di stelle, poco da fare quest’anno per le grandi serie americane, da “Succession” a “The Morning Show”.

 

Trionfa invece con ben tre premi la sucoreana “Squid Game”. Tra gli attori di cinema vincono Will Smith per “King Richard”, che batte campioni come Benedict Cumberbacht, Denzel Washington, Javier Bardem, e Jessica Chastain per “Gli occhi di Tammy Faye”, che batte Lady Gaga, Nicole Kidman e Olivia Colman.

 

jung ho yeon sag awards jung ho yeon sag awards

 

 

Non protagonisti vincono lo spassosissimo Troy Kotsur di “Coda” di Sian Heder e la favolosa Ariana DeBose di “West Side Story” di Steven Spielberg. Tutti attori lanciatissimi anche per gli Oscar, lo sappiamo. “Coda”, tradotto da noi malamente come ”I segni del cuore”, lo trovate su Amazon Prime, vince anche per il miglior cast cinematografico.

 

Le migliori controfigure sono quelle dell’ultimo 007, “No Time To Die”. Nella sezione tv, “Succession” (Sky), che vantava cinque nomination, vince per il miglior cast di una serie drammatica .

 

“Ted Lasso”, che aveva altre cinque nomination, vince per il miglior cast di una serie comedy. Michael Keaton, che dedica il premio al nipote morto per abuso di droghe, vince come protagonista di una miniserie, “Dopesick”, che trovate su Disney+, mentre Kate Winslet vince per la sua interpretazione della poliziotta con problemi di famiglia in “Omicidio a Easttown”.

 

 

brian cox con il cast di succession sag awards. brian cox con il cast di succession sag awards.

Migliori attori di una serie drammatica lunga sono i due protagonisti di “Squid Game”, cioè Lee Jung-jae, che batte mezzo cast di “Succession” ma anche il Billy Crudup di “The Morning Show”, e Jung Ho-yeon, che batte Jennifer Aniston e Reese Witherspoon di “The Morning Show” e la Sarah Snook di “Succession”.

 

“Squid Game”, vero dominatore della serata, vince un terzo premio SAG per le migliori controfigure televisive, anche se muoiono tutte nel gioco. Miglior attore in una serie commedia è Jason Sudeikis per “Ted Lasso”. A Helen Mirren va un più che meritato premione alla carriera.

 

 

 

jessica chastain sag awards jessica chastain sag awards salma hayek salma hayek will smith sag awards will smith sag awards will smith jada pinkett smith will smith jada pinkett smith cate blanchett cate blanchett lady gaga lady gaga sandra oh sandra oh jennifer hudson jennifer hudson lady gaga in armani. lady gaga in armani. javier bardem javier bardem lin manuel miranda lin manuel miranda jessica chastain jessica chastain kerry washington 3 kerry washington 3 elle fanning elle fanning emilia jones emilia jones cynthia erivo cynthia erivo cynthia erivo cynthia erivo kim joo ryeong kim joo ryeong park hae soo park hae soo troy kotsur sag awards troy kotsur sag awards nicole kidman nicole kidman lady gaga in armani. lady gaga in armani. allison dunbar ron perlman allison dunbar ron perlman kirsten dunst kirsten dunst cate blanchett cate blanchett rosario dawson rosario dawson helen mirren helen mirren bradley cooper bradley cooper vanessa hudgens vanessa hudgens julianna margulies julianna margulies lee jung jae sag awards lee jung jae sag awards salma hayek salma hayek jamie dornan jamie dornan selena gomez selena gomez kieran culkin kieran culkin christine baumgartner kevin costner christine baumgartner kevin costner michael keaton michael keaton reese whiterspoon reese whiterspoon alexandra daddario alexandra daddario elle fanning sandra oh elle fanning sandra oh vanessa hudgens 2 vanessa hudgens 2 will smith jada pinkett smith will smith jada pinkett smith elle fanning elle fanning martin short martin short oscar isaac oscar isaac salma hayek salma hayek maggie gyllenhall maggie gyllenhall jessica chastain jessica chastain kerry washington kerry washington sophie hunter benedict cumberbatch sophie hunter benedict cumberbatch vanessa hudgens vanessa hudgens jung ho yeon jung ho yeon lady gaga lady gaga alexandra daddario alexandra daddario jeremy strong jeremy strong nicole kidman 2 nicole kidman 2 fran drescher fran drescher emilie livingston jeff goldblum emilie livingston jeff goldblum selena gomez selena gomez kirsten dunst jesse plemons kirsten dunst jesse plemons selena gomez 2 selena gomez 2 alexandra daddario 2 alexandra daddario 2 andrew garfield andrew garfield haley joel osment emily osment haley joel osment emily osment andrew garfield andrew garfield andrew garfield 2 andrew garfield 2 juno temple juno temple keith urban nicole kidman keith urban nicole kidman jason sudeikis vince sag awards jason sudeikis vince sag awards

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SE TRUMP SI RIPRENDE LA CASA BIANCA, PER LA MELONA LA SITUAZIONE SI FA DIFFICILISSIMA - DENTRO DI SÉ, FA IL TIFO PER KAMALA HARRIS. CON LEI, CHE SEGUIRÀ LE LINEE GUIDA DI BIDEN, AVREBBE UN COLLOQUIO PIÙ AGEVOLE RISPETTO ALL’”AMERICA FIRST” DI TRUMP E VANCE - GIÀ PIOMBATA DA MEGA INCUBI DOMESTICI (FINANZIARIA PER ARIA, MES DA RATIFICARE, PNRR IN GRAVE RITARDO), CON I TRE PARTITI DI GOVERNO IMPEGNATISSIMI A SFANCULARSI OGNI GIORNO, E’ ORMAI CHIARO CHE, DOPO IL SUO NO A URSULA, IL QUARTETTO AL COMANDO, SCHOLZ-MACRON-SANCHEZ-TUSK, MIRA APERTAMENTE A INDEBOLIRE IL GOVERNO DUCIONI CON OGNI AZIONE POLITICA ED ECONOMICA PER CACCIARLO DA PALAZZO CHIGI PRIMA DEL 2027 - SE NON CI PENSA PRIMA UN COLPO DI TESTA DI MATTEO SALVINI APPARECCHIANDO UN SECONDO PAPEETE. COSA CHE POTREBBE ACCADERE IN CASO DI SCONFITTA DEL SUO RIXI ALLE REGIONALI DEL DOPO TOTI IN LIGURIA. AD OGGI I SONDAGGI SONO A FAVORE DELLA SINISTRA…

DAGOREPORT - SONO GIORNI CHE FA UN CALDO DA TOGLIERE IL RESPIRO MA GIORGIA MELONI SUDA FREDDO - GIUNTA A UN BIVIO IN CUI E' DIVENTATO INUTILE IL SUO CAMALEONTISMO DA ATTRICE DI BORGATA, E’ SCOCCATA L’ORA DELLE “DECISIONI IRREVOCABILI” (COME DIREBBERO I SUOI) - LO HA BEN CAPITO IERI, A PALAZZO CHIGI: LA DUCETTA E’ SVENUTA QUANDO IL NEO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO EUROPEO, ANTONIO COSTA, HA COMUNICATO CHE IL DIRITTO DI VETO VERRA’ CASSATO: CON IL VOTO ALL’UNANIMITÀ NON SI PUÒ PIÙ GOVERNARE L’UNIONE EUROPEA, NE APPROFITTANO I PICCOLI STATI OSTILI A BRUXELLES PER METTERE IL BASTONE TRA LE RUOTE - È QUELLO CHE SUCCEDE A CHI DIMENTICA IL TERZO PRINCIPIO DELLA DINAMICA: AD OGNI AZIONE CORRISPONDE UNA REAZIONE UGUALE E CONTRARIA. E’ CHIARO CHE IL NO AL BIS DI URSULA CONDANNA IL GOVERNO DUCIONI A UNA EMARGINAZIONE CON ‘’RAPPRESAGLIA’’ SU COMMISSARI E FINANZIARIA. E AL SUO FIANCO, NON C’È PIÙ LA FORZA ITALIA SDRAIATA AI SUOI VOLERI MA UNA LEGA IN MODALITÀ ORBAN-LE PEN OSTILE NEI CONFRONTI DELL’UNIONE EUROPEA CHE MAI, COME NELL’ATTUALE DISORDINE MONDIALE, HA BISOGNO DI ESSERE UNITA PER NON FARSI TROVARE IMPREPARATA DALL’ESITO A NOVEMBRE DELLE PRESIDENZIALI AMERICANE

DAGOREPORT - COME MAI BARACK OBAMA NON SI È ANCORA SCHIERATO AL FIANCO DI KAMALA HARRIS? L’EX PRESIDENTE VUOLE ESSERE IL PAPA CHE DÀ LA BENEDIZIONE FINALE AL TICKET PRESIDENZIALE DEM, E NON SOLO ALLA CANDIDATA. IL GUAIO È TROVARE UN "RUNNING MATE" ADATTO: SERVE UN UOMO BIANCO CHE FACCIA DA CONTRALTARE ALLA DONNA, NERA E IDENTITARIA KAMALA. IN POLE JOSH SHAPIRO, MA IL SUO ESSERE EBREO PORTEBBE INIMICARGLI IL FAVORE DELL'ELETTORATO ARABO E DEI RADICAL FILO-PALESTINESI (OCASIO-CORTEZ E COMPAGNIA) – COME SI È ARRIVATI AL RITIRO DI BIDEN: LO STAFF DI “SLEEPY JOE” GLI HA SOTTOPOSTO DEI SONDAGGI HORROR (ERA A 7 PUNTI DA TRUMP) E IL PRESIDENTE HA CAPITO CHE NON C’ERA PIÙ NIENTE DA FARE…

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”