IL CINEMA DEI GIUSTI - “LE VELE SCARLATTE" È UN FILM DECISAMENTE MENO STRAVAGANTE E PIÙ NORMALIZZANTE CHE PIETRO MARCELLO HA DIRETTO IN FRANCIA - QUELLO CHE CI PIACE DI PIÙ È LA RICOSTRUZIONE DEL VECCHIO CINEMA STORICO FRANCESE CHE SI AMALGAMA CON I VECCHI FILMATI RICOLORATI DELLA GUERRA - UN BUON FILM, COLTO, INTELLIGENTE, BENISSIMO INTERPRETATO, ANCHE SE A UN CERTO PUNTO SENTI IL BISOGNO DI UNA STORIA… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

le vele scarlatte 3 le vele scarlatte 3

Aveva molto colpito in Francia, positivamente, il bizzarro “Martin Eden” di Pietro Marcello con Luca Marinelli ambientato a Napoli. “Le vele scarlatte", che traduce l’originale “L’envol”, è un film decisamente meno stravagante e più normalizzante che Pietro Marcello ha diretto in Francia, presentato come apertura della Quinzaine nello scorso maggio a Cannes, tratto dal romanzo dello scrittore russo pacifista del 1923 Alexander Grin, adattato alla Normandia, anzi alla Picardie negli anni successivi alla Grande Guerra.

le vele scarlatte 2 le vele scarlatte 2

 

Quello che ci piace di più del film, che non ha avuto le stesse accoglienze del suo precedente “Martin Eden”, è la ricostruzione del vecchio cinema storico francese con quei faccioni alla Michel Simon o alla Jean Gabin. Marcello, con la collaborazione del suo sceneggiatore di fiducia, Maurizio Braucci, e di Maud Adeline, ricostruisce infatti con grande cura un mondo ormai perduto di un secolo fa curando l’immagine, assieme al direttore della fotografia Marco Graziaplena, in modo che si amalgami nell’impasto dei vecchi filmati ricolorati della guerra e del tempo e ci rimandi a quel che ci è più vicino, cioè il cinema francese fra le due guerre che ha formato tanti intellettuali anche italiani.

 

LE VELE SCARLATTE LE VELE SCARLATTE

La storia è quella di un soldato, il grosso, pesante Raphael interpretato dal monumentale Raphael Thiery, una specie di Michel Simon di oggi, che torna dalla guerra nel suo paesello in Picardie, vedovo della amata moglie Marie, ma padre della bambina Juliette, che è stata cresciuta da una vicina, Adeline, Noémie Lvovsky. Raphael ha dei problemi a trovare lavoro, ma ha le mani d’oro sia come falegname che come fabbricante di giocattoli che come riparatore di pianoforti. Quando la ragazza cresce, Juliette, interpretata da Juliette Jouanno, le cose si complicano con un sub-plot mélo che prevede un bel pilota, Louis Garrel, un giovane che vuole vendicarsi e una pistola.

 

le vele scarlatte 1 le vele scarlatte 1

Non strampalato, curioso, vitale come “Martin Eden”, ha una costruzione decisamente più tradizionale, quasi documentaristica, che porta il film verso il genere che Marcello riesce meglio a controllare, anche se a un certo punto senti il bisogno di una storia. Funziona magari meno quando cerca di trovarsi una forma tra il mélo, il favolistico, poi il musical francese tra Demy e Dumont, senza sviluppare davvero una strada. Come fosse un problema di timidezza, di non voler esagerare. Rimane però un buon film, colto, intelligente, benissimo interpretato, ben musicato da Gabriel Yared e il faccione e le manone di Raphael Thiery sono notevoli. In sala.

LE VELE SCARLATTE LE VELE SCARLATTE LE VELE SCARLATTE LE VELE SCARLATTE LE VELE SCARLATTE LE VELE SCARLATTE LE VELE SCARLATTE LE VELE SCARLATTE LE VELE SCARLATTE LE VELE SCARLATTE LE VELE SCARLATTE LE VELE SCARLATTE LE VELE SCARLATTE LE VELE SCARLATTE LE VELE SCARLATTE LE VELE SCARLATTE

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

DIFFIDATE SEMPRE DA QUELLI CHE SEMBRANO TROPPO BUONI – CON UNA LUNGA INCHIESTA, “BLOOMBERG BUSINESSWEEK” SPUTTANA “CORE”, LA ONG FONDATA DA SEAN PENN, ACCUSATA DI INEFFICIENZE E GESTIONE SGANGHERATA DEI FONDI – NON SI SA CHE FINE ABBIANO FATTO 1,6 MILIONI DI DOLLARI RACCOLTI LO SCORSO ANNO, DURANTE UNA SERATA A MIAMI, E DESTINATI ALL'EMERGENZA COVID IN BRASILE – I VERTICI DELL'ORGANIZZAZIONE NO PROFIT AVREBBERO ANCHE IGNORATO E INSABBIATO UN CASO DI MOLESTIA SESSUALE 

cronache

MAI FIDARSI DI UN'AMICA ESCORT – LA DONNA CHE A ROMA HA PUBBLICATO ONLINE IL VIDEO DI UNA SCOPATA CON UN'ALTRA DONNA SI CHIAMA ANGELA GABRIELLA PRINCZ, È UNGHERESE E HA 52 ANNI – ORA È ACCUSATA DI REVENGE PORN, ANCHE SE NON C'È STATO NESSUN RICATTO: L'ALTRA DONNA ERA CONSAPEVOLE DI ESSERE RIPRESA A PATTO CHE IL VIDEO RIMANESSE PRIVATO. MA "BLUEANGY” NON HA RESISTITO E CI HA FATTO UN BEL PO' DI QUATTRINI E A RICEVERE UN PO' DI PUBBLICITÀ (QUELLA È GRATIS): "I MIEI CLIENTI? SONO IN GRAN PARTE UOMINI SPOSATI CHE NON..."

sport

cafonal

CAFONALINO CAN CAN! – FRANCESCA PAPPALARDO, L’ESTETISTA CHE SI FA CHIAMARE “LOOKMAKER”, FESTEGGIA I SUOI 40 ANNI CON UNA SERATA A TEMA “MOULIN ROUGE ALLA VACCINARA” – TRA L’OTTANTINA DI AMICHE, CLIENTI E SVIPPATI PRESENTI SUL ROOFTOP DELL’HOTEL VALADIER, AVVISTATI CLIZIA INCORVAIA E UN PAOLO CIAVARRO INQUARTATO, UNA SOLITARIA MANILA NAZZARO, GIACOMO URTIS CON FLUENTE CHIOMA BIONDA E PETTORALI TETTONICI IN BELLA VISTA – OSPITE D’ONORE VALERIONA MARINI, CHE METTE A DURA PROVA LE CUCITURE DEL VESTITINO DI CRISTALLI E PAILLETTES – FOTO BY DI BACCO

viaggi

salute

L'EPIDEMIA DI VAIOLO DELLE SCIMMIE IN EUROPA SI STA SPEGNENDO: SOLO 23 NUOVI CONTAGI - SU SCALA GLOBALE, INVECE, L'OMS HA RILEVATO UN AUMENTO DEI CONTAGI. NELLA SETTIMANA TRA IL 23 E IL 29 GENNAIO SONO STATI REGISTRATI NEL MONDO 403 NUOVI CASI, IL 37,1% IN PIÙ RISPETTO ALLA SETTIMANA PRECEDENTE, DISTRIBUITI IN 20 PAESI NEL MONDO. IL MAGGIOR NUMERO DI CONTAGI È STATO REGISTRATO IN MESSICO (72 NUOVI CASI), REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO (69), USA (42), BRASILE (40), GUATEMALA (34)…