IL CINEMA DEI GIUSTI - CON “VILLETTA CON OSPITI”, IVANO DE MATTEO PUNTA SULLA BORGHESIA VELENOSA DEL NORDEST E SUI RAPPORTI TRA I PADRONI E PADRONCINI VENETI E I RUMENI CHE LAVORANO PER LORO. ANCHE SE NON È APERTAMENTE UN FILM POLITICO, ALLA FINE LO DIVENTA DI FATTO SOLO PER IL RACCONTARE UNA STORIA CHE FARÀ ESPLODERE CONTRADDIZIONI E AMBIGUITÀ PROPRIO IN QUELLA RICCA BORGHESIA VENETA CHE LEGA E SALVINI DIFENDONO DAGLI IMMIGRATI… - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Marco Giusti per Dagospia

 

VILLETTA CON OSPITI VILLETTA CON OSPITI

Ah, la perfida borghesia del Nordest… Specializzato da tempo in ritratti senza pietà della nuova borghesia italiana con tutte le sue colpe, i suoi incesti e i suoi drammi, Ivano De Matteo con questo “Villetta con ospiti” punta stavolta, assieme alla sua attenta co-sceneggiatrice Valentina Ferlan, sulla borghesia velenosa del Nordest e sui rapporti tra i padroni e padroncini veneti e i rumeni che lavorano per loro. Anche se non è apertamente un film politico, alla fine lo diventa di fatto solo per il raccontare, con un modello da giallo alla Claude Chabrol, una storia che farà esplodere contraddizioni e ambiguità proprio in quella ricca borghesia veneta che Lega e Salvini difendono dagli immigrati.

 

Due colpi d’arma da fuoco sparati nella villetta dove abita la famiglia Tamanin, ricchi vinai della zona, saranno la miccia di tale esplosione coinvolgendo nel gioco al massacro tutta la famiglia e chi lavora per loro.

 

VILLETTA CON OSPITI VILLETTA CON OSPITI

C’è una moglie ricca e depressa, la Diletta di Michela Cescon, un marito romano e traditore, il Giorgio di Marco Giallini, una figlia irrequieta, Monica Billiani, la nonna, Erika Blanc, cattiva e razzista, ma di gran divertimento, una cameriera rumena, la Sonia di Cristina Flutur, seria e preparata, suo figlio Adrian Ioan Tiberiu Dobrica, che non accetta la logica dei rapporti di classe. Mettiamoci anche tre personaggi esterni, un prete bello, Vinicio Marchioni, che piace troppo a Diletta, un medico non proprio pulito, Bebo Storti, e un poliziotto napoletano, Massimiliano Gallo, che sa come uscire da ogni situazione, molto amico di Giorgio. Bang Bang.

 

VILLETTA CON OSPITI VILLETTA CON OSPITI

Come partono i due colpi di una pistola che non doveva essere le mani della famiglia Tamanin, inizia un carosello di sentimenti e di tradimenti inaspettati che mostreranno la vera natura dei personaggi e della società che De Matteo ha messo in scena. Davvero ben scritto e ben diretto e interpretato da un grande cast affiatato dove ogni attore ha il suo spazio, e se la Cescon è perfetta nel suo ruolo lo sono anche la Blanc dall’alto della sua filmografia di thriller e horror all’italiana, e la Flutur che già apprezzammo il “Oltre le colline” di Cristian Mungiu, il film cresce strada facendo non scivolando mai nella  banalità di situazione già viste, ma cercando sempre una sua chiave originale per raccontare quella che è poi una storia dell’Italia di questi brutti tempi. In sala dal 30 gennaio. 

VILLETTA CON OSPITI VILLETTA CON OSPITI VILLETTA CON OSPITI VILLETTA CON OSPITI VILLETTA CON OSPITI VILLETTA CON OSPITI

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

CASA ITALIA BRUCIA E I BUROCRATI DEL MINISTERO DEL TESORO FRENANO I SOCCORSI - QUELLO CHE DAGOSPIA SCRIVE DA SETTIMANE È STATO SCOPERTO OGGI DA “LA STAMPA”: “DOPO LE INDISCREZIONI SULLE PRESUNTE INCOMPRENSIONI CON CONTE, GUALTIERI HA VOLUTO METTERE UNA DISTANZA CON ALESSANDRO RIVERA, IL DIRETTORE GENERALE DEL SUO MINISTERO” – ‘’SERVONO RISORSE, ALTRI DUECENTO MILIARDI, A GARANZIA DELLE BANCHE CHE DEVONO A LORO VOLTA ASSICURARE CREDITO. MA RIVERA CI STA OSTACOLANDO SU TUTTO”

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute