IL CINEMA DEI GIUSTI - MAGARI NON È IL MOMENTO MIGLIORE IN ITALIA PER DISTRIBUIRE IL NUOVO FILM DEI FRATELLI DARDENNE "TORI E LOKITA", CHE RACCONTA LE PICCOLE, TRISTI AVVENTURE DI UNA RAGAZZA SENZA DOCUMENTI IN BELGIO E DI UN RAGAZZINO CHE DOVREBBE ESSERE SUO FRATELLO, MA NON LO È - SENZA DOCUMENTI, I DUE SI DEVONO ARRANGIARE LAVORANDO PER I PICCOLI TRAFFICI DI DROGA LOCALI GESTITI DA BIANCHI E DA CATTIVI CUOCHI ITALIANI. NON DITELO NÉ ALLA MELONI NÉ A MACRON… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Tori e Lokita Tori e Lokita

Marco Giusti per Dagospia 

 

Magari non è il momento migliore in Italia per distribuire il nuovo film dei fratelli Dardenne "Tori e Lokita", serio, rigoroso, sentito e ovviamente bene accolto lo scorso maggio a Cannes, anche se non aggiunge molto di nuovo ne' alla loro filmografia ne' al loro impegno sociale.

 

Tori e Lokita Tori e Lokita

Minimalista come si addice ai due registi belgi, tratta di piccole, tristi avventure di immigrazione di una ragazza senza documenti in Belgio, Lokita, interpretata da Mbundo Joely, che deve mandare i soldi alla mamma strega del villaggio per fare studiare i fratellini e ripagare quelli che l'hanno portata in Europa, e di un ragazzino cresciuto in fretta, Tori, Pablo Schils, che dovrebbe essere suo fratello, ma non lo è, che lei ha incontrato all'orfanatrofio.

 

Tori e Lokita Tori e Lokita

Senza documenti, non riuscendo a provare di essere fratelli, i due si devono arrangiare lavorando per i piccoli traffici di droga locali gestiti da bianchi e da cattivi cuochi italiani. Non ditelo né alla Meloni né a Macron. Tutta gente orrenda e senza cuore che quando può approfitta anche di Lokita. "Non sei te che ti devi sentire sporca" le dice Tori  "Sono loro che sono sporchi".

 

Tori e Lokita Tori e Lokita

L'unico momento di conforto per i due è proprio nel costruito rapporto tra fratello e sorella, voluto da entrambi, e sancito dall'esecuzione in italiano, perché sono sbarcati in Sicilia, di "Alla fiera dell'Est", ricordate?, il vecchio successo di Branduardi che è in realtà la rielaborazione di un vecchio canto degli ebrei dell'entroterra ligure piemontese, come mi spiegò tanti anni fa Lele Luzzati in quanto ebreo ligure. E per un periodo della sua vita pure profugo.

 

Tori e Lokita Tori e Lokita

Le cose si complicano quando Lokita accetta un lavoro claustrofobico di "giardiniera" in una specie di capannone dove si coltiva droga e non può vedere Tori. Bello, sincero, con un gran lavoro dei Dardenne sugli attori, magnifici, e sulla ricostruzione realistica di tutta la storia e l'ambientazione, magari ha una parte centrale un po' ovvia, ma è qualcosa che va visto senza snobismo cinefilo con gli occhi aperti per capire cosa accade davvero in Europa, tra Italia e Francia. In sala.

Tori e Lokita Tori e Lokita Tori e Lokita Tori e Lokita Tori e Lokita Tori e Lokita tori e lokita. 2 tori e lokita. 2 tori e lokita tori e lokita Tori e Lokita Tori e Lokita i fratelli dardenne i fratelli dardenne tori e lokita. tori e lokita.

 

tori e lokita tori e lokita Tori e Lokita Tori e Lokita

 

Condividi questo articolo

media e tv

“A LETTO VANNO BENE LE COCCOLE, MA NON SOLO QUELLE. CONTA QUALITÀ E QUANTITÀ” – L’INTERVISTA BOMBASTICA AD ANTONELLA CLERICI CHE NELL'INTIMITA’ VUOLE “UNA CERTA DOSE DI TRASGRESSIONE" - A 58 ANNI LA CONDUTTRICE NON HA PERSO LA PASSIONE E SOTTO LE COPERTE SI VUOLE DIVERTIRE: "MAGARI NON TUTTI I GIORNI COME UN TEMPO MA COME SI DEVE” – “LA PRIMA VOLTA DAL CHIRURGO ESTETICO? A 40 ANNI, MA NON CI VADO PIÙ DI DUE VOLTE L’ANNO. NON VOGLIO TRASFORMARMI, VEDO CERTE BOCCHE IN GIRO, MAMMMA MIA…”

politica

business

cronache

sport

DAGO RETROSCENA - DA TEMPO JOHN ELKANN AVEVA PROVATO A FAR CAPIRE AL CUGINO ANDREA (E ALLA MADRE ALLEGRA) CHE IL CAPOLINEA ERA ARRIVATO CON L’INDAGINE DELLA PROCURA DI TORINO: DIMETTITI, CORRI IL RISCHIO DI ESSERE ARRESTATO. IL NIPOTE DELL’AVVOCATO NON POTEVA CREDERCI: IO SONO UN AGNELLI… - POI, VIA PROCURA, TUTTO È PRECIPITATO. NON ERA INFATTI IERI LA GIORNATA GIUSTA, LE DIMISSIONI DOVEVANO AVVENIRE DOPO I MONDIALI. LA SCELTA DI SCANAVINO NE È LA PROVA: UNA SOLUZIONE TEMPORANEA VISTO CHE L’ALTER EGO DI ELKANN È STRAIMPEGNATO CON LA GEDI

cafonal

CAFONALISSIMO! GOVERNO MELONI ALL'OPERA – L'EMOZIONANTE PRIMA DI “DIALOGHI DELLE CARMELITANE”, REGIA DI EMMA DANTE, CON IL PALCO REALE OCCUPATO DA SANGIULIANO ASSEDIATO DI LINGUE BIFORCUTE, CASELLATI, SGARBI, MOLLICONE - GUALTIERI È FILATO VIA ALLA FINE DEL PRIMO ATTO PER NON PERDERE L'AEREO PER BRUXELLES - IL SIPARIETTO TRA IL NEOSENATORE LOTITO E L’ASSESSORE ONORATO (FLAMINIO CI COVA?) – E POI LETTA, GRILLI, PADOAN, PALERMO, MASI, SEVERINO, NASTASI, AUGIAS, GOTOR, JERVOLINO, DAGO LEOPARDATO, LUCCI CHE SI BECCA DEL “BASTARDO” E DUE DIPENDENTI DEL TEATRO CHE DENUNCIANO: “QUI SI RUBANO LE PALLINE DELL’ALBERO DI NATALE!” – FOTO BY DI BACCO

viaggi

salute