COME SARA’ LA RAI DEL DOPO AMADEUS? COME DAGO-DIXIT, CARLO CONTI IN POLE PER SANREMO. FIORELLO DA’ LA SUA BENEDIZIONE (“DOPO AMA BISOGNA ANDARE SUL SICURO E CARLO CONTI È IL SICURO”) - IN CALO LE CHANCE DI BONOLIS E ANTONELLA CLERICI (CHE HA RIFIUTATO DI CONDURLO IN COPPIA) - L'IPOTESI CATTELAN E' CONSIDERATA RISCHIOSA DA "RAI PUBBLICITA'": IN PRIMA SERATA NON HA MAI BUCATO LO SCHERMO E IL PROSSIMO FESTIVAL E' FONDAMENTALE PER LE CASSE RAI - STEFANO DE MARTINO, FORTE DELLA STIMA DEL DG GIAMPAOLO ROSSI, SARÀ AL TIMONE DI “AFFARI TUOI” 

-

Condividi questo articolo


R. Fra. per il "Corriere della Sera" - Estratti

 

carlo conti tali e quali carlo conti tali e quali

Carlo Conti davanti a tutti. Antonella Clerici, ma non certo affiancata da qualcuno. Oppure Alessandro Cattelan. Defilato Paolo Bonolis. Il prossimo Festival di Sanremo dovrebbe mettere in primo piano uno di questi volti.

 

Stando alle parole di Fiorello — uno che ultimamente è parecchio informato — i giochi sarebbero quasi fatti: «Le autostrade sono spianate. Carlo è stato contattato per Sanremo 2025, ci sta pensando. Posso dire la mia? Dopo Amadeus bisogna andare sul sicuro e Carlo Conti è il sicuro».

 

La soluzione Bonolis darebbe sicure certezze, ma sembra poco praticabile per tre buone ragioni: la prima è che al di là delle dichiarazioni di facciata, l’idea non lo entusiasma fino in fondo; la seconda è che ha ancora un anno di contratto con Mediaset; da qui la terza, ovvero che per la Rai non sarebbe il massimo dal punto di vista dell’immagine presentarsi al suo evento più importante con un conduttore «affittato» dalla concorrenza. Ad Antonella Clerici invece c’è chi ha avuto il coraggio di chiederle di farlo in coppia e lei ha rifiutato: pensa — giustamente — di essere in grado di poter condurre il Festival da sola.

antonella clerici antonella clerici

 

L’ipotesi Cattelan per molti, a partire dai vertici di Rai Pubblicità, viene valutata come rischiosa: in prima serata non ha bucato lo schermo come ci si aspettava e il prossimo Sanremo è fondamentale per le casse della Rai.

 

Se la Rai sapeva di dover risolvere la grana Sanremo (perché comunque Amadeus aveva detto chiaramente che non ne avrebbe fatto un altro), l’altro grosso nodo da sciogliere è quello dell’access prime time (lo slot in onda dopo il Tg1), la fascia oraria più pregiata, perché ottiene — tutti i giorni — numeri che la prima serata ormai raggiunge saltuariamente.

 

(...) L’ipotesi che prende sempre più piede è quella di Stefano De Martino che pare abbia molti estimatori ai piani alti di viale Mazzini e che sembra ormai il prescelto per una scommessa (l’appuntamento quotidiano) tutta da verificare, anche se un format consolidato rappresenta una buona rete di protezione.

stefano de martino stefano de martino

 

Intanto la Rai potrebbe dover far fronte anche a qualche altro scontento, come Flavio Insinna (che è senza contratto), Sigfrido Ranucci e Federica Sciarelli: l’idea che possano guardare a La7 come nuovo punto di approdo non è del tutto campata in aria.

ALESSANDRO CATTELAN ALESSANDRO CATTELAN

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI