CORONA+CORONA=CORONAVIRUS - FABRIZIO POSITIVO FA VENIRE IL FIGLIO CARLOS A CASA, E LA MADRE NINA MORIC CHIAMA LA POLIZIA: ''NON SOLO NON RISPETTA LE NORME SULLA QUARANTENA MA ANCHE LA SALUTE DI MIO FIGLIO E DI TUTTI COLORO CHE ENTRANO IN CONTATTO CON LUI. È PER UOMINI COME CORONA CHE IL VIRUS SI DIFFONDE SEMINANDO ANCHE LA MORTE''

- -

 

- -

 

-

Condividi questo articolo

 

CARLOS MARIA CORONA CON IL PADRE FABRIZIO CARLOS MARIA CORONA CON IL PADRE FABRIZIO

Da www.leggo.it

 

 

Nina Moric di nuovo contro Fabrizio Corona. L'ex re dei paparazzi si trova in isolamento dopo essere risultato positivo al coronavirus. Tra le restrizioni di chi è malato c'è l'obbligo di non avere contatti con altre persone proprio per evitare i contagi, ma secondo la Moric Corona avrebbe chiesto al figlio Carlos di andare a casa sua.

 

«Fabrizio Corona, positivo al coronavirus, ha invitato Carlos a casa senza che io ne sapessi nulla e adesso bivaccano facendo stories su Instagram. Fabrizio non solo non rispetta le norme sulla quarantena ma anche la salute di mio figlio e di tutti coloro che entrano in contatto con lui. È per uomini come Corona che il virus si diffonde seminando anche la morte», ha scritto Nina in una storia su Instagram. Fabrizio infatti ha invitato il figlio a casa senza dire nulla alla madre, così la donna ha chiamato la polizia che però, ha spiegato, non è riuscita ad aiutarla: «Mi hanno detto di chiamare mio figlio e di farlo tornare a casa», ha detto furiosa. Poi ha proseguito: «Un figlio di 18 anni può anche avere l’incoscienza di fare certe cose ma per un padre di quasi 50 anni è inammissibile perché sa benissimo che Carlos è un soggetto più a rischio essendo asintomatico».

NINA MORIC CARLOS MARIA CORONA NINA MORIC CARLOS MARIA CORONA

 

Intanto nelle storie di Corona è apparso il figlio. Fabrizio che ha avuto diversi giorni di febbre, è tornato ad allenarsi e nelle ultime storie su Instagram ha scritto "combatto il covid" mentre ha ripreso ad allenarsi e a sollevare pesi, il tutto filmato dal figlio Carlos che lo incoraggia. Il 18enne era tornato a vivere a casa della madre proprio per una questione di sicurezza per la sua salute. 

CARLOS MARIA CORONA CARLOS MARIA CORONA CARLOS MARIA CORONA CARLOS MARIA CORONA fabrizio corona nina moric carlos fabrizio corona nina moric carlos asia argento fabrizio corona e il figlio carlos asia argento fabrizio corona e il figlio carlos CARLOS MARIA CORONA CARLOS MARIA CORONA CARLOS MARIA CORONA CARLOS MARIA CORONA fabrizio e carlos maria corona fabrizio e carlos maria corona

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute