COSA È SUCCESSO TRA LE “IENE” E TRAVAGLIO? – LA TRASMISSIONE DI ITALIA UNO SPIEGA PERCHÉ IL SERVIZIO SU CHICO FORTI È SPARITO DAL SITO (E ORA È TORNATO): “CHI DETIENE I DIRITTI DELLA TRASMISSIONE “ACCORDI E DISACCORDI” CI HA DIFFIDATO PER LO SPEZZONE IN CUI TRAVAGLIO PARLAVA DEL TRASFERIMENTO DI CHICO FORTI IN ITALIA” – NEL SERVIZIO, SI METTEVANO IN FILA LE DIVERSE VERSIONI DI MARCOLINO (MA ANCHE DI ANDREA SCANZI) SUL CASO FORTI - L’ATTACCO DI MARCOLINO: “LE AUTOREVOLI IENE CI DANNO LEZIONI DI COERENZA. PULPITO QUANTOMAI CREDIBILE: DENUNCIANO TUTTI, MA IN 27 ANNI NON SI SONO MAI ACCORTE CHE IL LORO PADRONE FRODAVA CENTINAIA DI MILIONI AL FISCO…” - VIDEO

-

Condividi questo articolo


ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

VIDEO – IL SERVIZIO DELLE “IENE” SU CHICO FORTI TORNATO ONLINE ("DEPURATO" DALLA CLIP DI "ACCORDI E DISACCORDI"

https://www.iene.mediaset.it/video/chico-forti-italia-e-alcuni-diventano-bipolari_1339443.shtml

 

1. LE IENE: MA CHE FINE HA FATTO IL SERVIZIO DI CHICO FORTI CON MARCO TRAVAGLIO?

IL SERVIZIO DELLE IENE SU CHICO FORTI NON DISPONIBILE IL SERVIZIO DELLE IENE SU CHICO FORTI NON DISPONIBILE

Da https://iene.mediaset.it/

 

«Nelle ultime ore ci state chiedendo in massa che fine abbia fatto il servizio intitolato: “Chico Forti torna in Italia e alcuni diventano bipolari”. Abbiamo dovuto toglierlo perché chi detiene i diritti della trasmissione “Accordi e Disaccordi” ci ha diffidato intimandoci di toglierlo dal nostro sito perché, evidentemente, non era d’accordo nel farci tenere lo spezzone in cui Marco Travaglio parlava del trasferimento di Chico Forti in Italia.

 

GIORGIA MELONI CHICO FORTI - VIGNETTA BY OSHO GIORGIA MELONI CHICO FORTI - VIGNETTA BY OSHO

Nessuno però può impedirci di raccontarvi cosa aveva detto. In modo che, chi se la fosse persa ora possa comprendere a fondo il Travaglio pensiero, rispetto al rientro in Italia del nostro connazionale condannato all'ergastolo negli Stati Uniti.

 

Allora: il nostro servizio mostrava uno spezzone in cui Marco Travaglio, come di consueto, si trovava in studio ad “Accordi e Disaccordi” e a un certo punto, parlando dell'arrivo a Pratica di Mare di Chico Forti e della foto che lo ritrae insieme a Giorgia Meloni, pone un quesito.

 

chico forti e dale pike chico forti e dale pike

DICHIARAZIONI DI MARCO TRAVAGLIO: “Io non capisco che cosa vada a fare il capo del governo italiano all’aeroporto a festeggiare un assassino e che cosa deve pensare la famiglia di quel ragazzo ucciso, ricordiamo, si chiama Anthony Dale Pike”.

 

Ecco, questa è la parte che abbiamo dovuto togliere. Dopodiché seguiva una risposta alla domanda posta dal direttore de Il Fatto Quotidiano rispetto al pensiero della famiglia della vittima.

 

Una risposta che Travaglio avrebbe potuto trovare all’interno dei nostri servizi sul caso Chico Forti, quando il fratello della vittima Bradley Pike ci rilasciò queste dichiarazioni: “Hanno detto che è stato lui l’assassino, ma io non credo che sia lui l’assassino.

 

MARCO TRAVAGLIO SU CHICO FORTI - DICEMBRE 2020 MARCO TRAVAGLIO SU CHICO FORTI - DICEMBRE 2020

Penso che sia anche solo ridicolo pensare che lui abbia pianificato quell’omicidio, aveva troppo da perdere. Io credo che sia una tragedia, e sono passati vent’anni. Credo che sia arrivato il momento di portare un po’ di pace in questo mondo, soprattutto per i figli (di Chico Forti) e per i figli dei suoi figli. È davvero un tragico errore e io spero di poter aiutare Enrico Forti a uscire di galera per portare un po' di pace anche ai suoi figli. Quindi vi prego, fatelo uscire. Liberatelo”.

 

Era importante riportare e ricordare queste sue parole perché, se come strumento di critica viene messo sul banco il morto, ecco è d'obbligo dare voce ai familiari, del morto.

 

Dichiarazioni che Bradley Pike non si è limitato a fare solo a noi, ma che, messe nero su bianco, ha firmato in una lettera indirizzata al governatore della Florida per richiedere il suo rilascio.

 

BENVENUTO ASSASSINO - IL FATTO QUOTIDIANO CONTRO CHICO FORTI BENVENUTO ASSASSINO - IL FATTO QUOTIDIANO CONTRO CHICO FORTI

LETTERA FIRMATA DA BRADLEY PIKE AL GOVERNATORE DELLA FLORIDA RON DE SANTIS in cui si legge: “Vi scrivo per chiedervi l’immediato rilascio di Enrico Forti, sono fermamente convinto che il sig. Forti sia innocente per il crimine di cui è stato ingiustamente detenuto per 20 anni”».

 

2. REI CON FESSI

Estratto dell’articolo Marco Travaglio per “il Fatto quotidiano”

 

[…] su Italia1, anche le autorevoli Iene ci davano lezioni di coerenza. Pulpito quantomai credibile: denunciano tutti, anche chi frega qualche spicciolo, ma in 27 anni non si sono mai accorte che il loro padrone frodava centinaia di milioni al fisco efinanziava la mafia, oltre a stipendiarle. Gli argomenti della lezione sono inoppugnabili.

 

1) Un ministro che annuncia l’estradizione di Forti equivale alla premier che lo riceve con tutti gli onori.

 

MARCO TRAVAGLIO SU CHICO FORTI - MAGGIO 2024 MARCO TRAVAGLIO SU CHICO FORTI - MAGGIO 2024

2) L’estradizione del pregiudicato perché sconti il residuo pena in Italia, dopo che si è dichiarato colpevole e la Corte d’appello di Verona ha fatto propria quella di Miami senza trovarvi nulla di men che fondato e l’ha trasformato in assassino anche per la giustizia italiana, è un’assoluzione.

 

3) Forti si dichiara innocente, dunque è innocente: anche se aveva il movente, aveva comprato la pistola intestandola a un altro, era sul luogo del delitto, era fino a poco prima con la vittima di cui ha cancellatole tracce facendo lavare l’auto (ma non il gancio con la sabbia della spiaggia del delitto), ha mentito per depistare l’in dagine e si è sempre opposto a divulgare gli atti del processo.

 

Quindi anche Riina, Provenzano&C., i nazisti a Norimberga, Pacciani, la Franzoni e ora la Pifferi, essendosi detti innocenti, lo sono. Si attendono campagne delle Iene anche per loro e non solo per Rosa e Olindo, che invece sono innocenti perché hanno confessato.

GIORGIA MELONI E CHICO FORTI IN VERSIONE MUSSOLINI - MEME GIORGIA MELONI E CHICO FORTI IN VERSIONE MUSSOLINI - MEME

 

4) Forti è innocente perché lo dice un fratello della vittima: infatti nei processi per omicidio, prima di emettere la sentenza, si chiede sempre il permesso ai parenti del morto fino al terzo grado e, se uno non è d'accordo, si lascia perdere.

 

5) Forse Forti è stato condannato “solo” come mandante dell’omicidio, ergo non si può chiamarlo “assassino” (ma neppure Hitler o Riina).

6) Le sentenze definitive diventano provvisorie se non piacciono alle Iene.

7) L’ultimafrontiera dell’audience è spacciare gli omicidi per suicidi e i suicidi per omicidi.

 

ANDREA DI GIUSEPPE - CHICO FORTI ANDREA DI GIUSEPPE - CHICO FORTI GIORGIA MELONI E LE DIFFERENZE TRA CHICO FORTI E ILARIA SALIS - VIGNETTA BY ROLLI - IL GIORNALONE - LA STAMPA GIORGIA MELONI E LE DIFFERENZE TRA CHICO FORTI E ILARIA SALIS - VIGNETTA BY ROLLI - IL GIORNALONE - LA STAMPA GIORGIA MELONI CHICO FORTI MEME BY 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA GIORGIA MELONI CHICO FORTI MEME BY 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA GIORGIA MELONI - CHICO FORTI GIORGIA MELONI - CHICO FORTI GIORGIA MELONI - CHICO FORTI - ILLUSTRAZIONE DEL FATTO QUOTIDIANO GIORGIA MELONI - CHICO FORTI - ILLUSTRAZIONE DEL FATTO QUOTIDIANO meme su giorgia meloni che accoglie chico forti - il grande flagello meme su giorgia meloni che accoglie chico forti - il grande flagello CHICO FORTI INTERVISTATO DAL TG1 CHICO FORTI INTERVISTATO DAL TG1 CHICO FORTI RIENTRA IN ITALIA CHICO FORTI RIENTRA IN ITALIA giorgia meloni - chico forti - meme by vukic giorgia meloni - chico forti - meme by vukic IL FATTO QUOTIDIANO SU CHICO FORTI AI TEMPI DI DI MAIO IL FATTO QUOTIDIANO SU CHICO FORTI AI TEMPI DI DI MAIO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA