CRITICHE "PESANTI" SUL FILM DA OSCAR - I "BODY-SCEMI" SE LA PRENDONO CON "THE WHALE" PERCHÉ BRENDAN FRASER, L'ATTORE CHE INTERPRETA IL PROTAGONISTA, NON È REALMENTE OBESO! - SUL WEB C'E' CHI ACCUSA L'ATTORE E IL REGISTA DI GRASSOFOBIA, CHI DICE CHE LA "FAT SUIT" USATA DA FRASER SIA OFFENSIVA E CHI SOSTIENE CHE SOLO UN ATTORE SOVRAPPESO DOVREBBE AVERE RUOLI DEL GENERE - AVVISATE LA MARVEL: DI QUESTO PASSO, PER IL PROSSIMO FILM, DOVRANNO TROVARE DEI SUPEREROI VERI… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo do Adriano Scianca per “la Verità”

 

brendan fraser the whale brendan fraser the whale

Una delle contraddizioni più stridenti della sensibilità contemporanea è quella che vede convivere da una parte un salutismo paranoico […] e dall’altra il mito della «body positivity», cioè dell’accettazione di qualsiasi corpo, quale che sia la taglia, la forma, il colore, l’abilità o il genere. E i corpi che recano visibilmente il segno di stili di vita malsani o di squilibri fisiologici? Li accettiamo o li curiamo? Ecco, per l’appunto, la contraddizione. Che esplode in modo grottesco sulla questione The Whale.

 

the whale brendan fraser 2 the whale brendan fraser 2

Come noto, il film di Darren Aronofsky è tratto da una pièce teatrale di Samuel D. Hunter e racconta la storia di Charlie, un uomo iper obeso che si è recluso in casa dopo una serie di traumi personali. Il ruolo del protagonista è stato affidato a Brendan Fraser, ex bellone di Hollywood poi lasciatosi effettivamente un po’ andare, […] interpretato grazie a un pesante trucco. Ad ogni modo, la performance è piaciuta all’Academy, tant’è che sia Fraser che il makeup hanno portato a casa l’Oscar, anche se fra i critici c’è chi ha bocciato l’ennesima sortita di Aronofsky nel campo della pornografia del dolore. […]

the whale brendan fraser 1 the whale brendan fraser 1

 

Sotto accusa è finita la fat suit (cioè il costume di gommapiuma che ha dato i 270 kg di Charlie a ben più leggero Fraser). Il verdetto è parso inappellabile: è chiaramente grassofobia, signori. […]Lara Lago, influencer e giornalista, «body activist» e conduttrice della rubrica CaroCorpo su Sky Tg24, ha postato su Instagram una videorecensione che è una sorta di manifesto di un certo gergo importato malamente dai campus americani. «Mi sembra pazzesco che abbia potuto uscire un film del genere senza trigger warning per le persone con disturbi del comportamento alimentare. […]».

 

the whale di darren aronofsky the whale di darren aronofsky

[…] La stessa Lago ha confessato di non essere riuscita a cenare dopo la visione del film. Sempre su Instagram, un collettivo sulla «fat liberation», […] Da non perdere, poi, la recensione uscita sul Post a firma di Jonathan Zenti. […]Zenti descrive la pellicola come «un film che parla di un uomo molto grasso scritto da un uomo magro, diretto da un regista magro e interpretato da un attore forse un po’ fuori forma ma decisamente normopeso. Come se nel 1989 Fa’ la cosa giusta di Spike Lee fosse stato scritto e interpretato da Tom Hanks». […]

 

Dopo aver biasimato il «fatface», ovvero «il corrispettivo grassofobico della blackface», l’autore ci spiega quanto il film sia disonesto, perché il protagonista è sporco, trasandato e abbrutito, mentre, scrive Zenti, «a me non è mai capitato di ridurmi allo stato di squallore in cui lui vive[…]

 

brendan fraser brendan fraser

Un film è un film: racconta una storia. Non è la mia storia, la tua, quella di Zenti o quella di chiunque altro possa avere qualche punto in comune con la trama. È quella storia è basta. Ma la confusione dei piani è tale, che a un certo punto il recensore si lascia andare a considerazioni mediche quanto meno controverse: «Le persone obese non sono condannate a morte, almeno non più delle altre. […] Ci possono essere malattie legate a uno stato di obesità, così come ci sono quelle legate all’ereditarietà, al lavoro o allo sport».

 

sadie sink, brendan fraser sadie sink, brendan fraser

Davvero vogliamo prendere sul serio il paragone tra malattie legate al grasso e quelle legate allo sport, come se fosse la stessa cosa? Ora, il rapporto Oms 2022 (il mantra «fidatevi degli esperti» non vale più?) ci dice in realtà che «sovrappeso e obesità sono tra le principali cause di morte e disabilità nella Regione europea dell’Oms e stime recenti suggeriscono che causano più di 1,2 milioni di decessi all’anno, corrispondenti a oltre il 13% della mortalità totale nella Regione. L’obesità aumenta il rischio di molte malattie non trasmissibili, inclusi tumori, malattie cardiovascolari, diabete mellito di tipo 2 e malattie respiratorie croniche».

[…]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)