DELITTO E DILETTO ALL’OPERA/2 - LE DIMISSIONI DI ALESSIO VLAD, DIRETTORE ARTISTICO PER BEN 14 STAGIONI DEL TEATRO DELL’OPERA DI ROMA, SONO ARRIVATE AL PETTINE. ALLA SBARRA, IL SOVRINTENDENTE FRANCESCO GIAMBRONE. IL CONSIGLIO HA FATTO PRESENTE DI NON AVER GRADITO DI DOVER LEGGERE SU DAGOSPIA, IN DATA 9 MARZO, LA NOTIZIA DELLE DIMISSIONI DI VLAD, CHE RISALGONO AL 28 FEBBRAIO SCORSO, NÉ TANTOMENO DELLO SBARCO DEL BALDO ALESSANDRO DI GLORIA, COCCO NEL CUORE DI GIAMBRONE FIN DALL’EPOCA DEL TEATRO MASSIMO DI PALERMO. LA GOFFA REPLICA DI GIAMBRONE (SIC TRANSIT... DI GLORIA MUNDI)

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

alessio vlad foto di bacco alessio vlad foto di bacco

Le polemiche dimissioni di Alessio Vlad, direttore artistico per ben 14 stagioni del Teatro dell’Opera di Roma, sono arrivate al pettine del consiglio di indirizzo, formato da Maria Pia Ammirati (Rai), Gianluca Comin (Comunicazione e pubbliche relazioni), Barbara Marinali (Acea), Andrea Napoletano (Regione Lazio), Lorenzo Tagliavanti (Camero del Commercio). Sul banco degli imputati, il sovrintendente Francesco Giambrone, arrivato un anno fa dal Massimo di Palermo per prendere il posto di Carlo Fuortes, transfuga a Viale Mazzini.

 

francesco giambrone alessio vlad foto di bacco francesco giambrone alessio vlad foto di bacco

Lunedì scorso, il consiglio ha subito fatto presente di non aver gradito di dover leggere su Dagospia, in data 9 marzo, la notizia delle dimissioni di Vlad, che risalgono al 28 febbraio scorso. Giambrone ha goffamente replicato che era impegnato a pensare una risposta alle lettera, poi che voleva provare a convincerlo a desistere dall’addio, quindi l’ha buttata in caciara dicendo che aveva in mente di comunicarle alla presente riunione del consiglio.

 

Sul motivo che ha portato Vlad a girare i tacchi, in data 10 marzo Dagospia aveva rivelato lo sbarco a Roma del baldo Alessandro Di Gloria, cocco nel cuore di Giambrone fin dall’epoca del Teatro Massimo di Palermo quando lo nominò responsabile della programmazione di opere, concerti e casting.

alessandro di gloria 1 alessandro di gloria 1

 

Così, dallo scorso dicembre, il quarantunenne palermitano si ritrova a ricoprire due incarichi per altrettanti stipendi: uno al Massimo di Palermo e un altro al Costanzi di Roma, dove è stato assunto come ''consulente per la programmazione artistica'', incarico che andava a pestare i piedi nel territorio di Vlad.

 

Giambrone l’ha presa alla larga definendo Vlad “grande professionista’’, “anch’io sono stato sorpreso dalle dimissioni”, ma cari consiglieri non bisogna disperare: ha anticipato solo di due mesi la fine del suo contratto. Ha aggiunto che, “con calma”, cercherà un altro direttore artistico e ha infine sottolineato il poco feeling esistente tra Vlad e il direttore principale dell’orchestra del Costanzi, Michele Mariotti. Circostanza  che Alessio Vlad smentisce seccamente.

 

giovanni mazzara, alessandro di gloria, gabriele ferro, francesco giambrone, marcello iozzia, oscar pizzo giovanni mazzara, alessandro di gloria, gabriele ferro, francesco giambrone, marcello iozzia, oscar pizzo

Per ciò che riguarda Alessandro Di Gloria, trattasi di consulenza, che è nelle mie prerogative di sovrintendente, non solo obbligato quindi a comunicarle al consiglio. Punto. Infatti, pare che Giambrone abbia imbarcato negli ultimi tempi un bel numero di consulenti (stampa e social). Sic transit... Di Gloria mundi!

Teatro dell Opera Teatro dell Opera

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - E DIVORZIO FU! CON UN ACCORDO SULLA PROPRIETÀ DI UNA VILLA A FIESOLE, OMOLOGATO DALLA PROCURA DI FIRENZE QUESTA MATTINA, È SCESO DEFINITIVAMENTE IL SIPARIO: FRANCESCA PASCALE E PAOLA TURCI HANNO SCIOLTO LA LORO UNIONE CIVILE - ORA GLI ATTI DEL DIVORZIO VERRANNO TRASFERITI AL COMUNE DI MONTALCINO, DOVE, APPENA DUE ANNI FA. FU CELEBRATO IL “MATRIMONIO” DELL'EX FIRST LADY DEL BERLUSCONISMO CON LA CANTAUTRICE - PURTROPPO, ANCHE I MIRACOLI LESBO SONO COME QUELLI ETERO: NON DURANO. FINITA L’INIZIALE PASSIONE, DA ALMENO UN ANNO L’ALCHIMIA EROTICA TRA PAOLA E FRANCESCA ERA ALLA DERIVA CON L’ENTOURAGE DELLA COPPIA CHE SUSSURRAVA DI “CADUTA DEL DESIDERIO”, “CRISI”, “SCAZZI”, “ALLONTANAMENTI”, LITIGI E RIPICCHE. QUESTA MATTINA, L’ULTIMO ATTO…

DAGOREPORT - "BENVENUTI A PAMPLONA, TURISTI DEL CAZZO"! - CRONACHE DALLA FOLLE FESTA DI SAN FERMIN, DOVE ALLE 8 DI MATTINA MIGLIAIA DI PERSONE SCAPPANO PER QUASI UN CHILOMETRO SPERANDO DI NON FARSI INCORNARE DAI TORI: NON TUTTE CI SONO RIUSCITE, DAL 1910 IL BILANCIO DELLE VITTIME E' DI 16 PERSONE - L'ARRIVO DEI BESTIONI NELL'ARENA GREMITA DI GENTE UBRIACA CHE CANTA I RICCHI E POVERI. LE NOTTI A LUCI ROSSE DEI TURISTI AMERICANI. LA FINALE DEGLI EUROPEI IGNORATA COMPLETAMENTE ("GLI SPAGNOLI? DEI FIGLI DI PUTTANA") - VIDEO

DAGOREPORT - LA DISAVVENTURA CHE VIDE GIANNI AGNELLI E IL PLAYBOY GIGI RIZZI FINIRE PER TRE GIORNI IN UNA GALERA FRANCESE - UNA BOMBASTICA STORIA RACCONTATA DA UN EX DIRIGENTE FIAT CHE, VA AMMESSO, NON È SOSTENUTA DA UN DOCUMENTO O INDISCREZIONI GOSSIP - IL FATTACCIO AVVENNE NEL1969 A CAP FERRAT: LA TRUPPA SBRONZA E SU DI GIRI CAPITANATA DA GIGI RIZZI, RINFORZATA DALLA PRESENZA CHIC DELL’AVVOCATO, MISE SOTTOSOPRA UN NIGHT CLUB. CI VOLLE L'INTERVENTO DELLA POLIZIA PER FRENARE LA BABILONIA DEGLI "ITALIENS” - RIZZI E AGNELLI FURONO BECCATI IN POSSESSO DI DOSI DI COCAINA E FINIRONO IN GATTABUIA...

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE APERTAMENTE URSULA VON DER LEYEN – LA DUCETTA È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DI PERDERE ECR, DALLA REAZIONE DI SALVINI PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI E DALLO ZOCCOLO POST-FASCIO DEL SUO ELETTORATO, DA SEMPRE EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA MILITARE PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…