DIETRO IL REPULISTI DI JOHN ELKANN CI SONO LE TROPPE VICENDE IMBARAZZANTI DELLA GESTIONE DEL CUGINO AGNELLI: SU TUTTE, I RAPPORTI AMBIGUI CON PEZZI DI TIFOSERIA LEGATI ALLA 'NDRANGHETA – "IL MESSAGGERO": A ELKANN NON SONO MAI PIACIUTI GRANCHÉ CERTI METODI GESTIONALI APPLICATI ALLA JUVENTUS DA ANDREA. È STATA UN’EPURAZIONE VOLUTA DALLA PARTE SANA DELLA FAMIGLIA. E UN SEGNALE LANCIATO AI TRIBUNALI: ABBIAMO FATTO PIAZZA PULITA. LA JUVE RISCHIA IL PROCESSO…

-

Condividi questo articolo


Da ilnapolista.it

 

AGNELLI JOHN ELKANN AGNELLI JOHN ELKANN

Il Messaggero con Alessandro Catapano delinea un quadro chiaro di quel che è accaduto e sta accadendo in casa Juventus. È stata un’epurazione, per Elkann troppe sono state le vicende imbarazzanti della gestione del cugino.

 

Vietato sorprendersi, l’epurazione – perché di questo si tratta – era nell’aria da mesi, forse da anni. Invocata da più parti, sicuramente dalla parte sana della Juventus, e forse è troppo azzardato dire – ma chissà – dalla parte sana della famiglia.

 

 

ANDREA AGNELLI E JOHN ELKANN ANDREA AGNELLI E JOHN ELKANN

A John Elkann non sono mai piaciuti granché certi metodi gestionali applicati alla Juventus dal cugino Andrea Agnelli. Si è sempre sussurrato, con certa discrezione torinese, in questo decennio di successi sportivi, ma anche tante, troppe vicende imbarazzanti. Su tutte, i rapporti ambigui con pezzi di tifoseria legati alla ndrangheta e, negli ultimi mesi, mentre i risultati del campo venivano meno e il passivo in bilancio saliva alla cifra monstre di 253 milioni di euro, lo scandalo delle plusvalenze fittizie e degli stipendi “manovrati” che rischia seriamente di portare la Juventus a processo.

 

Non la Juventus che nascerà nei prossimi giorni, ma quella su cui è calato il sipario ieri sera. Conti in rosso, scandali, insuccessi: un mix cui, stavolta, la Juventus di Agnelli non è sopravvissuta. Con l’inquietante prospettiva che la vicenda “stipendi” abbia degli strascichi penali pesanti. La sensazione, pure abbastanza facile da ricavare, è che Elkann abbia rotto gli indugi anche per dare un segnale ai naviganti (e ai tribunali?): abbiamo fatto piazza pulita, ripartiamo con uomini e metodi nuovi. Anche per ripulire l’immagine, sotto questo aspetto avrebbe un senso riportare alla Continassa Alex Del Piero. E per tornare a vincere, forse sarebbe utile riprendere Marotta.

 

L’inchiesta Prisma è alla base di tutto: un’inchiesta che rischia di travolgere il club. E quindi Elkann ha protetto l’azienda cambiando strada.

andrea agnelli con john elkann andrea agnelli con john elkann elkann agnelli foto mezzelani gmt205 elkann agnelli foto mezzelani gmt205 agnelli elkann agnelli elkann john elkann e andrea agnelli 3 john elkann e andrea agnelli 3 john elkann e andrea agnelli 2 john elkann e andrea agnelli 2 john elkann e andrea agnelli 1 john elkann e andrea agnelli 1 elkann agnelli foto mezzelani gmt206 elkann agnelli foto mezzelani gmt206

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

GLI EFFETTI DELLA GUERRA MELONI-RAMPELLI NON PREOCCUPANO FRANCESCO ROCCA, CANDIDATO ALLA PRESIDENZA DELLA REGIONE LAZIO, CHE SI SENTE LA VITTORIA IN TASCA - COME DAGO-RIVELATO RAMPELLI, COMMISSARIATO DA DONNA GIORGIA, PUNTA A “CONTROLLARE” ALMENO 5-6 CONSIGLIERI NEL LAZIO PER AVERE LA GOLDEN SHARE SULLA PROSSIMA AMMINISTRAZIONE DI CENTRODESTRA. IL CANDIDATO GOVERNATORE È PIÙ TRANQUILLO. “FARANNO A GARA A SFIDARSI SULLE PREFERENZE E FARANNO GUADAGNARE VOTI ALLA COALIZIONE” – LA GRANA AUTONOMIA (CHE NON PIACE A ROCCA)…

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO A MISURA DUOMO - PORTALUPPI CHIAMA, MILANO RISPONDE! IN CINQUECENTO SI SONO SCAPICOLLATI PER FESTEGGIARE L’USCITA DEL LIBRO ‘’PIERO PORTALUPPI’’, L’ARCHITETTO CHE HA CAMBIATO CON I SUOI LAVORI LA FACCIA DELLA CAPITALE LOMBARDA - IN CASA DEGLI ATELLANI, IL GIOIELLO RINASCIMENTALE TRASFORMATO UN SECOLO FA DA PORTALUPPI, PIERO MARANGHI, CURATORE DELL’OPERA, HA ACCOLTO GIBERTO ARRIVABENE E BIANCA D’AOSTA, TOMMASO SACCHI E CHIARA BAZOLI, NICOLA PORRO E STEFANO BARTEZZAGHI, VERONICA ETRO E MARCO BALICH, BARNABA FORNASETTI E MICHELA MORO…

viaggi

salute