DIO CE NE SCANZI – NATALIA ASPESI MENA DURO SUI FURBETTI DEL VACCINO E SU "QUEL GIOVANOTTO TUTTO GRILLINO CHE HA PIÙ TRASMISSIONI SULLA RETE DEL MOVIMENTO, PIÙ SU TUTTE LE ALTRE, E NEL FRATTEMPO HA SCRITTO UNA DECINA DI LIBRI, MENTRE UN NORMALE SCRITTORE NE SCRIVE UNO OGNI DUE O TRE ANNI, O SE DAVVERO GENIALE, ANCHE OGNI DIECI. PARLO DI ANDREA SCANZI, GIORNALISTA, E LO NOMINO SOLO PER DIRE CHE…"

Condividi questo articolo


Da “il Venerdì di Repubblica”

 

VACCINI, SOCIAL E TV: I FURBETTI VANNO DI MODA

 

natalia aspesi natalia aspesi

Cronaca della mia vaccinazione tanto attesa. Arrivo nel luogo dell'appuntamento, la coda in strada non solo è immensa ma anche scomposta, tutti che si spingono e si appiccicano sia pure con mascherine. Grido a una specie di sorvegliante immerso nel suo telefonino, sono un medico e sono molto arrabbiato per la vostra distrazione!

 

Il giovanotto si spaventa e subito si dà da fare per tenerci separati. Entro nel padiglione, anche lì coda lunga e i soliti furbetti che con la scusa di dover fare la pipì, saltano la fila: e io grido, sono un giornalista di Repubblica e intendo denunciare la vostra incompetenza!

scanzi scanzi

 

 Subito una serie di infermiere si dà da fare per ripristinare l'ordine. Mi vaccinano, mi dicono di fermarmi dieci minuti in una stanza: dopo trenta sono ancora lì e strepito «Sono un sacerdote e devo dire messa, non posso abbandonare i miei fedeli!» e in un baleno sono fuori!

 

 Un neofurbetto de Roma

 

 

La risposta di Natalia Aspesi

Natalia Aspesi Natalia Aspesi

Non so da cosa ci venga questa voglia irrefrenabile di fregare gli altri, in ogni occasione: un po' credo come fosse un gioco, tanto per divertirsi a spese degli altri, un po' perché abbiamo bisogno di affermarci, di sentirci il più forte, meglio degli altri, l'eroe delle modeste vittorie che la vita ci concede.

 

Guardi per esempio sui social: uno scrive una sua scemenza e subito gli altri gli rispondono a male parole per mostrare quanto il loro pensiero sia meglio: anche quando la penserebbero allo stesso modo. Uno degli orrori dei post mi pare sia proprio questo, il non far ragionare ma solo ingaggiare una battaglia a chi è più bravo.

 

aspesi aspesi

Quanto ai furbi del vaccino, che ce ne sono migliaia ad ogni livello, mi piacerebbe sapere quanti agli inizi erano no vax e adesso corrono a vaccinarsi. Però i furbetti piacciono molto, sono le star del momento, come quel giovanotto tutto grillino che ha più trasmissioni sulla rete del movimento, più su tutte le altre, e nel frattempo ha scritto una decina di libri, mentre un normale scrittore ne scrive uno ogni due o tre anni, o se davvero geniale, anche ogni dieci: parlo di Andrea Scanzi, giornalista, e lo nomino solo per dire che dopo aver pubblicato qui una letterina con mia risposta non adorante, ne ho ricevute una montagna: pochissime che mi davano ragione, tutte le altre mi sgridavano però devo dire, senza insulti, anzi molto deferenti.

andrea scanzi andrea scanzi andrea scanzi andrea scanzi NATALIA ASPESI NATALIA ASPESI andrea scanzi e il vaccino - meme andrea scanzi e il vaccino - meme massimo giletti e il caso del vaccino ad andrea scanzi 2 massimo giletti e il caso del vaccino ad andrea scanzi 2 andrea scanzi andrea scanzi andrea scanzi contro giletti 1 andrea scanzi contro giletti 1

 

Condividi questo articolo

media e tv

“ALLA SINISTRA RIMPROVERO L'IPER-TUTELA DELLA SUA BASE ELETTORALE, OSSIA DEI GARANTITI, E IL CINICO ABBANDONO DEI NON GARANTITI” - LUCA RICOLFI A TUTTO SPIANO: “SIA IL PRIMO SIA IL SECONDO LOCKDOWN POTEVANO ESSERE MOLTO PIÙ BREVI, CON ENORMI BENEFICI PER L'ECONOMIA. IL DDL ZAN? LA LIBERTÀ DI ESPRESSIONE È STATO SEMPRE UN TEMA DI SINISTRA, E LA CENSURA UNA TENTAZIONE DELLA DESTRA CONSERVATRICE E BACCHETTONA. OGGI È IL CONTRARIO, MA È LOGICO: PERCHÉ CI SIA CENSURA, OCCORRE UN ESTABLISHMENT, E OGGI L'ESTABLISHMENT È LA SINISTRA…”

politica

business

LA CONSOB DEL GIORNO DOPO - L’AUTORITÀ CHIEDERÀ CONTO A CAIRO DELLA SCELTA DI NON ACCANTONARE NEMMENO UN EURO AL FONDO RISCHI, IN PREVISIONE DELLA CAUSA DA BLACKSTONE A NEW YORK - SUL FATTO CHE RCS AVESSE IGNORATO IN BILANCIO LA DISPUTA CON GLI AMERICANI E LA RICHIESTA DI RISARCIMENTO DA 600 MILIONI DI DOLLARI C’ERANO MOLTE PERPLESSITÀ, SIN DALL’INIZIO. A URBANETTO POTREBBERO ANCHE CHIEDERE PERCHÉ LO SCORSO ANNO ABBIA CHIESTO E OTTENUTO UNA MANLEVA SU SUE EVENTUALI PERSONALI RESPONSABILITÀ...

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute