IL DIVANO DEI GIUSTI/1 - CHE VEDIAMO STASERA IN STREAMING? IO STO FINENDO “THE ENGLISH”, LA MIGLIORE SERIE WESTERN IN ASSOLUTO DEGLI ULTIMI ANNI. VIOLENTA, SENTIMENTALE E POLITICA QUANTO BASTA - È CURIOSA PERCHÉ È UNA SERIE INGLESE, TARGATA ADDIRITTURA BBC, DOVE SI AFFRONTA IL PROBLEMA PROPRIO DEGLI INGLESI ALLE PRESE CON IL COLONIALISMO E CON LA VIOLENZA CHE QUALSIASI OCCUPAZIONE TERRITORIALE COMPORTA… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

The English The English

Che vediamo stasera? Beh io sto finendo su Paramount+ “The English”, serie in sei episodi scritta e diretta da Hugo Blick con Emily Blunt e Chadka Spencer, prodotta dalla BBC e girata in Almeria, la migliore serie western in assoluto degli ultimi anni. Violenta, sentimentale e politica quanto basta. Guardatevi almeno la prima puntata, che ha Toby Jones e Ciaran Hinds come guest star e resterete colpiti. Ma sono buone anche le altre. Tutte dirette da Hugo Blick, lo stesso che ci aveva dato la stupenda e documentatissima serie inglese sul genocidio Tutsi “Black Earth Rising” con Michaela Coer e John Goodman.

The English The English

 

Ormai il west e il western, sia quello classico che quello spaghetti, sono diventati territori importanti, anche se scivolosi, e modelli fondamentali non solo per grandi avventure picaresche, come di fatto sono quasi tutte le maggiori serie di questi anni, da “The Last of Us” in giù, ma anche per discorsi politici sui rapporti di classe, e per la ricostruzione visiva del vecchio cinema d’arte. Anche il peggior film o la peggiore della serie western si sente in obbligo di provare inquadrature pittoriche o originali, o comunque forti, che rimandino un po’ a Ford un po’ a Leone un po’ a Peckinpah.

emily blunt the english emily blunt the english

 

Al di là della tematica del genocidio indiano, “The English” è curiosa perché è una serie inglese, targata addirittura BBC, ricca di dialoghi sofisticati e di citazione erudite, dove si affronta il problema proprio degli inglesi alle prese con il colonialismo e con la violenza che qualsiasi occupazione territoriale comporta. Il cacciatore di bisonti, che ha affamato e soggiogato gli indiani, risponde alle critiche della protagonista, Lady Cornelia, ricordando la politica della fame con cui gli inglesi hanno trattato gli scozzesi. Le tasse sono come le pallottole, le dice.

emily blunt the english emily blunt the english

 

Lady Cornelia, in viaggio per una vendetta, e il suo adorato indiano che la protegge, Eli Whipps, sono personaggi di un mondo alla fine, alla Larry McMurtry, che si muovono solo per ritrovare se stessi nel viaggio. Esattamente come i due protagonisti di “The Last of Us”, serie che solo apparentemente è meno demodé, in quanto postpandemica e non storica, ma che ha la stessa costruzione narrativa e si muove sui binari della grande letteratura americana.

the english the english

 

Non avevo notato, però, che tra i registi di “The Last of Us”, cosa che rende la serie davvero all’avanguardia nel panorama attuale, ci sono registi di film da festival d’arte, come l’iraniano-svedese Ali Abbasi, autore di “Border” e “Holy Spider”, firma le ultime due puntate, e perfino la Jasmila Zbanic di “Quo vadis, Aida?”, il bellissimo film sul massacro di Srebrenica, che firma la puntata numero sei, quella cioè dedicata alla città sotto assedio. Segni che il mondo della serie sta già digerendo, prima che noi ce ne potessimo accorgere, il mondo del cinema.

the english the english The English The English the english the english the english the english emily blunt the english emily blunt the english emily blunt the english emily blunt the english the english the english The English The English the english the english the english the english

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...