IL DIVANO DEI GIUSTI/1 - CHE VEDIAMO STASERA IN STREAMING? IO STO FINENDO “THE ENGLISH”, LA MIGLIORE SERIE WESTERN IN ASSOLUTO DEGLI ULTIMI ANNI. VIOLENTA, SENTIMENTALE E POLITICA QUANTO BASTA - È CURIOSA PERCHÉ È UNA SERIE INGLESE, TARGATA ADDIRITTURA BBC, DOVE SI AFFRONTA IL PROBLEMA PROPRIO DEGLI INGLESI ALLE PRESE CON IL COLONIALISMO E CON LA VIOLENZA CHE QUALSIASI OCCUPAZIONE TERRITORIALE COMPORTA… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

The English The English

Che vediamo stasera? Beh io sto finendo su Paramount+ “The English”, serie in sei episodi scritta e diretta da Hugo Blick con Emily Blunt e Chadka Spencer, prodotta dalla BBC e girata in Almeria, la migliore serie western in assoluto degli ultimi anni. Violenta, sentimentale e politica quanto basta. Guardatevi almeno la prima puntata, che ha Toby Jones e Ciaran Hinds come guest star e resterete colpiti. Ma sono buone anche le altre. Tutte dirette da Hugo Blick, lo stesso che ci aveva dato la stupenda e documentatissima serie inglese sul genocidio Tutsi “Black Earth Rising” con Michaela Coer e John Goodman.

The English The English

 

Ormai il west e il western, sia quello classico che quello spaghetti, sono diventati territori importanti, anche se scivolosi, e modelli fondamentali non solo per grandi avventure picaresche, come di fatto sono quasi tutte le maggiori serie di questi anni, da “The Last of Us” in giù, ma anche per discorsi politici sui rapporti di classe, e per la ricostruzione visiva del vecchio cinema d’arte. Anche il peggior film o la peggiore della serie western si sente in obbligo di provare inquadrature pittoriche o originali, o comunque forti, che rimandino un po’ a Ford un po’ a Leone un po’ a Peckinpah.

emily blunt the english emily blunt the english

 

Al di là della tematica del genocidio indiano, “The English” è curiosa perché è una serie inglese, targata addirittura BBC, ricca di dialoghi sofisticati e di citazione erudite, dove si affronta il problema proprio degli inglesi alle prese con il colonialismo e con la violenza che qualsiasi occupazione territoriale comporta. Il cacciatore di bisonti, che ha affamato e soggiogato gli indiani, risponde alle critiche della protagonista, Lady Cornelia, ricordando la politica della fame con cui gli inglesi hanno trattato gli scozzesi. Le tasse sono come le pallottole, le dice.

emily blunt the english emily blunt the english

 

Lady Cornelia, in viaggio per una vendetta, e il suo adorato indiano che la protegge, Eli Whipps, sono personaggi di un mondo alla fine, alla Larry McMurtry, che si muovono solo per ritrovare se stessi nel viaggio. Esattamente come i due protagonisti di “The Last of Us”, serie che solo apparentemente è meno demodé, in quanto postpandemica e non storica, ma che ha la stessa costruzione narrativa e si muove sui binari della grande letteratura americana.

the english the english

 

Non avevo notato, però, che tra i registi di “The Last of Us”, cosa che rende la serie davvero all’avanguardia nel panorama attuale, ci sono registi di film da festival d’arte, come l’iraniano-svedese Ali Abbasi, autore di “Border” e “Holy Spider”, firma le ultime due puntate, e perfino la Jasmila Zbanic di “Quo vadis, Aida?”, il bellissimo film sul massacro di Srebrenica, che firma la puntata numero sei, quella cioè dedicata alla città sotto assedio. Segni che il mondo della serie sta già digerendo, prima che noi ce ne potessimo accorgere, il mondo del cinema.

the english the english The English The English the english the english the english the english emily blunt the english emily blunt the english emily blunt the english emily blunt the english the english the english The English The English the english the english the english the english

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

ECCO A COSA SERVE IL GIORNALISMO! L’INCHIESTA SUI CONTI DELLA JUVENTUS È PARTITA DA ALCUNI ARTICOLI SUI QUOTIDIANI CHE SOTTOLINEAVANO LE PLUSVALENZE DA RECORD DA PARTE DEI BIANCONERI (CIRCA 400 MILIONI). ALLORA LA PROCURA DI TORINO, NELLA PRIMAVERA DEL 2021, HA DECISO DI APRIRE UN FASCICOLO “K” – IL 25 MAGGIO DELLO STESSO ANNO I MAGISTRATI HANNO ORDINATO I PRIMI ACCERTAMENTI. E IL 12 LUGLIO 2021 LA CONSOB HA AVVIATO UNA VERIFICA ISPETTIVA SUL CLUB: TRE GIORNI PIÙ TARDI, SONO INIZIATE LE INTERCETTAZIONI DELLA FINANZA…

cafonal

viaggi

salute