IL DIVANO DEI GIUSTI/1 - CHE VEDIAMO STASERA? TANTO LO SO CHE SIETE GIÀ IN FISSA PER “THE LAST OF US” INCREDIBILE E RICCHISSIMA SERIE DI HBO/SKY DELLA QUALE TROVATE ORA SOLO LE PRIME DUE PUNTATE - SOLO AI CINEFILI OLTRANZISTI PROPONGO UNA VISIONE ATTENTA SU MUBI DEL BELLISSIMO E SFORTUNATO FILM “UNDER THE SILVER LAKE”. ANDREW GARFIELD È FAVOLOSO, LA SCENEGGIATURA UN VERO PUZZLE. ASSOLUTAMENTE DA VEDERE… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


pedro pascal bella ramsey the last of us pedro pascal bella ramsey the last of us

Marco Giusti per Dagospia

 

Che vediamo stasera? Tanto lo so che siete già in fissa per “The Last of Us” di Craig Mazin, già sceneggiatore di “Chernobyl” e "Mystic Quest” e Neil Druckmann, sceneggiatori e registi, un episodio a testa, impossibile dire chi dei due sia la mente, probabilmente entrambi, di questa incredibile e ricchissima serie di HBO/Sky della quale trovate ora solo le prime due puntate, che sono già state viste da qualcosa come 18 milioni di persone la prima e 5,7 milioni solo in America la prima sera.

 

pedro pascal bella ramsey the last of us pedro pascal bella ramsey the last of us

Non so quanto debba al videogioco (certe scene vedo che sono proprio identiche), ma so che è la vera grande serie di oggi, di come oggi i ragazzi stiano digerendo la pandemia e la guerra, assieme, fondendole in un unico grande immaginario collettivo fatto di paura e di attrazione. Il terrore per il reale. Un terrore, inoltre, compresso in vent’anni. Quelli dei millennials, dal 2003 a oggi. I personaggi, anche quelli che pensiamo siano protagonisti scompaiono e muoiono esattamente come in “Game of Thrones”. Pedro Pascal è l’eroe negativo che ci deve accompagnare alla fine del gioco in un universo del tutto compromesso.

 

pedro pascal the last of us pedro pascal the last of us

La Boston bombardata da attraversare, compreso l’attraversamento del museo, è pura playstation, ma i personaggi di Bella Ramsey, la ragazzina ferita ma non infetta, e di Anna Torv, la donna forte compagna del protagonista, ci riportano verso una dimensione umana da grande film di guerra o da fantascienza spielberghiana. E le due introduzioni delle puntate che abbiamo visto, sono terrificanti perché così vicine alla nostra realtà.

 

pedro pascal the last of us pedro pascal the last of us

Sia quella con il talk sulla pericolosità dei funghi, sia quella della seconda puntata con la dottoressa di Jakarta esperta di funghi, l’incredibile Christine Hakim, alle prese col primo cadavere di infetto. Sembrano film a parte. Bombardate la città! Poi ti chiedi perché i ragazzi non vanno al cinema o ci vanno solo per Avatar…

under the silver lake 3 under the silver lake 3

Solo ai cinefili oltranzisti propongo una visione attenta su Mubi del bellissimo e sfortunato film scritto e diretto da David Robert Mitchell “Under the Silver Lake” con Andrew Garfield, Riley Keough, Topher Grace, Callie Hernandez. In una Los Angeles strabordante di riferimenti al glorioso passato, con tanto di mamma del protagonista in fissa, come mia madre, per Janet Gaynor e “Settimo cielo” (1926), il Sam di Andrew Garfield rimane incantato da una bellissima vicina, Riley Keough, che gli fa compagnia per una notte e poi scompare misteriosamente la mattina dopo.

 

under the silver lake 2 under the silver lake 2

Inizia a cercarla, come fossimo in un film di David Lynch o in “The Neon Demon” (ils etg è lo stesso), e scopre solo fili che portano a follie legate alla ricostruzione del mitico passato di Hollywood e di Los Angeles. Fumetti e canzoni che conducono a indovinelli complessi. Testi da decifrare, un tunnel sotto la città, una folle macchinazione. E Andrew Garfield sa che sarà buttato fuori dal suo appartamento se non pagherà l’affitto entro quattro giorni. Che diventano presto tre, due, uno. Ma è troppo preso dalla ricerca. Sfilano di fronte a lui ragazze meravigliose, le ragazze lo trovano infatti un film sessista, e diciamo che è vero.

 

under the silver lake 4 under the silver lake 4

 Ma siamo così presi dal meccanismo di rimandi continui e di piccole scoperte che dobbiamo chiudere un occhio (o magari aprirlo). Flop. Floppissimo. Iniziò a Cannes dove il film non venne capito. Ma oggi è diventato un film di culto da riscoprire. Garfield è favoloso, la sceneggiatura un vero puzzle. E Riley Keough che esce dalla piscina ricostruisce tutto quello che venne filmato da George Cukor con Marilyn Monroe per il film che non fece mai. Assolutamente da vedere. Poi la mamma gli manda il vhs di "Settimo cielo"....

pedro pascal the last of us pedro pascal the last of us pedro pascal bella ramsey the last of us pedro pascal bella ramsey the last of us pedro pascal bella ramsey the last of us pedro pascal bella ramsey the last of us pedro pascal the last of us pedro pascal the last of us pedro pascal bella ramsey the last of us pedro pascal bella ramsey the last of us pedro pascal bella ramsey the last of us pedro pascal bella ramsey the last of us pedro pascal the last of us pedro pascal the last of us

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)