IL DIVANO DEI GIUSTI/2 - E IN CHIARO CHE VEDIAMO? DIREI IL PRIMO EPISODIO DI “JOHN WICK”, ANCHE SE IL TITOLO PIÙ STRAVAGANTE IN UNA SERATA MOSCETTA, MI SEMBRA “PARADISE – UNA NUOVA VITA” COMMEDIA NERA ITALIANA CHE INCAPPÒ NELLA PANDEMIA E NON VENNE PRATICAMENTE VISTA DA NESSUNO - OCCHIO ANCHE ALL’OTTIMO THRILLER “THE ACCOUNTANT” - IN SECONDA SERATA PASSA “BRANCALEONE ALLE CROCIATE” E LO STREPITOSO “EL VERDUGO” - CHIUDO COL CAPOLAVORO “ULTIMO TANGO A ZAGAROL"... - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

KEANU REEVES JOHN WICK KEANU REEVES JOHN WICK

E in chiaro che vediamo? Direi il primo episodio di “John Wick”, quello diretto da David Leitch, Chad Stahelski con Keanu Reeves, Adrianne Palicki, Willem Dafoe, Bridget Moynahan, Michael Nyqvist, Italia 1 alle 21, 20. Il titolo più stravagante in una seratina tutto sommato moscetta, mi sembra la commedia nera italiana, che incappò nella pandemia e non venne praticamente vista da nessuno, “Paradise – Una nuova vita” di Davide Del Degan con Vincenzo Nemolato, Giovanni Calcagno, Katarina Cas, Branko Zavrsan, Selene Caramazza, tutti attori giovani e interessanti.

 

paradise una nuova vita. paradise una nuova vita.

La storia vede un testimone di giustizia siciliano, un piccolo venditore di granite, e il terribile killer che lui accusa che si ritrovano al nord, in mezzo alla neve. Ma il venditore di granite non sa che il killer non è lì per ucciderlo. Che altri film abbiamo? La commedia per trentenni “Amore, bugie e calcetto” diretto nel 2008 da Luca Lucini con Claudio Bisio, Claudia Pandolfi, Giuseppe Battiston, Angela Finocchiaro, Filippo Nigro, Cine 34 alle 21, che ricordo riuscito e divertente.

 

ben affleck the accountant ben affleck the accountant

Il solo film di aviatori diretto e interpretato da Clint Eastwood, “Firefox” con Freddie Jones, David Huffman, Warren Clarke, Ronald Lacey. Occhio all’ottimo thriller “The Accountant”, diretto da Gavin O'Connor con Ben Affleck, Anna Kendrick, J.K. Simmons, Cynthia Addai-Robinson, Jon Bernthal, Canale 20 alle 21, 05, dove un genio matematico, che tiene la contabilità delle più potenti mafie del mondo, si ritrova al centro di qualche problemino con la giustizia e cerca di salvarsi la pelle in un complesso intrigo tra criminali e giustizia.

 

silverado 2 silverado 2

 Rai Movie alle 21, 10 propone il bellissimo western, molto classico, di Lawrence Kasdan “Silverado” con Kevin Costner, Kevin Kline, Scott Glenn, Danny Glover, Marvin J. McIntyre, Jeff Goldblum, Rosanna Arquette, Linda Hunt, Joe Seneca. Il meraviglioso set, che verrà riutilizzato per decine di western successivi, venne costruito a 25 miglia da Santa Fe, in New Mexico. Strepitoso John Cleese come sceriffo. Fu qui che si legò a Kevin Kline e lo con vinse a interpretare “Un pesce di nome Wanda”. Leggo che la maggior parte delle scene di Rosanna Arquette sono taglie tagliate al montaggio. Peccato. Kevin Costner e Scott Glenn non erano la prima scelta, la prima scelta era Gene Hackman e Robert De Niro.

dave. presidente per un giorno dave. presidente per un giorno

 Su Canale 27 alle 21, 10 trovate un altro film con Kevin Kline dello stesso periodo, “Dave. Presidente per un giorno” di Ivan Reitman con Kevin Kline, Sigourney Weaver, Frank Langella, Ben Kingsley, Laura Linney, dove un oscuro americano, grazie alla sua straordinaria somiglianza col Presidente degli Stati Uniti, viene fatto passare per lui, che è in coma. Erano pazzi del film sia Bill Clinton che Barack Obama. Obama scrisse a Kline: “Adoro guardare questo film quando sono depresso perché qui il lavoro di Presidente sembra così divertente e facile”.

brancaleone alle crociate brancaleone alle crociate

 

Sembra interessante, anche se non ha buone critiche, “Welcome to the Rileys”, dramma diretto da Jake Scott con Kristen Stewart, James Gandolfini, Melissa Leo, David Jensen, Lance E. Nichols, Cielo alle 21, 15, dove una coppia, in crisi per la perdita della figlia, cerca rimedi per la sofferenza e si fa largo, fra di loro, una ragazza che lavora da spogliarellista, cioè Kristen Stewart.

 

raquel welch el verdugo 3 raquel welch el verdugo 3

Passiamo alla seconda serata con “Brancaleone alle crociate”, sequel meno riuscito, almeno così ci pareva allora, del capolavoro di Mario Monicelli, che qui è ancora regista. Confesso che era un film che abbiamo atteso a lungo da ragazzini e quando arrivò, nel 1970, ci sembrò un po’ troppo tardi. Il Brancaleone di Gassman e il suo malo-cavallo se la vedono con i nuovi comici della tv, Paolo Villaggio, Lino Toffolo, Gigi Proietti in vari ruoli. Stefania Sandrelli prende il posto di Catherine Spaak, ma non c’è nessun Volonté con erre moscia qui. E poi tutte queste inutili scene con la morte secca. Aiuto!

 

potere assoluto potere assoluto

Passa pure l’ottimo, ma visto e rivisto, “Potere assoluto”, grande crime di e con Clint Eastwood e un favoloso Gene Hackman cattivo, ma anche con Clint Eastwood, Laura Linney, Scott Glenn, E.G. Marshall, Ed Harris, Iris alle 23, 30 Su Rai Movie alle 23, 30 passa lo strepitoso western americano girato in Spagna “El Verdugo”, noto anche come “100 Rifles” di Tom Gries con Burt Reynolds, Raquel Welch, Jim Brown, Fernando Lamas, Soledad Miranda, ma dove domina la bellezza esplosiva di Raquel Welch e le sue scopatone con Jim Brown, allora campione di rugby americano.

la verita' e' che non gli piaci abbastanza 1 la verita' e' che non gli piaci abbastanza 1

Ricordo perfettamente che il mondo rimase di sasso sia vedendo Raquel Welch che ferma un treno di soldati messicani facendosi una doccia sui binari mezza nuda, sia vedendola tra le braccia di Jim Brown. Allora le scopate tra bianchi e neri in America non erano cose di tutti i giorni, anzi…Rai Movie all’1, 30 passa la commedia “La verità è che non gli piaci abbastanza” di Ken Kwapis con Ginnifer Goodwin, Jennifer Aniston, Jennifer Connelly, Scarlett Johansson. Aprite bene gli occhi perché su 7Gold all’1, 30 trovate il rarissimo action presentato da Quentin Tarantino e prodotto dalla MIramax “Il mio nome è Modesty” di Scott Spiegel con Alexandra Staden, Nikolaj Coster-Waldau, Raymond Cruz, Fred Pearson.

 

il mio nome e' modesty il mio nome e' modesty

 Per anni alla Miramax si era tentato di dar vita a una serie di film che vedessero l’eroina dei fumetti anni’60 di Peter O’Donnell, già portata al cinema con un clamoroso insuccesso da Joseph Losey con Monica Vitti come Modesty Blaise, e Dirk Bogarde e Terence Stamp al suo fianco. Si era pensato a farla interpretare da star del livello di Uma Thurman, Mira Sorvino, Catherina Zeta-Jones. Poi si era arrivati a questo pilot, girato ormai vent’anni fa, che doveva esser interpretato dalla sconosciuta attrice inglese Alexandra Staden e girato dal regista di piccoli horror d’autore Ted Nicolau.

 

manuela arcuri teste di cocco 3 manuela arcuri teste di cocco 3

Ma Harvey Weinstein, da padrone del vapore, lo caccia e mette al suo posto il poro Scott Spiegel. Il film, probabilmente, malgrado la presenza di Peter O’Donnell come consulente, non funziona, e per questo è rimasto in naftalina per un po’. Viene salvato con la scritta Quentin Tarantino Presents, ma nessuno l’ha visto. Alexandra Staden non è diventata una star. Quanto alla serie di altri film con Modesty Blaise, vabbé… Su Cine 34 all’1, 35 avete il cult movie di Walter Veltroni (è proprio una categoria a parte) “Teste di cocco” di Ugo Fabrizio Giordani con Alessandro Gassman, Gianmarco Tognazzi, Manuela Arcuri, Marco Messeri, Philippe Leroy. Va ricuperato, su.

 

nicole kidman ritratto di signora nicole kidman ritratto di signora

Iris alle 2 se ne esce con il complesso, ma forse non riuscitissimo “Ritratto di signora” di Jane Campion, tratto da Henry James, interpretato da Nicole Kidman, John Malkovich, Barbara Hershey, Mary-Louise Parker e Valentina Cervi. Non mi piacque del tutto neanche quando lo vidi a Venezia. Ma anche rivisto c’è qualcosa che non torna. Forse la Kidman, bravissima, è troppo fredda per il ruolo. Su Rete 4 alle 2, 05 passa invece un raro film diretto da Luca Verdone, fratello di Carlo, il mèLo con complicazioni sentimentali “La bocca” con Tahnee Welch, la figlia di Raquel, Rodney Harvey, Claudine Auger, Alida Valli, Monica Scattini. Da recuperare. Allora non fu un successo.

 

quel ficcanaso dell’ispettore lawrence. quel ficcanaso dell’ispettore lawrence.

Su Rai Movie alle 3, 35 mi vedrei di corsa il raro “Quel ficcanaso dell’ispettore Lawrence”, giallo all’italiana diretto in Portogallo dallo spagnolo Juan Bosch con Anthony Steffen, Antonio Pica, Maria Kosti, Raf Baldassarre, Eduardo Fajardo. Mai visto. Iris alle 4, 25 propone “La venticinquesima ora” di Henri Verneuil con Anthony Quinn, Virna Lisi, Michael Redgrave, Serge Reggiani, Gregoire Aslan, polpettone di tre ore e un quarto, quando uscì, ma qui vedo che sono solo due ore, che raccontano le peripezie di un contadino rumeno prima scambiato per ebreo dai tedeschi, poi fatto SS. Quinn esagera.

ultimo tango a zagarol ultimo tango a zagarol

 Chiudo col capolavoro comico di Nando Cicero e Franco Franchi “Ultimo tango a Zagarol”, Cine 34 alle 4, 35. Per Nando Cicero, intervistato in tv da Sergio Grmek Germani: «è un film divertente. L’idea non fu mia, ma di un produttore [Galliano Juso]. Io non ho mai fatto parodie, non volevo farne. Fu lui a portarmi a vedere Ultimo tango a Parigi e io, all’uscita, dissi: ‘Sì, qui bisogna proprio farla, la parodia. Parlai anche con amici, poi con Bernardo Bertolucci…». E Bertolucci: «Mi rifiutai di vederlo e non voglio vederlo. Perché è un mito e non deve essere infranto. E poi perché non voglio scoprire che Ultimo tango a Zagarol è meglio di Ultimo tango a Parigi».

 

ultimo tango a zagarol ultimo tango a zagarol

Franco Franchi diceva che Bertolucci gli voleva fare causa e che il film venne salvato dalla mediazione addirittura di Carmelo Bene, grande fan di Franco e Ciccio. Franco, sulle pagine del Messaggero, dichiara di aver ricevuto una telefonata da Bene, in cui il maestro gli faceva i complimenti per il film. «Mi ha detto che l’altro, il tango a Parigi, al confronto, era una parodia del mio», (14 ottobre 1973). I critici allora non lo apprezzarono, Goffredo Fofi a parte.

ultimo tango a zagarol 1 ultimo tango a zagarol 1 franco franchi ultimo tango a zagarol franco franchi ultimo tango a zagarol

 

 Così Alberto Moravia su L’Espresso: «Franchi sfonda la tela con la corposa evidenza. Simile, con le sue lamentose e turpi smorfie e la sua rigidezza legnosa, ai totem fallici che stanno piantati agli ingressi dei villaggi polinesiani, Franchi ha una sua realtà di specie fescennina che al tempo stesso urta con la sua sfrenata volgarità e libra quasi al sollievo.» Minchia!

 

martine beswick ultimo tango a zagarol martine beswick ultimo tango a zagarol ultimo tango a zagarol ultimo tango a zagarol ultimo tango a zagarol 1 ultimo tango a zagarol 1 ultimo tango a zagarol ultimo tango a zagarol KEANU REEVES JOHN WICK KEANU REEVES JOHN WICK ultimo tango a zagarol ultimo tango a zagarol manuela arcuri teste di cocco 2 manuela arcuri teste di cocco 2 teste di cocco teste di cocco manuela arcuri teste di cocco manuela arcuri teste di cocco teste di cocco teste di cocco paradise una nuova vita. paradise una nuova vita. the accountant 1 the accountant 1 ncole kidman ritratto di signora ncole kidman ritratto di signora paradise una nuova vita. paradise una nuova vita. brancaleone alle crociate 2 brancaleone alle crociate 2 brancaleone alle crociate 1 brancaleone alle crociate 1 la verita' e' che non gli piaci abbastanza la verita' e' che non gli piaci abbastanza la verita' e' che non gli piaci abbastanza 3 la verita' e' che non gli piaci abbastanza 3 la verita' e' che non gli piaci abbastanza 2 la verita' e' che non gli piaci abbastanza 2 brancaleone alle crociate brancaleone alle crociate raquel welch e jim brown el verdugo raquel welch e jim brown el verdugo raquel welch e jim brown el verdugo raquel welch e jim brown el verdugo raquel welch el verdugo raquel welch el verdugo raquel welch el verdugo raquel welch el verdugo raquel welch el verdugo 2 raquel welch el verdugo 2 raquel welch el verdugo raquel welch el verdugo raquel welch el verdugo 1 raquel welch el verdugo 1 firefox, volpe di fuoco 2 firefox, volpe di fuoco 2 ben affleck the accountant ben affleck the accountant ben affleck the accountant ben affleck the accountant ben affleck the accountant ben affleck the accountant silverado silverado silverado 1 silverado 1 silverado silverado firefox volpe di fuoco 3 firefox volpe di fuoco 3 firefox, volpe di fuoco 1 firefox, volpe di fuoco 1 firefox, volpe di fuoco 3 firefox, volpe di fuoco 3 firefox, volpe di fuoco 4 firefox, volpe di fuoco 4 firefox, volpe di fuoco 5 firefox, volpe di fuoco 5 amore, bugie e calcetto 1 amore, bugie e calcetto 1 amore, bugie e calcetto 2 amore, bugie e calcetto 2 amore, bugie e calcetto 4 amore, bugie e calcetto 4 paradise una nuova vita. paradise una nuova vita. amore, bugie e calcetto 3 amore, bugie e calcetto 3 KEANU REEVES JOHN WICK KEANU REEVES JOHN WICK

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI  GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO