GIANNI & CAGOTTO – SUL PALCO DI SANREMO GIANNI MORANDI RACCONTA QUELLA VOLTA CHE IN UN CONCERTO IN CALABRIA NEL 1983 SE LA FECE ADDOSSO - "AVEVO ESAGERATO CON PESCE E VINO. A UN CERTO MOMENTO HO MANDATO AVANTI L’ORCHESTRA, SONO SPARITO DAL PALCO E BROOOM. ERO VESTITO TUTTO DI BIANCO. IL PROBLEMA E' STATO RIENTRARE SUL PALCO CON QUEL COLORE TERRIBILE..." - ECCO COME E’ FINITA – VIDEO

-

Condividi questo articolo


GIANNI MORANDI sanremo GIANNI MORANDI sanremo

I migliori Gianni della nostra vita. Sul palco di Sanremo, a tarda notte, Gianni Morandi, intervistato da Francesca Fagnani, racconta quella volta che in un concerto in Calabria nel 1983 se la fece letteralmente addosso.  

 

Lui, di solito, non mangia mai prima dei concerti. Ma quella volta a Falerna, in provincia di Catanzaro, fece uno strappo alla regola e esagerò con pesce e vino. Durante il concerto, mentre cantava “Fatti mandare dalla mamma”, iniziò a sentirsi male. “Ero sul palco, in un campo sportivo, vicino al mare. E c’era una recinzione, non ce la facevo più. Un dolore, ma un dolore... Ero tutto vestito di bianco, con una camicetta azzurra. A un certo momento ho mandato avanti l’orchestra, sono sparito dal palco, ho saltato la rete e son caduto di là. Ma mentre saltavo la rete… broooom! Me la sono fatta addosso. Il problema è stato rientrare sul palco con quel colore terribile. Mi sono fatto prestare i pantaloni dal batterista che ha suonato per tutto il tempo in mutande”.

 

GIANNI MORANDI FRANCESCA FAGNANI AMADEUS GIANNI MORANDI FRANCESCA FAGNANI AMADEUS

 

 

 

GIANNI MORANDI meme GIANNI MORANDI meme

 

GIANNI MORANDI GIANNI MORANDI

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

IL GOVERNO HA SETTE GIORNI PER NON PERDERE 19 MILIARDI DEL PNRR – PER INCASSARE LA TERZA RATA DEL RECOVERY, ENTRO FINE MESE L'ITALIA DEVE RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI RICHIESTI SUGLI INVESTIMENTI. SU 221 MILIARDI MESSI SUL TAVOLO DA BRUXELLES, OGGI È STATO SPESO SOLO IL 27,9% DEL TOTALE: BISOGNA ARRIVARE ALMENO AL 39% (ALL'APPELLO MANCANO DUNQUE 25,7 MILIARDI) – STENTANO I PROGETTI SU INFRASTRUTTURE, TRANSIZIONE ECOLOGICA E SCUOLA. MENTRE SONO STATI RAGGIUNTI GLI OBIETTIVI SULLE RIFORME...

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

UN’ORA PUÒ VALERE LA VITA! - MELANIA RIZZOLI: “CHI È COLPITO DA INFARTO, ICTUS, TRAUMI, EMORRAGIE E SEPSI, SE ARRIVA ALLA OSSERVAZIONE MEDICA SPECIALISTICA ENTRO I SESSANTA MINUTI DALL’INSORGERE DELLA SINTOMATOLOGIA, HA UN’ALTA PROBABILITÀ DI SOPRAVVIVERE E DI VEDER RISOLTA LA PATOLOGIA IN ATTO IN MODO PIÙ CHE SODDISFACENTE - I CASI CLINICI TEMPO DIPENDENTI HANNO LA POSSIBILITÀ 4 VOLTE PIÙ ALTA RISPETTO ALLE STIME UFFICIALI DI VEDER STRONCATA OD ARRESTATA LA PATOLOGIA.."