GIORGIA, DECIDITI! LA MELONI PRIMA DICE CHE NON LE COMPETE OCCUPARSI DELLA VENDITA DELL’AGENZIA DI STAMPA AGI AL DEPUTATO LEGHISTA ANTONIO ANGELUCCI, MA POI TRA LE RIGHE INVITA L'ENI A LIBERARSENE: “MI CHIEDO SE SIA NORMALE CHE UNA PARTECIPATA ABBIA UN'AGENZIA, QUESTA POTREBBE ESSERE UNA LIMITAZIONE DELLA LIBERTÀ DI STAMPA”  - “TEMO CHE L’ITALIA SIA DIVENTATA PATRIA DELLE FAKE NEWS” (VISTO CHE GRAN PARTE DEI MEDIA È FILO-GOVERNATIVA, SI DOVREBBE FARE QUALCHE DOMANDA…)

-

Condividi questo articolo


GIORGIA MELONI A BRUXELLES GIORGIA MELONI A BRUXELLES

(ANSA) -  "Quella dell'Agi è una vicenda su cui ho letto tante di quelle falsità che temevo che ormai l'Italia sia diventata la patria delle fake news. Non so nulla di cosa sta facendo l'Eni con Agi: non mi interessa la materia.

 

Le partecipate devono fare la loro parte nell'interesse nazionale. Io non me ne occupo, non mi compete e non mi deve competere. Semmai mi chiedo se sia normale che una partecipata abbia un'agenzia, questa potrebbe essere una limitazione della libertà di stampa".

 

giampaolo e antonio angelucci giampaolo e antonio angelucci

Lo ha detto la premier Giorgia Meloni parlando a Bruxelles sul caso della possibile vendita dell'Agi al gruppo Angelucci. "Nelle ultime settimane ho letto tante di quelle falsità che comincio a temere che l'Italia possa diventare la patria delle fake news, e una di queste è che io avrei dato l'input a una iniziativa di questo tipo. Le comunico ufficialmente che non so se chi ispira queste letture fosse abituato a usare le partecipate dello Stato per risolvere problemi privati dei propri amici o per stiparci i parenti. È possibile che sia stato così, ma non è la mia lettura", spiega ancora il capo del governo.

AGI - AGENZIA GIORNALISTICA ITALIA AGI - AGENZIA GIORNALISTICA ITALIA AGI - AGENZIA GIORNALISTICA ITALIA 2 AGI - AGENZIA GIORNALISTICA ITALIA 2

GIORGIA MELONI A BRUXELLES GIORGIA MELONI A BRUXELLES

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI