IO SONO LA MIA FICTION - L'AMORE CON CARLA BRUNI SOFFIATA AL PADRE, LA MOGLIE TRADITA, IL PATRIGNO MANESCO, L'INFANZIA INFELICE NEL BEL MONDO LETTERARIO PARIGINO: ESCE IL ROMANZO DI RAPHAEL ENTHOVEN, FILOSOFO 44ENNE E PADRE DEL FIGLIO DI CARLÀ. MA ASSICURA CHE ''NON È UN REGOLAMENTO DI CONTI''. IL CHE VUOL DIRE CHE HA CAMBIATO I NOMI MA I PROTAGONISTI DELLA DINASTY CHIC SONO TUTTI LÌ, DA BERNARD-HENRY LÉVY IN GIÙ…

-

Condividi questo articolo


 

Elisabetta Rosaspina per il ''Corriere della Sera''

raphael enthoven justine levy raphael enthoven justine levy

 

«Non è un regolamento di conti», assicura il filosofo quarantaquattrenne Raphaël Enthoven a proposito del suo prossimo romanzo, Le temps gagné , il tempo guadagnato, in uscita fra cinque giorni in Francia e già golosamente atteso dai divoratori di pettegolezzi.

 

Non sarà una vendetta, ma non manca nessuno nella galleria di personaggi che, sotto identità appena camuffate, celano i protagonisti della vita reale del filosofo e conduttore televisivo di successo: il padre editore e scrittore, Jean-Paul, la madre giornalista e critica d' arte, Catherine David, un patrigno manesco, lo psicoanalista Isi Beller, i colleghi Michel Onfray e Luc Ferry; e poi, naturalmente, le donne.

 

carla bruni raphael enthoven carla bruni raphael enthoven

Justine Lévy, ribattezzata «Faustine», l' ex moglie, nonché la figlia di Bernard-Henri Lévy («Elie», nella finzione), abbandonata per la modella e cantante italiana Carla Bruni, ex compagna del padre di Raphaël e madre di suo figlio Aurélien, concepito durante i sette anni di convivenza e oggi diciannovenne.

 

Partendo da un' infanzia poco felice nel bel mondo del jet set letterario, Enthoven indulge nell' autobiografia e nell' autoanalisi, consapevole che, almeno sui fatti, non ci sia molto da romanzare: la sua è una vita di per sé fuori dal comune, e non solamente per le sue frequentazioni.

 

Chi ha letto Le temps gagné in anteprima vi ha ravvisato anche una risposta, con 16 anni di ritardo, al libro di Justine Lévy che, nel 2004, ha raccontato in Rien de grave ( «Niente di grave» ) come Carla Bruni le aveva soffiato il marito qualche anno prima, gettandola in una profonda depressione.

jean paul e raphael enthoven jean paul e raphael enthoven

 

L' ultima cosa che desidera Enthoven, stando alle interviste concesse in questi giorni, è ridurre però le sue 520 pagine di «autofiction» a un velenoso piatto freddo, da servire alla turbolenta famiglia allargata per chiudere qualche vecchia pendenza. Non vuole «liquidare il passato», insiste, ma recuperarne «i gesti e le sensazioni», come quel consiglio paterno: «Prendi tempo. Sii perentorio, snob o dogmatico... Ma guadagna tempo». Il proposito di Raphaël è di ricostruire momenti e atmosfere degli anni Settanta e Ottanta sulla Rive Gauche , la sponda intellettuale di Parigi. E anche di «riprendersi l' infanzia rubata», come ha spiegato al settimanale «L' Express».

bernard henry levy e la figlia justine bernard henry levy e la figlia justine

 

Qui sotto il falso nome di Beatrice e nell' improbabile ruolo di un' ex campionessa di tennis, Carla Bruni è diventata quest' estate una musa per due autori.

 

sarkozy aurelien einthoven carla bruni sarkozy aurelien einthoven carla bruni

Ispiratrice e co-protagonista di due fra i libri del momento: le memorie dell' attuale marito, l' ex presidente Nicolas Sarkozy, Le temps des tempêtes (« Il tempo delle tempeste» ), apparse il 23 luglio e da tre settimane in testa alle classifiche, e il romanzo di Enthoven, curiosamente pubblicato dallo stesso editore, L' Observatoire . Entrambi compongono di lei un ritratto lusinghiero: moglie devota e perfetta première dame all' Eliseo per Sarkozy; «anima gemella» e «donna immutabile e sublime», per Enthoven.

 

Altri personaggi, per quanto trasfigurati, si riconosceranno invece malvolentieri nella trama di Le temps gagné . E c' è chi prevede già il seguito. In tribunale.

carla bruni raphael enthoven carla bruni raphael enthoven jean paul e raphael enthoven jean paul e raphael enthoven jean paul enthoven justine levy alain delon bernard henry levy jean paul enthoven justine levy alain delon bernard henry levy raphael enthoven justine levy raphael enthoven justine levy carla bruni raphael enthoven carla bruni raphael enthoven aurelien einthoven aurelien einthoven

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO AD RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE IL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – DOPO IL NO DI CORSINI, SERENA BORTONE AVEVA CONTATTATO (SENZA RICEVERE RISPOSTA) GIAMPAOLO ROSSI, CHE PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA (MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO SICURA DI AVERE SALVINI IN GINOCCHIO…)

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO