IL LATO OSCURO DI MADAME CLAUDE – DIMENTICATE L’ESALTAZIONE DELL’EROTISMO E I RACCONTI DIVERTITI SUGLI APPETITI SESSUALI DELLE CELEBRITÀ CHE AVREBBERO FATTO RICORSO ALLE SUE “ESCORT” (DALLO SCIÀ DI PERSIA A GIANNI AGNELLI, DA GHEDDAFI A JFK CHE LE ORDINÒ UNA SOSIA DI JACKIE IN VERSIONE DISINIBITA): SU NETFLIX IL FILM SULLA MAITRESSE FRANCESE DELLA REGISTA SYLVIE VERHEYDE RACCONTA DI RAGAZZE RIEMPITE DI BOTTE DAI CLIENTI, DI PROSTITUTE DA PUNIRE SPEDITE DA UOMINI CON VOGLIE ESTREME E… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Stefano Montefiori per il “Corriere della Sera”

 

madame claude 18 madame claude 18

Il primo film su Madame Claude è uscito nel 1977, girato da Just Jaeckin - il regista di Emmanuelle - con Françoise Fabian nella parte della prostituta e protettrice più famosa di Francia, e con la musica del grande Serge Gainsbourg a esaltare una vita che, raccontata così, sembrava dedicata all'erotismo, alla liberazione della donna, «a togliere ciò che di brutto e volgare potrebbe esserci nella professione», come diceva la stessa Madame Claude.

madame claude copia madame claude copia

 

I tempi sono molto cambiati, e il film della regista Sylvie Verheyde da oggi su Netflix lo dimostra. Di Madame Claude si sa già molto, soprattutto il lato affascinante, glamour e quindi paradossalmente presentabile per l'alta borghesia: nata Fernande Grudet a Angers nel 1923 e morta nel 2015 a Nizza, di origini modeste (suo padre teneva un carretto di panini davanti alla stazione), era convinta che per riuscire nella vita una donna dovesse padroneggiare due arti: la cucina e il sesso, «e io non so cucinare».

 

La sua intuizione fu di reinventarsi totalmente - spacciandosi per un'aristocratica scampata al lager nazista di Ravensbrück - e di fare della prostituzione un'arma di ascesa sociale, per le oltre 500 ragazze che a partire dagli anni Sessanta accettarono di lavorare con lei, e soprattutto per se stessa.

 

madame claude 5 madame claude 5

Con la sua camicetta e il filo di perle Madame Claude si fece intervistare dalla tv francese e risultò quasi convincente nel tentativo di spiegare che le ragazze con lei imparavano gli usi e i modi dell'alta società, come ci si veste e come si conversa, e frequentavano uomini ricchissimi pronti a regalare soldi, gioielli, auto di lusso.

 

In fondo, fu Madame Claude a inventare e a rendere popolare il grande eufemismo: «Escort, non prostitute». Da tempo Madame Claude e le sue ragazze sono associate a racconti divertiti sulle celebrità che avrebbero fatto ricorso al loro savoir faire , sempre i soliti nomi: lo scià di Persia, Gianni Agnelli, Gheddafi, e il presidente John Kennedy che nel 1961, nei giorni dell'incontro con De Gaulle a Parigi, le ordinò una sosia della moglie Jackie ma in versione disinibita.

madame claude 4 madame claude 4

 

Madame Claude fu brava ad assecondare un mondo in ascesa, quella Francia ottimista e ricca che attraversava l'oceano in Concorde e scopriva l'erotismo consapevole e rivendicato.

 

Qualche volta fu arrestata e pure condannata, il fisco pretendeva milioni, ma le andò tutto sommato sempre bene: conosceva molti segreti, i potenti erano sensibili ai suoi ricatti, e gli altri chiudevano un occhio anche per paura di sembrare retrogradi e piccolo-borghesi. Madame Claude e le sue ragazze sono state un prodotto aspirazionale, come si direbbe nel marketing.

 

madame claude 6 madame claude 6

Il nuovo film rompe questo racconto e mostra il lato oscuro di Madame Claude. Si vede per esempio una ragazza varcare il cancello di una villa, in attesa di prestarsi alle fantasie del cliente, come al solito.

 

Solo che stavolta tre uomini la inseguono e la riempiono di botte, sempre più forti, fino a lasciarla sanguinante e tramortita. Madame Claude non rifiutava alcuna specialità, e se le voglie di un cliente prevedevano violenze estreme, lei inviava una ragazza da punire, magari quella che aveva osato contraddirla o ribellarsi a versare la commissione (il 30% di guadagni e regali andavano alla patronne ).

 

madame claude 14 madame claude 14

«Le cose erano tutt' altro che meravigliose nell'universo di Madame Claude», dice Verheyde. «Credere che una prostituta facesse volentieri un lavoro simile è ipocrita quanto immaginare una domestica appassionarsi alle pulizie».

 

Siamo molto lontani dalla Deneuve bella di giorno per Luis Buñuel, e anche dalla visione di molte femministe, per esempio Élisabeth Badinter, che non obiettano all'uso del corpo delle lavoratrici del sesso, a condizione che non siano sfruttate dal racket. La protettrice descritta da Sylvie Verheyde lo era, il racket, e il film mostra la violenza e lo squallore rimasti nel mestiere versione Madame Claude.

madame claude 1 madame claude 1 john f kennedy e jackie john f kennedy e jackie madame claude 1 madame claude 1 madame claude 2 madame claude 2 madame claude 5 madame claude 5 kennedy kennedy jfk e jackie jfk e jackie madame claude madame claude fernanda grudet madame claude fernanda grudet madame claude madame claude ha gestito oltre 500 prostitute nei suo bordelli madame claude ha gestito oltre 500 prostitute nei suo bordelli fernanda grudet madame claude fernanda grudet madame claude madame claude nel 1985 madame claude nel 1985 fernanda grudet madame claude fernanda grudet madame claude fernanda grudet madame claude fernanda grudet madame claude muammar gheddafi muammar gheddafi

madame claude 9 madame claude 9 madame claude 13 madame claude 13 madame claude 1 madame claude 1 madame claude 7 madame claude 7 madame claude 4 madame claude 4 madame claude 3 madame claude 3 madame claude 2 madame claude 2 madame claude 12 madame claude 12 madame claude 11 madame claude 11 madame claude 10 madame claude 10

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?

FLASH – PARE CHE L’INSISTENZA DI GIORGIA MELONI NON SIA SERVITA A MOLTO: LA PREMIER ITALIANA NON AVREBBE OTTENUTO LA VICEPRESIDENZA ESECUTIVA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, CHE TANTO BRAMAVA PER IL “SUO” RAFFAELE FITTO. LA DUCETTA DEVE FARE I CONTI CON LA SPACCATURA, AMPIAMENTE PREVISTA, DI ECR: LA “MAGGIORANZA” DEI CONSERVATORI VOTERÀ CONTRO URSULA VON DER LEYEN, CHE SI È PARATA LE CHIAPPE ACCORDANDOSI CON I VERDI. E FRATELLI D’ITALIA? SARANNO COMPATTI, MA SU COSA CE LO DIRANNO SOLO DOPO...