“ADESSO IN RAI SE NE PUÒ FAR DARE UNO DI PROGRAMMA" – A "PIAZZAPULITA" FORMIGLI ZITTISCE ITALO BOCCHINO CHE REPLICA: "NON HO BISOGNO DI ANDARE IN RAI, CHE MI INVITI A FARE? COSI’ NON SI CONDUCE"  - IL CONDUTTORE FURIOSO COL DIRETTORE DEL "SECOLO D'ITALIA": “NON VOGLIO CAGNARA SULLE INCHIESTE SUI MIGRANTI” – L’USCITA AD MINCHIAM DI BOCCHINO: “QUANDO C'È UNO PSICOPATICO CHE VUOLE VIOLENTARE SUA FIGLIA O SUA SORELLA COME SI GARANTISCE L'ORDINE PUBBLICO?". E IN STUDIO URLANO: "MA COSA C'ENTRA?" - VIDEO

Condividi questo articolo


 

Da liberoquotidiano.it

 

corrado formigli italo bocchino corrado formigli italo bocchino

Alta tensione a PiazzaPulita, dove Italo Bocchino contesta Corrado Formigli. Ospite della puntata di giovedì 25 maggio su La7, il giornalista critica la conduzione del collega. Tutto ha inizio quando Formigli trasmette l’inchiesta sulle condizioni di vita dei migranti all’interno dei Centri di Permanenza e di Rimpatrio. "Il Cpr per come sono oggi ce li ha lasciati il tuo partito - spiega Bocchino rivolgendosi a Paolo Romano, esponente del Pd -. L'ultimo aggiustamento...".

 

 

corrado formigli corrado formigli

Ma il direttore del Secolo d’Italia non fa in tempo a finire che il conduttore lo interrompe: "Ma chi se ne frega? Parliamo di quello che abbiamo visto". Un'uscita che non piace all'ospite. "Ma perché mi interrompi sempre quando parlo?" chiede a quel punto Bocchino che rincara la dose: "Che mi inviti a fare? Io ho il diritto di dire quello che penso politicamente Così non ci sto, me ne vado".

 

Finita qui? Niente affatto. La discussione prosegue quando il conduttore stoppa bruscamente il dibattito, lamentando sei minuti di ‘sforo’: "Abbassate i microfoni". Atteggiamento che scatena la reazione di Bocchino, a cui però Formigli ribatte: "Credo che adesso in Rai se ne può far dare uno di programma". "Non ho bisogno di andare in Rai", lo zittisce Bocchino prima della pubblicità.

 

 

 

italo bocchino italo bocchino

(…)Il direttore editoriale del Secolo d'Italia, sorrideva mentre Leonardo Mendolicchio, psicologo e psicoterapeuta, commentava il reportage su come vivono i migranti nei CPR tra psicofarmaci, violenze, umiliazioni privati di ogni dignità umana pur non avendo commesso alcun reato.

 

 

 

 

"Da cittadino di questo Paese che dovrebbe fregiarsi di avere un etica e una cultura che fonda sulla piétas umana uno dei suoi capisaldi culturali vedere queste immagini mi fa rabbrividire. Io mi vergogno di essere italiano perché non è possibile che in un Paese civile si possa perpetrare questa barbarie", ha tuonato Mendolicchio che poi è passato a commentare i calci e le manganellate delle forze dell'ordine sia a Livorno che a Milano.

corrado formigli corrado formigli

 

"Sono preoccupato che ci sia gente che cerca di annacquare quello che abbiamo visto volendo analizzare immagini che non ci sono: nessun reato pericoloso socialmente può giustificare quel tipo di violenza", puntualizza lo psicologo. "La narrazione che l'ordine pubblico in Italia si può garantire con quel tipo di metodo è pericolosissima". A questo punto interviene Bocchino: "Come si garantisce scusi? Quando c'è uno psicopatico che vuole violentare sua figlia o sua sorella come si garantisce l'ordine pubblico?". "Ma cosa c'entra?", urlano in studio.

 

(…)

italo bocchino italo bocchino corrado formigli italo bocchino corrado formigli italo bocchino

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

STREGA CONTRO STREGA – SOSPINTA DAI QUEI SALOTTI ROMANI ALL’INSEGNA DELLA ‘’FROCIAGGINE’’, COME DIREBBE IL PAPA, CHIARA VALERIO STA INSEGUENDO LA FAVORITISSIMA DONATELLA DI PIETRANTONIO - ALL’INIZIO LA VALERIO SOSTENEVA CHE LEI MAI E POI MAI AVREBBE PARTECIPATO ALLO STREGA E CHE CON IL SUO ROMANZO AMBIVA AL PREMIO CAMPIELLO. INVECE, MISTERO DEI MISTERI, AL CAMPIELLO PRESIEDUTO DA VELTRONI IL NOME VALERIO NON È MAI APPARSO TRA I CANDIDATI. COME MAI? UN DISSAPORE CON VELTRONI DA PARTE DI CHIARA MOLTO LEGATA A ELLY SCHLEIN CHE NON AMA WALTER-EGO? AH, SAPERLO…

DAGOREPORT – RISIKO BESTIALE A BRUXELLES! URSULA VON DER LEYEN, NONOSTANTE I VETI DEL TRIO TUSK-MACRON-SCHOLZ, S’ALLISCIA LA MELONI PER BLOCCARE I FRANCHI TIRATORI TRA POPOLARI E SOCIALISTI. MA L’INCIUCIONE SARÀ RIVELATO DOPO IL VOTO: SE L’ITALIA INCASSERÀ UN COMMISSARIO DI PESO, FRATELLI D’ITALIA SI SARÀ APPECORONATO ALLA COFANA TEDESCA (E ALLORA SÌ CHE SALVINI E LE PEN INIZIERANNO A CECCHINARE LA “TRADITRICE” GIORGIA) – OCCHIO A MACRON: ANCHE SE INDEBOLITO PER L’AVANZATA DELLE DESTRE IN FRANCIA, DA “ANIMALE FERITO” PUÒ DIVENTARE UNA MINA VAGANTE