“AFFARITALIANI.IT” CAMBIA PROPRIETÀ – LA FAMIGLIA PERRINO HA CEDUTO TUTTE LE SUE QUOTE A UN GRUPPO DI INVESTITORI CAPITANATO DALL’IMPRENDITORE MARCELLO ANTELMI – ENTRANO NELLA PROPRIETÀ ANCHE “BRAVE CAPITAL”, HOLDING FINANZIARIA DEL GRUPPO "MILLENNIALS" DI PAOLO ARDITO, E “ESCLUSIVA SRL” DI FABIO MASSA – ALLA DIREZIONE DELLA TESTATA RIMANE ANGELO MARIA PERRINO: “L’AVANZARE DELL’ETA’ MI HA SUGGERITO DI LASCIARE LA PROPRIETA’ IN MANI SICURE...”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di www.affaritaliani.it

 

Fabio Massa Paolo Ardito Angelo Maria Perrino Marcello Antelmi Fabio Massa Paolo Ardito Angelo Maria Perrino Marcello Antelmi

Nuova compagine societaria per la holding di controllo di Affaritaliani.it. Si è tenuta infatti il 17 aprile 2024 la prima assemblea dei soci del gruppo di investitori che ha rilevato la totalità delle quote della famiglia Perrino. La partecipazione di maggioranza è di Marcello Antelmi, imprenditore di successo, fondatore con Angelo Maria Perrino della manifestazione "La Piazza", che ha visto sui suoi palchi tutti i leader della politica nazionale (Meloni, Berlusconi, Salvini, Tajani, Conte etc), già consigliere delegato della società editrice di Affaritaliani.it.

 

Altre quote sono detenute dalla Brave Capital, holding finanziaria del gruppo Millennials, rappresentata da Paolo Ardito, che già da tempo aveva la concessione per la pagina di RomaItalia e che opera a livello globale nel campo dell'informatica e dell'innovazione.

 

ANGELO MARIA PERRINO ANGELO MARIA PERRINO

In misura paritetica l'ultima tranche è stata acquistata dalla Esclusiva Srl di Fabio Massa, entrato in Affaritaliani.it 18 anni fa come giornalista e che da 9 anni possiede e guida un gruppo che si è affermato non solo in campo editoriale (con la gestione ad esempio della pagina di Milano di Affaritaliani.it) ma anche per l'eventistica e per la fornitura di servizi alle aziende [...] Fabio Massa è il presidente delle Stelline, e il fondatore della kermesse Italia Direzione Nord.

 

Direttore di Affaritaliani.it è stato confermato Angelo Maria Perrino, che gode della piena fiducia dei nuovi soci, che hanno rinnovato l’apprezzamento per l'organico redazionale nella sua composizione attuale, e che procederanno nei prossimi mesi a impostare un piano di ristrutturazione e investimenti al fine di portare nuove risorse economiche e rafforzare così l'offerta di Affaritaliani.it, primo giornale online, fondato nel 1996 da Angelo Maria Perrino. L'amministratore unico della società sarà Marcello Antelmi.

 

Marcello Antelmi Marcello Antelmi

"E' un onore aver avuto la possibilità di rilevare Affaritaliani.it dal suo fondatore, un maestro di giornalismo di specchiata moralità che continuerà nella sua funzione di direttore. Insieme a Paolo Ardito e Fabio Massa abbiamo formato una compagine che conosce e apprezza Affaritaliani.it, avendo tutti e tre un rapporto ormai pluriennale non solo di lavoro ma anche umano con una realtà che ha sempre avuto nel suo dna la ricerca delle notizie e il racconto della verità, senza padroni e senza padrini".

 

"L'avanzare dell'età mi ha suggerito, dopo circa trent'anni di impegno appassionato da editore indipendente, di passare la mano assicurando allo straordinario progetto Affaritaliani.it un futuro florido", dichiara il fondatore Angelo Maria Perrino. "C'erano diversi pretendenti innamorati del progetto e desiderosi di investirvi. Ho scelto di metterlo nelle mani amiche e sapienti di imprenditori solidi e competenti, che già da anni lavorano al mio fianco per il giornale e che mi hanno richiesto di mantenere la direzione del giornale ad libitum [...]”

ANGELO MARIA PERRINO ANGELO MARIA PERRINO ANGELO MARIA PERRINO ANGELO MARIA PERRINO

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI