“BIDEN NON VUOLE LA PACE. SPERA DI VEDERE PUTIN NELLA POLVERE” – IL GENERALE TRICARICO OSPITE DI "TAGADÀ" SU LA7 TUONA: "NON HO SENTITO LA PAROLA 'NEGOZIATI' NÉ DAL PRESIDENTE USA, NÉ DA JOHNSON, NÉ DA STOLTENBERG - DA BIDEN C'È UNA CINGHIA DI TRASMISSIONE DIRETTA, SENZA NESSUN RIDUTTORE VERSO LA NATO. STOLTENBERG È UNA CASSA DI RISONANZA DI BIDEN E GLI INGLESI SONO ADDIRITTURA PIÙ AGGRESSIVI. QUINDI…" - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

Da liberoquotidiano.it

 

Il generale tricarico Il generale tricarico

Di negoziati non si parla più. Ospite di Tagadà su La7, il generale Leonardo Tricarico svela che qualcosa di grave sta accadendo in Ucraina. "Non ho sentito la parola 'negoziati' né da Stoltenberg, né da Biden, né da Blinken, né da Johnson". Per lui "le trattative sono iniziate in maniera improbabile con quei negoziati auto-gestiti e con quei personaggi che non c'entravano nulla, poi sono proseguiti in tentativi un po' più seri".

 

Eppure secondo Tricarico, intervenuto nella puntata di lunedì 11 aprile ai microfoni di Alessio Orsingher, nessuno ha mai avviato negoziati veri e seri. "Nemmeno - prosegue - i paesi che ho citato prima. Negli interventi pubblici di Biden e gli altri, nessuno ha mai citato parole come 'negoziato', 'cessate il fuoco', 'stop alle armi'. Insomma, Joe Biden non vuole la pace e se non la vuole lui non la vogliono gli altri".

 

vladimir putin joe biden ginevra 2021 vladimir putin joe biden ginevra 2021

E ancora: "Da Biden c'è una cinghia di trasmissione diretta, senza nessun riduttore verso la Nato. Stoltenberg è una cassa di risonanza di Biden e gli inglesi sono addirittura più aggressivi, quindi questa è la situazione". Non solo, perché per l'esperto un altro errore è stato il fatto che "a questi tentativi, bisognava affiancare provvedimenti di deterrenza seri e non ridicoli, ossia tante forze aeree e mostrare la di essere pronti a usarle". Alla domanda su cosa vuole davvero Biden, Tridico non ci va per il sottile: "Vuole vedere Putin nella polvere".

putin zelensky biden putin zelensky biden

 

joe biden e olaf scholz con stoltenberg, von der leyen e trudeau joe biden e olaf scholz con stoltenberg, von der leyen e trudeau Boris Johnson e Volodymyr Zelensky 2 Boris Johnson e Volodymyr Zelensky 2 Boris Johnson e Volodymyr Zelensky 11 Boris Johnson e Volodymyr Zelensky 11 PUTIN E BIDEN PUTIN E BIDEN

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING...