“LA BRUTTA PAGINA DELLA RAI SULLE ELEZIONI FRANCESI HA DELL'INCREDIBILE” - ALDO GRASSO AL VELENO SULLA TV PUBBLICA: “I PROGRAMMI SI PREPARANO IN ANTICIPO: QUALE MIGLIORE OCCASIONE PER FESTEGGIARE UNA VITTORIA DI LE PEN DATA PER SCONTATO? FORSE DOVREMMO COMINCIARE A PARLARE DI INIDONEITÀ O DI MANCANZA DI FIGURE DI RIFERIMENTO - BISOGNA FARE MOLTI PASSI INDIETRO NEL TEMPO PER TROVARE DEI TG COSÌ APERTAMENTE SCHIERATI CON L’ESECUTIVO, MA NELLO STESSO TEMPO PIÙ ABILI A RACCONTARE LA CRONACA CHE LA POLITICA"

-

Condividi questo articolo


Aldo Grasso per il Corriere della Sera - Estratti

 

aldo grasso aldo grasso

È polemica sulla Rai per come sono stati seguiti i risultati delle elezioni francesi. Domenica scorsa, mentre La7 e Rete4 dedicavano lunghe dirette agli esiti dei voti, nessuna rete Rai ha riservato al voto la dovuta attenzione. Su Rai1 «Tim Summer hits», su Rai2 un film e su Rai3 addirittura una replica di «Report».

 

(...)

Invece di Rai, in questi casi, sarebbe più corretto usare l’espressione «servizio pubblico». Come mai questa brutta pagina che ha pure dell’incredibile? I programmi si preparano in anticipo: quale migliore occasione per festeggiare una vittoria di Marine Le Pen data per scontata?

 

(...)

 

ALMA MANERA PAOLO PETRECCA ALMA MANERA PAOLO PETRECCA

Forse dovremmo semplicemente cominciare a parlare di inidoneità o di mancanza di figure di riferimento. Chi avrebbe dovuto condurre lo speciale sulle elezioni? Questo è il vero problema. Di solito la Rai si affida al più illustre dei suoi collaboratori, Bruno Vespa, ma forse il conduttore era ancora impegnato nella sua masseria a ricevere il governo.

 

C’è Monica Maggioni, partita però per un lungo reportage. Giletti? Ci sono altri in grado di condurre una serata così importante? Forse sì, ma non lo sappiamo. E se non lo sappiamo qualche motivo ci sarà. Bisogna fare molti passi indietro nel tempo per trovare dei tg così apertamente schierati con l’esecutivo, ma nello stesso tempo più abili a raccontare la cronaca nera o rosa che la politica.

Paolo Petrecca Alma Manera Paolo Petrecca Alma Manera

 

In passato, quando «bucava» qualche evento, la Rai si difendeva dicendo «l’abbiamo dato su Rainews24» (che in pochi vedono): questa volta persino l’alibi non è servito. L’all news del servizio pubblico era a Pomezia.

 

Infine, una nota sul Tg3. Perché una replica di «Report»? Perché non sfruttare la grande occasione in cui si trova? Con Tg1, Tg2 e Rainews24 così schierati, al Tg3 si apre una prateria. Basterebbe così poco per sfruttarla.

EDOARDO SYLOS LABINI EDOARDO SYLOS LABINI paolo petrecca foto di bacco paolo petrecca foto di bacco

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)