“PER LELE SPEDICATO SARANNO DECISIVE LE PROSSIME ORE”, IL CHITARRISTA DEI NEGRAMARO COLPITO DA EMORRAGIA CEREBRALE E’ SEMPRE IN PROGNOSI RISERVATA, PARLA IL PRIMARIO: "BISOGNA CAPIRE LA LOCALIZZAZIONE. C'E' UNA PERCENTUALE DI RECUPERI COMPLETI MOLTO SIGNIFICATIVA' - I NEGRAMARO ACCANTO A LUI: “ATTESA DIFFICILE, SAREMO FORTI E PRONTI PER IL SUO GRANDE RITORNO’

-

Condividi questo articolo

 

spedicato spedicato

IL MESSAGGIO DEI NEGRAMARO SU INSTAGRAM

Grazie a tutti per questo caloroso sostegno e questo grande affetto. Siamo certi che il nostro Lele lo stia raccogliendo tutto per tornare più forte. Serviranno ancora i vostri pensieri più positivi per i giorni che verranno. Non sarà un’attesa facile ma gli siamo tutti vicini. Saremo forti e pronti per il suo grande ritorno. #ForzaLele

 

 

LELE SPEDICATO, PARLA IL PRIMARIO

Valeria Arnaldi per www.leggo.it

 

Emorragia cerebrale. Leggo.it ha sentito il Dottor Alessandro Olivi, professore ordinario Neurochirurgia all'Università Cattolica e direttore Neurochirurgia Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli. Quali possono essere le cause di ciò che è accaduto a Lele Spedicato dei Negramaro?

 

spedicato spedicato

«Le emorragie cerebrali possono essere dovute a malformazioni arterovenose. O a ipertensione, causa che interessa di solito persone più anziane, ma non si può escludere in giovani. Anche l'angiopatia amiloide è da ricondurre ad età più avanzate. Di altre non si riesce a comprendere la causa».

 

La giovane età dell'artista inciderà sulla ripresa?

«Sicuramente è un importante fattore di potenziale recupero, ma per poterlo valutare saranno decisive le prossime ore, bisogna vedere prima i danni diretti prodotti dall'emorragia e se sta facendo o farà danni indiretti. Bisogna capire la localizzazione: se l'emorragia si trova vicino alla zona della parola può avere un effetto notevole sulla qualità della vita e sul potenziale recupero completo del paziente. Le variabili sono molte: localizzazione, appunto, volume eventuale pressione che l'emorragia esercita sull'area circostante».

spedicato spedicato

 

 

La possibilità di un recupero completo, però, c'è.

«C'è una percentuale di recuperi completi e di recuperi molto significativi. C'è sempre la speranza che l'accaduto non causi danni permanenti. Fondamentale è identificare le cause dell'emorragia, alcune potrebbero richiedere interventi per prevenire la recidiva del sanguinamento».

 

Perché non è stato sottoposto subito a intervento chirurgico?

«In alcune situazioni è valutato meno rischioso un trattamento di tipo conservativo».

Ci potrebbero essere stati segnali di avvertimento?

«Le malformazioni arterovenose non danno segno di sé fino a quando non sanguinano, a volte vengono diagnosticate prima grazie a una serie di esami per altro».

spedicato sangiorgi spedicato sangiorgi

Quanto tempo sarà necessario per capire la ripresa?

«Già adesso si possono effettuare esami neurologici, si cerca sempre di sedare i pazienti per farli stare tranquilli ma è fondamentale avere finestre per valutare la situazione neurologicamente. Ciò permette di predire pure l'evoluzione clinica».

negramaro negramaro

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL REGNO UNITO STUDIA DA PARADISO FISCALE. IL PIANO DI BORIS JOHNSON – LA BREXIT CHIUDE AGLI STRANIERI, NON A MERCI E CAPITALI. “IL REGNO UNITO SARÀ IL SUPERMAN DEL LIBERO SCAMBIO" – E ALLORA PERCHE’ COME RIPORTA IL FINANCIAL TIMES IL GOVERNO INGLESE HA FATTO RICHIESTA PER UN FINANZIAMENTO DAL "SOLIDARITY FUND" DELL’UE PER FAR FRONTE AI DANNI DOVUTI ALLE ALLUVIONI DELLO SCORSO DICEMBRE (UNA SOLUZIONE “LAST MINUTE” PER BENEFICIARE FINO ALL’ULTIMO DELLA MEMBERSHIP EUROPEA TANTO OSTRACIZZATA)?

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

QUESTA È UNA BRUTTA NOTIZIA: SALGONO A 14 I CASI IN LOMBARDIA, 5 SONO GRAVI, 2 ANZIANI POSITIVI AL TEST IN VENETO (UNO E' IN CONDIZIONI CRITICHE) - 50MILA IN ISOLAMENTO NEL LODIGIANO - ECCO CHI SONO LE PERSONE CONTAGIATE - IL MEDICO DI BASE DEL CONTAGIATO DI CODOGNO HA LA POLMONITE. IL DOTTORE SAREBBE RICOVERATO A MILANO, DOPO AVERLO VISITATO NEI GIORNI SCORSI. E DOPO DI LUI, AVRÀ VISTO ALTRI PAZIENTI… - I GENITORI: ''NOSTRO FIGLIO È GRAVISSIMO, SIAMO DISTRUTTI. NOI NON ABBIAMO SINTOMI, MA NON POSSIAMO DIRE CHE STIAMO BENE'' - OMS: ''LA FINESTRA PER CONTENERE IL VIRUS SI RESTRINGE''