SAREBBE UN DISSERVIZIO PROPORRE AGLI SPETTATORI UNA TV DA TERZO MONDO” – FERMI TUTTI: PIER SILVIO BERLUSCONI, PER SPIEGARE PERCHÉ HA DECISO DI NON “SPEGNERE” MEDIASET DURANTE SANREMO, È COSTRETTO AD AMMETTERE CHE PER 20 ANNI IL BISCIONE HA FATTO UNA SCELTA SBAGLIATA: “UN VALORE AGGIUNTO FORNIRE AL PUBBLICO UN’ALTERNATIVA DI VISIONE: NON IMPORTA QUANTO FAREMO, CHE SIA IL 5, IL 10 O IL 15%” – PENSARE CHE SOLO NEL 2017 MARIA DE FILIPPI VENNE SPEDITA GRATIS SUL PALCO DELL’ARISTON…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Renato Franco per il “Corriere della Sera”

 

PIER SILVIO BERLUSCONI 3 PIER SILVIO BERLUSCONI 3

Pier Silvio Berlusconi festeggia la crescita digitale di Mediaset (quasi quintuplicati i numeri dei video visti al giorno, che oggi sfiorano i 10 milioni e 500 mila; più che raddoppiato il tempo speso per guardarli, che arriva a 1 milione e 300 mila ore quotidiane), ma a tenere banco è Sanremo perché quest’anno Mediaset ha deciso di rimanere accesa anche durante la settimana del Festival.

 

de filippi conti de filippi conti

«Dimenticherei la parola contro-programmazione — spiega Pier Silvio Berlusconi —, Mediaset non è contro Sanremo ma abbiamo deciso di non mettere in atto un disarmo assoluto come è avvenuto negli ultimi 20 anni […] «L’andamento positivo della raccolta pubblicitaria durante i Mondiali di calcio (trasmessi dalla Rai) ci ha dimostrato che in questa fase di mercato gli eventi in onda sulle reti concorrenti poco incidono sui ricavi pubblicitari della nostra programmazione. […] anche se c’è Sanremo sarebbe un disservizio proporre agli spettatori una tv da Terzo Mondo. Il Festival fa il 60% di share? C’è comunque un 40% che non lo guarda e ha voglia di seguire altro».

 

PIER SILVIO BERLUSCONI PIER SILVIO BERLUSCONI

In onda andranno regolarmente il Grande Fratello , Le Iene e soprattutto al sabato, contro la finale del Festival, C’è posta per te condotto da quella stessa Maria De Filippi che nel 2017 — in piena pax televisiva — andò, gratis, sul palco del Ariston al fianco di Carlo Conti: «Ringrazio Maria per questo atto di coraggio.

 

«Non importa quanto faremo, che sia il 5, il 10 o il 15%». E che il clima sia cambiato lo dimostra anche che Striscia la notizia ha deciso di mandare il suo inviato più ispido, sarcastico e corrosivo (Enrico Lucci) a seguire il Festival dopo anni di silenzio. L’ad di Mediaset non si sottrae nemmeno al caso che anima queste giornate politiche. Il video di Zelensky a Sanremo. Sì o no?

maria de filippi carlo conti maria de filippi carlo conti

 

A favore o contro? «Per la Rai è una bella gatta da pelare, è difficile decidere quando una richiesta del genere ti arriva direttamente dallo stesso leader ucraino; da editore non posso dire che la Rai non può farlo andare. Da cittadino che paga il canone però preferirei di no: mi sembra da parte di Zelensky una ricerca di visibilità che mi turba; c’è un conflitto in ballo, quello di Sanremo non mi sembra il contesto adatto».

pier silvio berlusconi ai palinsesti mediaset 2018 pier silvio berlusconi ai palinsesti mediaset 2018 carlo conti maria de filippi carlo conti maria de filippi selfie carlo conti antonella clerici maria de filippi selfie carlo conti antonella clerici maria de filippi pier silvio berlusconi ai palinsesti mediaset 2018 pier silvio berlusconi ai palinsesti mediaset 2018

[…]

pier silvio berlusconi radio mediaset pier silvio berlusconi radio mediaset CONTI DE FILIPPI CONTI DE FILIPPI carlo conti maria de filippi carlo conti maria de filippi CONTI DE FILIPPI CONTI DE FILIPPI maria de filippi carlo conti dentiere maria de filippi carlo conti dentiere maria de filippi e carlo conti maria de filippi e carlo conti pier silvio berlusconi pier silvio berlusconi

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)