“TINA TURNER ERA UNA SOPRAVVISSUTA, SAPEVA SEMPRE RINASCERE. COME ME” – LOREDANA BERTE’ RACCONTA COME HA CONOSCIUTO "LA TIGRE DEL ROCK": “SE COMINCIAMMO A PARLARE, NELL'ASCENSORE DI UN HOTEL A RIVA DEL GARDA, FU GRAZIE AL SUO GIUBBOTTO DISEGNATO DA AZZEDINE ALAÏA, UNO DEI DESIGNER PIÙ INFLUENTI DELLA STORIA DELLA MODA. LE DISSI: "SE SA CHE TI SEI MESSA UN SUO GIUBBOTTO, DIVENTA MATTO". "NO, DIVENTO MATTA IO", RIBATTÉ LEI. QUANDO LE DISSI CHE POTEVO METTERLI IN CONTATTO, LEI RISPOSE CHE…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Mattia Marzi per “il Messaggero”

 

tina turner loredana bertè tina turner loredana bertè

La foto che le ritrae insieme, condivisa ieri dalla voce di Non sono una signora sui social per ricordare la grande Tina Turner, scomparsa mercoledì a Zurigo a 83 anni dopo una lunga malattia, fu scattata a Milano quasi quarant'anni fa. Era il settembre del 1984. Loredana Bertè e Tina Turner si erano conosciute pochi giorni prima a Riva del Garda.

 

Alle due leonesse era bastato annusarsi a vicenda pochi secondi per riconoscersi simili, e non solo per la voce, caratterizzata da quel graffio che aveva reso Tina Turner la "regina del rock'n'roll" e Loredana Bertè una sorta di sua corrispettiva italiana.

 

Anche se una, Tina, era nata a Brownsville, nel Tennessee, dall'altra parte dell'Atlantico, undici anni prima dell'altra, Loredana, che era nata invece a Bagnara Calabra, un ex borgo marinaro bagnato dal mar Tirreno. «Non dimenticherò mai quell'incontro e i giorni passati a Milano insieme ad Azzedine», dice Loredana Bertè.

 

Mi perdoni, ma chi è Azzedine?

«Azzedine Alaïa, naturalmente. Uno dei designer più famosi e influenti della storia della moda (è scomparso nel 2017, ndr)».

 

E che c'entra con lei e Tina Turner?

azzedine alaia tina turner azzedine alaia tina turner

«Se io e Tina cominciammo a parlare, nell'ascensore dell'hotel a Riva del Garda, fu grazie a un giubbotto disegnato da Alaïa che lei indossava. Nessuno lo conosceva. Tranne me e Cesare Zucca, che in quel periodo mi faceva da stylist, prima di andare a Los Angeles a lavorare per Madonna».

 

Facciamo un passo indietro. Cosa ci facevate entrambe a Riva del Garda, in quel settembre del 1984?

«Eravamo entrambe ospiti a un festival che era uno degli appuntamenti fissi della musica dal vivo dell'estate, la Vela d'oro. Si svolgeva a settembre, alla fine della stagione, per premiare i successi dell'annata. Tina Turner stava promuovendo la sua hit What's Love Got To Do With It?. All'epoca accadeva spesso che le star della musica mondiale venissero in Italia a fare promozione.

 

(...) Così vi trovaste insieme in ascensore. E lei attaccò bottone parlando del giubbotto di Alaïa. E poi?

TINA TURNER AZZEDINE ALAIA TINA TURNER AZZEDINE ALAIA

«Lei era con il suo manager di allora. Quando le nominai Azzedine Alaïa, Tina sgranò gli occhi: "Come fai a conoscerlo?", mi chiese. Le risposi: "Se sa che ti sei messa un suo giubbotto, diventa matto". "No, divento matta io", ribatté lei. Quando le dissi che potevo metterli in contatto, impazzì di gioia».

 

Alaïa lei quando lo aveva conosciuto?

«Durante un viaggio che avevo fatto un po' di tempo prima a Parigi. Eravamo diventati amici».

 

Con Tina come andò?

«Quella sera in ascensore chiese subito al manager: "Tra quanto sarò libera da tour e promozione?". E quello: "Credo tra non meno di due anni". Allora si girò verso me e Cesare: "Quando andate a Milano?". Saremmo partiti due giorni dopo. "Vengo con voi", rispose».

tina turner 5 tina turner 5

E lo fece?

«Eccome. Partì con noi. Una volta a Milano, io e Cesare chiamammo Azzedine. Da quel momento in poi Alaïa vestì solo Tina Turner, mollando pure Grace Jones, che aveva consigliato fino ad allora e che non la prese benissimo (ride)».

 

In cosa Tina Turner è stata per lei una fonte di ispirazione?

«Per il suo vissuto. La sua grinta. Il suo stile. E poi per la sua capacità di reinventarsi sempre. Era un'araba fenice come me. Una sopravvissuta. Era la quintessenza del rock. Non a caso la soprannominarono la "regina del rock'n'roll": ne aveva tutte le caratteristiche».

 

tina turner 4 tina turner 4 tina turner 6 tina turner 6 tina turner 1 tina turner 1 tina turner 3 tina turner 3 tina turner 7 tina turner 7

(...)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?