“VEDREI MOLTO BENE IL RITORNO DI CONTI” – IL SINDACO DI SANREMO ALBERTO BIANCHERI VOTA PER IL CONDUTTORE TOSCANO E STRONCA BONOLIS: “NON LO CONOSCO PERSONALMENTE. SE PENSO ALLE SUE DICHIARAZIONI SULL'ARISTON E AL FATTO CHE AVEVA CHIAMATO CARCIOFI I FIORI DI SANREMO, HA DIMOSTRATO DI NON AVERE MOLTA ATTENZIONE E SENSIBILITÀ PER LA CITTÀ…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Antonio Bravetti e Giulio Gavino per “La Stampa”

 

carlo conti tale e quale sanremo carlo conti tale e quale sanremo

[…] E siamo già al toto-presentatore. I bookmakers danno un testa a testa tra Carlo Conti e Paolo Bonolis; più dietro Alessandro Cattelan, Stefano Di Martino (che sempre secondo gli allibratori potrebbe finire a condurre Affari tuoi), Maria De Filippi, Milly Carlucci.

 

Biancheri si toglie un sassolino dalla scarpa: «I miei Festival hanno visto all'opera Carlo Conti, Claudio Baglioni e Amadeus. Ed è stato un crescendo per la città e per gli ascolti. Bonolis non lo conosco personalmente.

 

Alberto Biancheri sindaco di Sanremo Alberto Biancheri sindaco di Sanremo

Certo che se penso alle sue dichiarazioni sull'Ariston e al fatto che aveva chiamato carciofi i fiori di Sanremo, ha dimostrato di non avere molta attenzione e sensibilità per la città che il Festival l'ha creato, l'ha fatto crescere, ha alimentato un mito e un modello che appartiene a tutto il Paese. Personalmente vedrei molto bene il ritorno di Conti, è un grande professionista che ha saputo legare molto con Sanremo».

bonolis bonolis amadeus paolo bonolis amadeus paolo bonolis

carlo conti tali e quali carlo conti tali e quali CARLO CONTI RISCHIATUTTO CARLO CONTI RISCHIATUTTO carlo conti tali e quali carlo conti tali e quali carlo conti tale e quale sanremo carlo conti tale e quale sanremo

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CHE SUCCEDE SE IL 10 GIUGNO, APERTE LE URNE, IL DIVARIO TRA M5S E PD RISULTASSE MOLTO FORTE, O ADDIRITTURA ELLY SCHLEIN RIUSCISSE A DOPPIARE LA PERCENTUALE DEI 5STELLE? - I SOGNI DI GLORIA DI CONTE "LEADER DELLA SINISTRA” FINIREBBERO NEL CESTINO DELLE AMBIZIONI SBAGLIATE MA SOPRATTUTTO COMINCEREBBE LA GUERRA CIVILE NEL MOVIMENTO - CONTE HA CONTRO LA NOMENKLATURA CHE È STATA TAGLIATA FUORI DALLA NORMA DEL DOPPIO MANDATO: FICO, FRACCARO, BONAFEDE, BUFFAGNI, TAVERNA, RAGGI, DI BATTISTA, TUTTI MIRACOLATI CHE SI ERANO ABITUATI ALLA CUCCAGNA PARLAMENTARE DEI 15 MILA EURO AL MESE - ALL’OSTILITÀ DEI REDUCI E COMBATTENTI DEL GRILLISMO CON AUTO BLU, AGGIUNGERE LA FRONDA DEI PENTASTELLATI CHE NON HANNO PER NULLA DIGERITO L’AUTORITARISMO DI CONTE QUANDO HA SCELTO I SUOI FEDELISSIMI DA PIAZZARE IN LISTA PER LE EUROPEE, SENZA PASSARE DALLE SELEZIONI ONLINE E FACENDOLI VOTARE DAGLI ATTIVISTI IN UN ELENCO BLOCCATO... 

"NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" - IERI DAGOSPIA HA SANTIFICATO LA SANTA DOMENICA CON UNO SCOOP SU BERGOGLIO COATTO CHE OGGI IMPAZZA SU TUTTI I SITI (A PARTE ''REPUBBLICA'') - PAPALE PAPALE: I VESCOVI DEVONO SEMPRE   "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE"  - LO RIFERISCONO PARECCHI VESCOVI ITALIANI INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMO - BERGOGLIO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO