LA MITOLOGICA SILVANA GIACOBINI SI SCAZZA CON CAIRO E MANDA AL DIAVOLO "DIVA E DONNA" - "IO DONNA", TU IN PENSIONE! LASCIA FIORENZA VALLINO, IN CATTEDRA DIAMANTE D'ALESSIO - CALABRESI RIFA IL LIFTING A "LA STAMPA": ASSOMIGLIERÀ SEMPRE PIÙ A "LA REPUBBLICA" - "RIFORMATA" CATERINA SOFFICI - NUOVA AVVENTURA DI CARTA PER LA SMODATA GIACOMOTTI - LETTEra:COME MAI NESSUNO SI CHIEDE CHI FOSSE IL PADRE DEL FIGLIO MAI NATO DI ORIANA? -

Condividi questo articolo


1 - LA MITOLOGICA SILVANA GIACOBINI ROMPE CON CAIRO E MOLLA "DIVA E DONNA"
Pare che all'origine della rottura ci sia un gran scazzo con l'editore Urbano Cairo. Fatto sta che il rapporto tra Silvana Giacobini, gran maestra del settimanale popolare (tra le tante imprese di enorme successo, l'idea di "Chi"), con il vertice della Cairo Editore sarebbe naufragato. E dal prossimo 31 dicembre la mitologica Silvana lascerà la prima scrivania di "Diva e Donna".

SILVANA GIACOBINI ALESSANDRA MARTINEZ - Copyright PizziSILVANA GIACOBINI ALESSANDRA MARTINEZ - Copyright Pizzi

2 - "IO DONNA": IN PENSIONE FIORENZA VALLINO, IN CATTEDRA SALE DIAMANTE D'ALESSIO
Altro grosso cambiamento avverrà nella editoria con le gonne: la direttora di "Io Donna" Fiorenza Vallino andrà a godersi la pensione (con contratto di consulenza Rcs) per raggiunti limiti di età e la vispa e brava Diamante D'Alessio prenderà il suo posto.

prz29 antonio galdo diamante dalessio michela moroprz29 antonio galdo diamante dalessio michela moro

3 - CALABRESI RIFA IL LIFTING A "LA STAMPA": ASSOMIGLIERÀ SEMPRE PIÙ A REPUBBLICA
Rivoluzione alla Stampa. Marione l'Africano vuole rifare il lifting al suo giornale. Il quotidiano piemontese assomiglierà sempre più alla 'casa madre' di Calabresi ovvero a Repubblica con la trasformazione di cronache, spettacoli e cultura in paginate R2, R3 e così via. Nei salotti che contano a Torino la domanda che circola è: lo fa per nostalgia del suo passato oppure perché sta cercando di frenare l'emorragia di copie del quotidiano che da qualche tempo sta andando in caduta libera?

FABIANA GIACOMOTTI PAOLO FILI DELLA TORREFABIANA GIACOMOTTI PAOLO FILI DELLA TORRE

4 - SOFFICI COME UN RIFORMISTA
Enrica Roddolo per il Mondo - Mosse (strategiche) riformiste. Il direttore del Riformista, Antonio Polito ha appena arruolato la raffinata penna di Caterina Soffici, fino a poco tempo deus ex machina delle pagine culturali del Giornale di Via Negri a Milano. Una scelta che pare abbia colto di sorpresa anche Vittorio Feltri. Così la firma della Soffici avrà presto una rubrica fissa per spaziare dalla cultura alla politica.

Oriana FallaciOriana Fallaci

5 - NUOVA AVVENTURA DI CARTA PER FABIANA GIACOMOTTI
E' nata una nuova società editoriale costituita da Pietro Boroli, Gruppo De Agostini e da Claudio Lovato, AG Holding, per lo sviluppo e il lancio di un importante progetto editoriale multimediale nel segmento della moda business to business. Il progetto, attualmente in fase di studio e che vedrà la luce nei primi mesi del 2010, sarà di taglio internazionale, e dunque declinato in lingua inglese con una traduzione in italiano.

fallaci oriana 003fallaci oriana 003

A svilupparlo e dirigerlo è stata chiamata Fabiana Giacomotti, a lungo direttore di testate femminili (Luna e Amica) e specializzate (MF Fashion) e docente presso l'Università La Sapienza di Roma, attualmente firma de Il Mondo e Il Foglio. Nel compito sarà affiancata dalla Milano Fashion Media di Diego Valisi, concessionaria di pubblicità specializzata nel comparto moda e lusso, che con questo progetto va a coprire anche il segmento trade e internet, anello conclusivo di una serie di recenti acquisizioni.

6 - LETTERA
"Come mai nessuno si chiede chi fosse il padre del figlio mai nato di Oriana Fallaci?"

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP