IL NECROLOGIO DEI GIUSTI – DAVID WARNER, MORTO IERI A 81 ANNI, ERA GIÀ UNA STAR QUANDO NE AVEVA 24, GRAZIE AL RUOLO DA PROTAGONISTA DEL GIOVANE RIBELLE RIVOLUZIONARIO IN “MORGAN MATTO DA LEGARE”, UN FILM CHE OGNI BRAVO RAGAZZO DI SINISTRA AVEVA VISTO IN TUTTO IL MONDO - SAM PECKINPAH SI INNAMORA PAZZAMENTE DI LUI, E BLOCCA IL SET DI “LA BALLATA DI CABLE HOGUE” PER AVERLO NEL RUOLO DEL REVERENDO SLOAN. LO VUOLE ANCHE MARCO FERRERI IN ITALIA PER “L’UDIENZA”. MA A METÀ DELLA LAVORAZIONE WARNER, GELOSO DELLA PRIMA MOGLIE, HARRIET LINDGREN, VOLA DALLA FINESTRA DEL TERZO PIANO DEL SUO ALBERGO PER FARLA FINITA E…

-

Condividi questo articolo


 

Marco Giusti per Dagospia

 

david warner david warner

A 24 anni David Warner, morto ieri a 81 anni, era già una star, grazie al ruolo da protagonista del giovane ribelle rivoluzionario in “Morgan matto da legare” di Karel Reisz, un film che ogni bravo ragazzo di sinistra aveva visto in tutto il mondo, e grazie a due anni da “Hamlet” con la Royal Shakespeare Company.

 

Figlio di una famiglia inglese altamente disfunzionale, cosa che gli procurerà non pochi problemi, Warner era arrivato al successo e al teatro un po’ casualmente, entrando prima alla Royal Academy e poi come membro della Royal Schakespeare Company.

 

Un successo immediato che non durerà per tanti anni, vista la stravaganza e i problemi del personaggio, più simile di quanto si potesse credere al suo Morgan. Ma a cavallo tra gli anni ’60 e gli anni ’70 Warner è un assoluto protagonista con Albert Finney, Vanessa Redgrave, Tom Courtenay, Richard Harris, Susannah York del nuovo cinema inglese. Pronto a girare a Hollywood e in ogni altra parte del mondo.

 

 

david warner nel 1964 alla royal shakespeare company david warner nel 1964 alla royal shakespeare company

Del resto era stato Blifil, l’avversario in amore di Albert Finney nel “Tom Jones” di Tony Richardson, un film di enorme popolarità a suo tempo, Sydney Lumet lo aveva voluto a fianco di James Mason, Simon Signoret e Vanessa Redgrave nella sua versione de “Il gabbiano” di Checkov, Peter Hall lo aveva chiamato per il ruolo di Lysander in “A Midsummer Night’s Dream”, Volker Schloedorff per fare il protagonista di “Michael Kohlhaas il ribelle” da Kleist, ma era stato anche protagonista di “Work Is a Four Letter World”.

 

david warner tron david warner tron

Sam Peckinpah, dall’altra parte dell’oceano si innamora pazzamente di lui, e blocca il set di “La ballata di Cable Hogue” per averlo nel ruolo del Reverendo Sloan (“Se non posso puntare al Paradiso punterò all’Inferno!”). Su quel set in Arizona, assieme a un altro grande bevitore come Jason Robards, ne combinano di ogni colore, anche perché il film si interrompe per il maltempo e il conto del bar arriva a 70.000 dollari.

 

morgan matto da legare morgan matto da legare

Lo vuole anche Marco Ferreri in Italia per il ruolo del protagonista de “L’udienza”, l’uomo che vuole parlare col Papa. Ma a metà della lavorazione Warner, geloso della prima moglie, Harriet Lindgren, che aveva sposato nel 1969, vola dalla finestra del terzo piano del suo albergo per farla finita non accettando l’amore libero della moglie.

 

Fortunatamente mi ha raccontato Dante Matelli, che aveva scritto il film e stava sempre sul set, si era salvato, ma si era rotto le anche e non poteva proseguire le riprese. Al suo posto Ferreri chiamerà Enzo Jannacci. Non sarà la stessa cosa, anche se Janacci non era meno stravagante.

la ballata di cable hogue la ballata di cable hogue

 

Con le anche rotte, privo di assicurazione dopo il disastro sul set italiano, lo recupera l’amico Sam Peckinpah a fianco di Dustin Hoffman e Susan George per “Cane di paglia”, anche se non avrà il nome sui manifesti né sui titoli di testa, sia perché Hoffman non voleva dividere il suo nome con nessuno sia per problemi assicurativi.

 

Dalla fine degli anni ’70, malgrado qualche notevole apparizione, i “Providence” di Alain Resnais, in “La croce di ferro” del suo amico Peckinpah, in “Casa di bambola” di Joseph Losey con Jane Fonda, perde i ruoli da protagonista, ma diventa una guest star o un grande cattivo per il grande cinema del tempo, come accadrà a molti altri celebri attori inglesi.

 

david warner tom jones david warner tom jones

 

Lo troviamo così ne “Il presagio” nel 1976, ne i “I 39 scalini”, nella serie tv “Olocausto” come tedesco cattivo, in “L’uomo che venne dal futuro” come Jack The Ripper, ne “I banditi del tempo” di Terry Gilliam, i “Tron”, nel “Frankenstein” televisivo del 1984, nel fondamentale “In compagnia dei lupi” di Neil Jordan, un percorso di malvagità che lo porterà al ruolo di Spicer Lovejoy in “Titanic” di James Cameron, forse il suo ruolo che più si ricorda in questi ultimi anni.

 

david warner morgan matto da legare david warner morgan matto da legare

Nel frattempo si era risposato nel 1979 con Sheila Kent, avrà pure una figlia, e divorzierà nel 2005. Negli ultimi vent’anni di attività, è morto per cancro in un residence inglese per vecchi attori, lo abbiamo visto in “Penny Dreadful” come Van Helsing, in “Ripper Street” e ne “Il pianeta delle scimmie” dove Tim Burton, fan del suo Morgan matto da legare, lo ripropone come scimmia.

david warner la ballata di cable hogue david warner la ballata di cable hogue

 

 

morgan matto da legare morgan matto da legare david warner amleto 1984 david warner amleto 1984 david warner david warner morgan matto da legare 1 morgan matto da legare 1 david warner in compagnia dei lupi david warner in compagnia dei lupi david warner 2 david warner 2 david warner in star trek v david warner in star trek v david warner. david warner. billy xane david warner titanic billy xane david warner titanic david warner titanic david warner titanic

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?