IL NECROLOGIO DEI GIUSTI – SE NE VA A 93 ANNI, PAUL VECCHIALI, REGISTA DI “FEMMES FEMMES", “CORPO A CUORE” “UNA DONNA PER TUTTI” E “ONCE MORE – ANCORA”, FORSE IL PRIMO FILM SULL’AIDS VISTO DA UN REGISTA DICHIARATAMENTE OMOSESSUALE, ADORATO DALLA CRITICA EUROPEA. ATTIVO DAGLI ANNI ’60 A OGGI, FRA CINEMA E TV, ANCHE SE LA SUA MAGGIOR FORTUNA CRITICA NEL NOSTRO PAESE SI FERMÒ CIRCA UNA VENTINA D’ANNI FA – L’ADORAZIONE DI PASOLINI - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

Marco Giusti per Dagospia

 

paul vecchiali. paul vecchiali.

Se ne va il regista di “Femmes Femmes”, “Corpo a cuore” “Una donna per tutti” e “Once More – Ancora”, forse il primo film sull’Aids visto da un regista dichiaratamente omosessuale, adorato dalla critica europea, Paul Vecchiali, 93 anni, attivo dagli anni ’60 a oggi, fra cinema e tv, anche se la sua maggior fortuna critica nel nostro paese si fermò circa una ventina d’anni fa.

 

Corso, nato a Ajaccio nel 1930, passò l’infanzia a Tolone. Iniziò a girare i suoi primi film a trent’anni, dopo una serie di piccoli film sperimentali, “Les primes drames”, 1961, con Michel Piccoli, Nicole Courcel, Jean Pommeir, il corto “Les roses de la vie” con Jean Eustache, Les ruses du diable (Neuf portraits d'une jeune fille), 1966, “L’etrangleur”, 1970, con Jacques Perrin e Julien Guiomar. Ma sarà “Femmes femmes”, 1974, piccolo film in 16 mm girato con due protagoniste strepitose, Hélène Surgère e Sonia Saviange, che dividono la stessa abitazioni, attrici, che recitano improvvisando parecchio, a lanciarlo davvero al Festival di Venezia.

 

 

rose la rose, femme publique rose la rose, femme publique

Pasolini lo adorò e riprese le due attrici per il suo “Salò”. Nel successivo “Change pas des main”, con Myriam Mézières e le stesse Hélène Surgère e Sonia Saviange, una politica si ritrova il problema che il figlio ha girato un porno e si teme un. Ricatto. Vecchiali sceglie temi difficili e non è particolarmente adatto al cinema più facile del tempo. In “La machine”, un trentenne è condannato a morte per aver ucciso un bambino di otto anni.

 

corpo a cuore di paul vecchiali corpo a cuore di paul vecchiali

Nel celebre corto “Maladie”, lo stesso regista legge il diario della malattia del padre morto di cancro. La malattia torna pure nel successivo e fortunato “Corpo a cuore” con Nicolas Silberg e Beatrice Bruno, dove scatta l’amore tra un meccanico e una donna più grande che ha ancora poco da vivere.

 

Romantico, eccessivo, Vecchiali torna al successo con lo strepitoso “Una donna per tutti” o “Rose la Rose, femme publique”, dove la protagonista, Marianne Basler, è una prostituta di Les Halles a Parigi, legata a un pappone, Jean Sorel, che si innamora di un bel ragazzo, Pierre Cosso. Nel 1988 fa grande colpo il suo film sull’Aids, “Once More – Ancora” dove un uomo lascia la famiglia per vivere finalmente la sua vita con un altro uomo.

 

catherine deneuve le cancre di paul vecchiali catherine deneuve le cancre di paul vecchiali

 

Negli anni successivi, Vecchiali si muove tra serie tv, corti e qualche raro film, senza perdere mai di vista il suo tipo di cinema, di grande forza sentimentale e sociale, e i suoi attori più amati, da Marianne Basler a Edith Scob. In “Le cancre”, 2016, lui stesso si mette in scena alla ricerca del primo amore della sua vita, Catherine Deneuve. Il suo ultimo film, addirittura del 2022, “Pas… de quartier”, è un dramma musicale ambientato in un cabaret di travestiti.

pasolini con helene surgere e sonia saviange, protagoniste di femmes femmes di vecchiali pasolini con helene surgere e sonia saviange, protagoniste di femmes femmes di vecchiali le cancre paul vecchiali le cancre paul vecchiali paul vecchiali. paul vecchiali. rose la rose, femme publique rose la rose, femme publique paul vecchiali paul vecchiali paul vecchiali. paul vecchiali. paul vecchiali 1 paul vecchiali 1 femmes femmes femmes femmes once more – ancora once more – ancora paul vecchiali 3 paul vecchiali 3 paul vecchiali maladie paul vecchiali maladie once more – ancora 2 once more – ancora 2 once more – ancora once more – ancora

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GIORGETTI È DISPERATO: NON SA DOVE TROVARE I SOLDI PER LA PROSSIMA FINANZIARIA (SI PRESENTA A OTTOBRE MA ANDAVA CUCINATA IERI), MENTRE I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, IN PIENA SBORNIA DA EUROPEE, SPARANO PROMESSE IRREALIZZABILI. MA DOPO IL 9 GIUGNO SI CHIUDERA' IL CORDONE DELLA BORSA: E SARANNO BOTTI TRA GIORGETTI E IL PERICOLANTE SALVINI (LEGA VICINA ALL'IMPLOSIONE) – "MELONI, DETTA GIORGIA" SI ILLUDE DI POTER RIDISCUTERE L'INSOSTENIBILE PATTO DI STABILITÀ, BARATTANDOLO ALLA RATIFICA DEL MES - MA A BRUXELLES LA REGINA DI COATTONIA SARA' IRRILEVANTE (I VOTI DI ECR NON SERVIRANNO PER LA COMMISSIONE UE) E GLI EURO-POTERI PREPARANO GIA' UNA BELLA PROCEDURA D'INFRAZIONE PER L'ITALIA – LA PREOCCUPAZIONE DELL'UE PER LA DEBOLEZZA STRUTTURALE DELL’ECONOMIA ITALIANA: NEMMENO I MOLTI MILIARDI DEL PNRR STANNO FACENDO VOLARE IL PIL...

DAGOREPORT – ASPETTANDO IL VOTO, MACRON E SCHOLZ HANNO TROVATO UN ACCORDO DI MASSIMA: SILURATA URSULA ED ESCLUSA OGNI ALLEANZA CON LA MELONI, I DUE LASCERANNO AL PPE, GRUPPO DI MAGGIORANZA, L’ONERE DI TROVARE UN NOME ALTERNATIVO A VON DER LAYEN PER LA COMMISSIONE (NO A WEBER, UN PO' TROPPO DI DESTRA, IN POLE IL BAVARESE SÖDER) – I SOCIALISTI PUNTANO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO, DOVE SANCHEZ FA PRESSIONE SU SCHOLZ PER IL PORTOGHESE COSTA. MA SE LA SCELTA RICADESSE SUI LIBERALI, MACRON PROPORREBBE MARIO DRAGHI - MORALE DELLA FAVA: ALLA FACCIA DEL CAMALEONTISMO, LA DUCETTA IN EUROPA SARA' IRRILEVANTE...

DAGOREPORT – CHI SOGNA IL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA? DI CERTO NETANYAHU ED EMIRATI ARABI UNITI, MA TRA LE VEDOVELLE DI “THE DONALD” NON C’È PUTIN. “MAD VLAD” PREFERISCE IL PREVEDIBILE NEMICO BIDEN A QUEL MATTACCHIONE INAFFIDABILE DEL TYCOON (CHE GIUSTO IERI HA INVOCATO LE BOMBE AMERICANE SU MOSCA). UNA DIFFIDENZA POTENZIALMENTE UTILE A “SLEEPY JOE”: IL CREMLINO POTREBBE “CONCEDERGLI” LA PACE IN UCRAINA PER EVITARE IL RITORNO DI TRUMP – E LA MELONI? TIENE IL PIEDE IN DUE STAFFE: MANDA I SUOI ALLA CONVENTION CPAC, MA SI FA DARE I BACETTI DA BIDEN…

FLASH! - FIAMME GIALLE IN FIAMME: AVVISATE ANDREA DE GENNARO CHE IL GENERALE FRANCESCO GRECO NON GRADISCE PER NIENTE L'EVENTUALE INCARICO AL COMANDO AERO-NAVALE; SI ILLUDEVA DI ANDARE AL COMANDO INTERREGIONALE DI ROMA - AVVISATE MANTOVANO CHE L'EX DIRETTORE DELL'AISE LUCIANO CARTA, FINITO PRIMA A LEONARDO, POI BOCCIATO DA TIM COME UOMO DI VIVENDI, ORA ALL'AGENZIA DI STAMPA LA PRESSE, NON HA PERSO LA SPERANZA DI OCCUPARE LA PRESIDENZA DI UNA AZIENDA PUBBLICA. E HA RIPRESO A INCONTRARE I SUOI VECCHI AMICI (CARAVELLI & C.)