IL NECROLOGIO DEI GIUSTI - SE FORSE FU L’ATTORE PREDILETTO DEI TAVIANI, OMERO ANTONUTTI, FRIULANO, GRANDE PRESENZA DEL NOSTRO CINEMA, CHE SE NE È ANDATO A 84 ANNI, FU ANCHE ATTORE E PROTAGONISTA PER MAESTRI DEL CINEMA SERIO COME IL GRECO THEO ANGHELOPOULOS, GLI SPAGNOLI VICTOR ERICE E CARLOS SAURA, LO SVIZZERO VILLI HERMAN…

-

Condividi questo articolo

Marco Giusti per Dagospia

 

omero antonutti 7 omero antonutti 7

“Gavino, devi andare a pascolare le pecore!” era la frase tormentone di Omero Antonutti, padre padrone nell’omonimo film dei Fratelli Taviani, quando andavo a riprendersi il figlio a scuola e lo rispediva sui monti con le pecore. Se fu forse l’attore prediletto dei Taviani, Omero Antonutti, friulano, grande presenza del nostro cinema, che se ne è andato a 84 anni, fu anche attore e protagonista per maestri del cinema serio come il greco Theo Anghelopoulos, gli spagnoli Victor Erice e Carlos Saura, lo svizzero Villi Herman.

 

omero antonutti 3 omero antonutti 3

Se i Taviani, con Padre padrone, ma anche con Good Morning, Babilonia, La notte di san Lorenzo, Kaos lo portarono al successo internazionale, furono poi Anghelopoulos con Alessandro il Grande, Victor Erice con El Sur e  Miguel Littin con Sandino a rilanciarlo come icona di un certo cinema. Fu famosissimo nel cinema spagnolo. E con quella faccia dura, baffetto e pelata alla Bersani, fu molto richiesto dal cosiddetto cinema civile italiano. Eccolo come perfetto Michele Sindona per Michele Placido in Un eroe borghese, perfetto Calvi in I banchieri di Dio di Giuseppe Ferrara, eccolo con Franco Giraldi, La frontiera, Marco Bellocchio, La visione del sabba, Elio Petri, Le mani sporche, e con Emidio Greco, Una storia semplice, con Paolo Virzì in N-Io e Napoleone, in un percorso che lo porterà fino a Miracolo a Sant’Anna di Spike Lee e al recentissimo Hammamet di Gianni Amelio.

omero antonutti 6 omero antonutti 6

 

Grande voce del nostro cinema, fu anche doppiatore, ad esempio di Christopher Lee, e narratore per film come Il mestiere delle armi di Ermanno Olmi e La vita è bella di Roberto Benigni. Nato nel 1939 in Friuli, entrò molto presto nel cinema, il suo primo film dovrebbe essere il boccaccesco Le piacevoli notti di Crispino e Lucignani del 1966, ma lo troviamo più attivo negli anni ’70 nei polizieschi Processo per direttissima di Lucio De Caro e Fatevi vivi, la polizia non sparerà di Giovanni fago, Anno Uno di Roberto Rossellini, La donna della domenica di Luigi Comencini. Ma fu l’incontro coi Taviani a cambiargli decisamente la vita.

omero antonutti 4 omero antonutti 4 omero antonutti 8 omero antonutti 8 omero antonutti omero antonutti omero antonutti 9 omero antonutti 9 omero antonutti 5 omero antonutti 5 omero antonutti omero antonutti omero antonutti omero antonutti omero antonutti omero antonutti omero antonutti omero antonutti

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

"SAREMO IN PIAZZA A ROMA CON LE SARDINE” - SIMONE DI STEFANO DI CASAPOUND: “VEDIAMO SE VOGLIONO DAVVERO CAMBIARE LE COSE ANCHE SE HO I MIEI DUBBI. SECONDO ME SARÀ UNA PIAZZA DI RAGAZZI SISTEMATI, SENZA TROPPI PROBLEMI, NON CI TROVEREMO GENTE DELLA PERIFERIA ROMANA - UNA COSA CHE C’È DI BUONO DELLE SARDINE È VOLER CAMBIARE LA NARRAZIONE, IN UNA NAZIONE IN CUI SI PARLA SOLO DI ODIO, DI IMMIGRATI, DI RAZZISMO, ANTIRAZZISMO. BISOGNA SPOSTARE L’ATTENZIONE: QUI SERVE UN LAVORO STABILE, UNA CASA DI PROPRIETÀ, POTERSI FARE UNA FAMIGLIA”

business

cronache

sport

cafonal

"BUONISSIMA LA PRIMA" – MATTIOLI: "I VESPRI SICILIANI’ AL COSTANZI DI ROMA RESTERANNO UNA PIETRA MILIARE NELLA STORIA INTERPRETATIVA DELL'OPERA DI VERDI - TRIONFO PER DANIELE GATTI: CON LUI SUL PODIO L'ORCHESTRA SI SUPERA - QUALCHE BABBIONESCA CONTESTAZIONE PER LA REGISTA VALENTINA CARRASCO SU UNA SCENA DOVE LE BALLERINE SI SCAMBIAVANO SECCHIATE D’ACQUA: NOSTALGIA DEL TUTÙ? - LA SINDACA VIRGINIA RAGGI ARRIVA IN RITARDO, FA UN INGRESSO TIPO JOAN COLLINS IN UNA SERIE TIVÙ ANNI OTTANTA E VIENE IGNORATA DAI PIÙ'' - VIDEO

viaggi

BEVI E GODI CON CRISTIANA LAURO - GIANFRANCO VISSANI SARA PAZZARIELLO QUANTO VI PARE, MA QUANDO SI METTE AI FORNELLI RESTA QUEL GRANDE CHEF CHE È SEMPRE STATO. ALLA FACCIA DEI FRANCESI CHE TRATTANO UNO DEI MONUMENTI DELLA TAVOLA ITALIANA (CASA VISSANI A BASCHI, TERNI) COME SE FOSSE UN BISTROT - AL GALA DINNER PER LA NUOVA GUIDA BIBENDA DELLA FONDAZIONE ITALIANA SOMMELIER DI FRANCO RICCI, VISSANI HA TIRATO FUORI SENSIBILITA E CORAGGIO, E UN RISOTTO IMPECCABILE PER OLTRE MILLE PERSONE

salute